Come proteggere il pollaio dalle faine

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Senza dubbio, sarà capitato anche a voi di imbattervi nei molteplici predatori da cui dobbiamo ben guardarci se teniamo al nostro piccolo pollaio. Uno tra questi è proprio la faina, un mammifero di piccola taglia, della famiglia dei mustelidi che può raggiungere anche i due chili di peso. Il suo manto è solitamente di un color marrone, con una macchia bianca sul petto, lunga circa 40-50 cm, con denti molto affilati da rosicchiare perfino i cavi delle macchine. Infatti nel nord Europa, dove è maggiormente diffusa, vengono utilizzati degli spray anti martora/faina. Predilige muoversi di notte, approfittando della scarsa visibilità, per mimetizzarsi. Come proteggere il pollaio dalle faine ve lo spiegheranno gli esaurienti passi di questa guida.

26

Occorrente

  • rete antimustelide
  • trappole
36

Ricerca delle soluzioni

Di seguito riporterò a mio avviso, le due soluzioni ritenute tra le più attendibili e valide per evitare eventuali danni al pollaio:

1 La creazione di un recinto con rete immersa, per evitare che la faina possa possa scavare e crearsi un varco.
2 L'uso autorizzato di trappole che possano in breve tempo risolvere il problema.

46

Creazione di un recinto con rete immers

1° Soluzione:
La prima soluzione, è proprio quella di creare un recinto adatto al pollaio, ovvero sul perimetrale. Si procede in questo modo:- fare uno scavo nel terreno di 20/30 cm di profondità e largo 20 cm circa, armandolo con ferri appositi da armatura, recuperabili in qualsiasi centro edile o in uno dei tanti negozi di hobbistica; di seguito, ancorare una rete metallica a maglia stretta alta 3 m, di cui 50 cm spioventi verso l'esterno, in modo da rendere più difficoltoso la salita della faina, con i pali direttamente nel cemento ancora fresco, così una volta solidificato anche se il nostro predatore volesse scavare nel terreno, incapperebbe nella zona cementata rendendo molto difficoltoso l'attraversamento. Mettendo la rete bisogna fare attenzione a mantenere il tutto il più a piombo possibile.

Continua la lettura
56

Utilizzo autorizzato di trappole

2° Soluzione: Nel caso in cui la faina riesca ad addentrarsi nel pollaio nonostante il recinto descritto sopra, si può ricorrere ad utilizzare delle trappole. Possono andare bene le gabbie per topi e roditori che vanno collocate all'interno del pollaio, cercando di attirare la faina con resti vegetali o con esche vive, prestando attenzione a non coprire con il nostro l'odore dell'esca. Queste gabbie in genere, sono dotate di cattura a scatto della misura di 120 cm x 25 cm x 18 di altezza. È fondamentale che la cattura venga autorizzata dalla competente Amministrazione Provinciale, alla quale bisogna rivolgersi per evitare in seguito dei problemi. In ogni caso questa non sarà una misura definitiva dal momento che, catturato un soggetto, presto un altro si insedierà nel territorio lasciato libero.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

Come aiutare animali in via d'estinzione

All'interno di questa guida, andremo a parlare di animali. Nello specifico, in questo caso, ci dedicheremo agli animali in via d'estinzione. Cercheremo di rispondere a quest'interrogativo: come si possono aiutare gli animali in via d'estinzione?Un interrogativo...
Altri Mammiferi

I 10 mammiferi in via d'estinzione e più rari al mondo

Al giorno d'oggi esistono moltissime specie di mammiferi che vivono in varie parti del mondo. Molte di queste sono specie molto rare, che si trovano solo in una zona della terra e che potrebbero andare in contro all'estinzione. Negli ultimi anni sono...
Altri Mammiferi

Tutto sul Pony Shetland

Lo Shetland ha origine nelle isole Shetland, all'estremo nord della terraferma scozzese. Per molti secoli i pony Shetland viveva allo scoperto, grazie alla sua folta chioma che lo proteggeva dalle intemperie; questa razza di pony venne addomesticata nel...
Altri Mammiferi

Tutto sull'alce

L'alce è un mammifero delle zone polari che appartiene alla famiglia dei cervidi. È un ruminante di grandi dimensioni, secondo solo al bisonte e all'orso. È diffuso soprattutto in Alaska, Nord America, Norvegia, Russia e Siberia, ma si trova anche...
Altri Mammiferi

Come preparare una lettiera per cavalli

La lettiera è fondamentale per mantenere la buona salute dei cavalli: il suo compito è quello di assorbire le urine degli equini evitando dunque che si diffondano infezioni, limitare i cattivi odori ed evitare il proliferarsi dei parassiti. Tantissime...
Altri Mammiferi

I 10 mammiferi più rari al mondo

Le specie si estinguono. Si tratta di un fenomeno biologico naturale molto lento che viene compensato dalla comparsa di nuove specie. Ciò permette di mantenere un certo equilibrio nell'ecosistema, garantendo una giusta varietà degli organismi viventi....
Altri Mammiferi

Tutto sul fennec

Nel nord Africa, precisamente nel deserto del Sahara, vive un piccolo mammifero chiamato fennec. Forse non tutti ne hanno sentito parlare, ma si tratta di una specie molto diffusa. Comunemente è noto come "volpe del deserto" e la sua caratteristica somatica...
Altri Mammiferi

Tutto sulla pantera

La pantera è un animale molto temuto, misterioso ed affascinante. Il suo nome scientifico è Panthera Pardus, la sua classificazione risale al 1758; è una specie carnivora appartenente alla famiglia dei Felidi. Il suo habitat comprende l'intero territorio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.