Come proteggere il pollaio dalle faine

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Senza dubbio, sarà capitato anche a voi di imbattervi nei molteplici predatori da cui dobbiamo ben guardarci se teniamo al nostro piccolo pollaio. Uno tra questi è proprio la faina, un mammifero di piccola taglia, della famiglia dei mustelidi che può raggiungere anche i due chili di peso. Il suo manto è solitamente di un color marrone, con una macchia bianca sul petto, lunga circa 40-50 cm, con denti molto affilati da rosicchiare perfino i cavi delle macchine. Infatti nel nord Europa, dove è maggiormente diffusa, vengono utilizzati degli spray anti martora/faina. Predilige muoversi di notte, approfittando della scarsa visibilità, per mimetizzarsi. Come proteggere il pollaio dalle faine ve lo spiegheranno gli esaurienti passi di questa guida.

26

Occorrente

  • rete antimustelide
  • trappole
36

Di seguito riporterò a mio avviso, le due soluzioni ritenute tra le più attendibili e valide per evitare eventuali danni al pollaio:

1 La creazione di un recinto con rete immersa, per evitare che la faina possa possa scavare e crearsi un varco.
2 L'uso autorizzato di trappole che possano in breve tempo risolvere il problema.

46

1° Soluzione:
La prima soluzione, è proprio quella di creare un recinto adatto al pollaio, ovvero sul perimetrale. Si procede in questo modo:- fare uno scavo nel terreno di 20/30 cm di profondità e largo 20 cm circa, armandolo con ferri appositi da armatura, recuperabili in qualsiasi centro edile o in uno dei tanti negozi di hobbistica; di seguito, ancorare una rete metallica a maglia stretta alta 3 m, di cui 50 cm spioventi verso l'esterno, in modo da rendere più difficoltoso la salita della faina, con i pali direttamente nel cemento ancora fresco, così una volta solidificato anche se il nostro predatore volesse scavare nel terreno, incapperebbe nella zona cementata rendendo molto difficoltoso l'attraversamento. Mettendo la rete bisogna fare attenzione a mantenere il tutto il più a piombo possibile.

Continua la lettura
56

2° Soluzione: Nel caso in cui la faina riesce ad addentrarsi nel pollaio nonostante il recinto descritto sopra, si può ricorrere ad utilizzare delle trappole. Possono andare bene le gabbie per topi e roditori che vanno collocate all'interno del pollaio, cercando di attirare la faina con resti vegetali o con esche vive, prestando attenzione a non coprire con il nostro l'odore dell'esca. Queste gabbie in genere, sono dotate di cattura a scatto della misura di 120 cm x 25 cm x 18 di altezza. È fondamentale che la cattura venga autorizzata dalla competente Amministrazione Provinciale, alla quale bisogna rivolgersi per evitare in seguito dei problemi. In ogni caso questa non sarà una misura definitiva dal momento che, catturato un soggetto, presto un altro si insedierà nel territorio lasciato libero.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

5 dritte per allestire un pollaio

In questa guida andrò a darvi 5 dritte per allestire un pollaio. Nel caso in cui abbiate già il pollaio o dovete costruirlo da zero, questa lista di dritte vi tornerà assolutamente utile. Questo nel caso in cui vorrete allestire un pollaio coi fiocchi....
Cura dell'Animale

5 errori da evitare nella cura delle galline

Se abbiamo un piccolo pollaio ed intendiamo allevare con cura le galline, ci sono alcuni importanti accorgimenti da prendere per evitare di commettere errori che si ripercuotono sulla loro salute, e non ci consentono più di ottenere le tanto attese uova...
Volatili

Come allevare galline ovaiole all’aperto

Per chi possiede un terreno di campagna esistono tante possibilità per svolgere un'attività produttiva rispettosa della natura e producente in maniera soddisfacente, un esempio è dato dai tanti allevamenti di bestiame che è possibile realizzare laddove...
Cura dell'Animale

Come allevare i polli

Allevare polli è un'attività molto produttiva, che richiede però altrettanto impegno e costanza. Prima di cimentarti nell'impresa, valuta attentamente lo spazio ed il tempo a tua disposizione. Per ottenere prodotti di qualità (uova, carne o entrambi),...
Cura dell'Animale

5 regole d'oro per la cura delle galline

Se abbiamo a disposizione un bel giardino, dotato della giusta ampiezza o se magari abitiamo in campagna, l'allevamento e la cura delle galline possono rappresentare un'idea intrigante, sia se siamo interessati alla produzione di uova, sia se lo facciamo...
Cura dell'Animale

Come proteggere le galline dai parassiti

I parassiti, che tendono ad infestare le galline esternamente, sono un problema molto più frequente di quanto si possa immaginare e che tende ad aumentare nella bella stagione a causa delle temperature superiori. Questa breve ed attenta guida contiene...
Volatili

Come riconoscere un gallo

Il gallo è sicuramente la figura di spicco nel pollaio; questo animale canta alle prime luci dell'alba per annunciare il nuovo giorno. Esso si riconosce facilmente, anche se agli occhi delle persone inesperte può sembrare identico alla gallina. In realtà...
Volatili

Come preparare un nido per galline

Le galline sono definite “animali da cortile”, perché non hanno bisogno di un particolare habitat per sopravvivere. Ma possono essere allevate, appunto, anche in uno spazio antistante alla propria abitazione. Molti allevano le galline per molteplici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.