Come proteggere il gatto dal caldo estivo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il caldo estivo raggiunge temperature che possono mettere a dura prova il fisico di molti animali, uomo e gatto compresi. Per proteggere i gatti ci sono accorgimenti che variano a seconda del colore e della razza del gatto, e a seconda del tipo di vita che conduce (se ha accesso all'ambiente esterno o se è in casa).
Ecco come proteggere il nostro gatto dal caldo estivo seguendo questi semplici e pratici consigli.

24

Come applicare la crema solare

I gatti col mantello bianco sono molto delicati e soffrono tantissimo per i danni provocati dai raggi del sole. Sono infatti più soggetti alle scottature e all'insorgenza di tumori della pelle, proprio per l'assenza di protezione data dalla mancanza dei pigmenti. Se il gatto bianco esce di casa, proteggetelo applicando la crema solare su orecchie e muso (sono le parti generalmente più "rosate" perché si vede il colore della pelle sottostante). Questo vale anche per i gatti con muso e orecchie bianche, perché sono esposti proprio dove c'è più bisogno di riparo. I siamesi con le estremità scure e il corpo chiaro hanno invece una pigmentazione che protegge i punti delicati e tiene fresco il corpo. Se avete un gatto con la pelle nuda, saprete già che vista la sua estrema delicatezza non deve uscire al sole.

34

Come far circolare l'aria

Se i gatti vivono in casa attuate tutte le strategie per tenere la casa fresca: questo porterà beneficio a tutta la famiglia. Quindi, nei giorni più caldi, chiudete gli scuri o abbassate le tapparelle entro le undici del mattino, lasciando una fessura per far entrale un po' di luce e per far circolare l'aria. Se avete la doppia esposizione nord-sud, create corrente lasciando aperte due finestre (o porte). Abbassate le tende da sole prima di mezzogiorno: qualsiasi barriera fra il sole e la casa manterrà la temperatura più bassa. Se è molto caldo, accendete un ventilatore (non il condizionatore, che va usato solo in casi di emergenza, per il benessere di tutti), meglio se è basso, così "pescherà" aria più fredda.

Continua la lettura
44

Come utilizzare gli asciugamani

Se il gatto subisce un colpo di calore (temperatura sopra i 40 gradi, iperventilazione, ansia, affanno, ma anche sonnolenza negli stadi più gravi) raffreddatelo velocemente senza causargli uno shock: non immergetelo in acqua fredda, ma bagnate il collo, le ascelle e la regione inguinale. Avvolgetelo delicatamente in un asciugamano bagnato e portatelo dal veterinario per assicurarvi che sia tutto a posto. Non bisogna assolutamente mettere un gatto in affanno per il caldo in un luogo troppo freddo! Il rischio è quello di aggravargli l'eventuale blocco respiratorio che sta vivendo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come proteggere il criceto dal caldo estivo

Con l'arrivo della calura estiva, iniziano i piccoli e grandi problemi, per taluni animali che soffrono in maniera particolare il caldo eccessivo. Per tutte le specie l'eccessiva temperatura può causare problemi, ma soprattutto quelle più piccole e...
Cani

5 suggerimenti per proteggere i cani dai colpi di calore

Bisogna stare molto attenti all'afa insopportabile o ai raggi diretti del sole per i nostri piccoli o grandi amici a quattro zampe. Quando fa caldo loro soffrono più di noi, non solo, ma rischiano anche di più. Dobbiamo essere noi che li amiamo a difenderli...
Rettili e Anfibi

Come intervenire in caso di morso di vipera

Non c'è nulla di più sgradevole del rimanere vittima di un morso di vipera mentre ci si accinge a raggiungere un bel rifugio di montagna o mentre si è accampati in un prato consumando la meritata colazione al sacco dopo una sgobbata su aspri sentieri....
Cani

Come curare la leishmaniosi canina

La leishmaniosi è una malattia canina grave ed insidiosa, dovuta all'infestazione delle cellule della pelle e delle mucose da parte del protozoo flagellato Leishmania. Il periodo di incubazione ha una durata assai variabile, da alcune settimane a qualche...
Cani

Come salvare un cane dal soffocamento

Sono sempre più le persone, al giorno d'oggi, che decidono di adottare un cane perché questo è in grado di dare sempre affetto e felicità. Tuttavia quando si adotta un'animale, oltre agli aspetti positivi bisogna prima capire se saremo in grado di...
Cani

Come ridurre la flatulenza nel cane

A causa del normale processo digestivo, anche i cani a volte emettono delle flatulenze. Questo è normale, ma delle volte può avvenire in maniera eccessiva o con odori più sgradevoli del solito. Per imparare a ridurre la flatulenza nel cane, bisogna...
Cani

Classifica: le 10 razze più buffe di cani

I cani sono tutti animali meravigliosi, ma si tratta di una specie molto variegata, in cui i singoli esemplari di diverse razze possono differire moltissimo gli uni dagli altri, per dimensioni, colore del manto, indole e innumerevoli altre caratteristiche,...
Animali da Compagnia

Gattini: le coccole che adorano

Tutti coloro che possiedono un gatto amano coccolarlo e giocarci assieme, ma data la natura schiva del felino a volte può risultare difficile che apprezzi i nostri trattamenti affettuosi e che si stufi subito delle nostre coccole. Può dunque essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.