Come proteggere il porcellino d'india dal caldo

Tramite: O2O 22/04/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

Sono sempre di più le persone che decidono di adottare animali perché oltre a farci compagnia, ci aiutano a rilassarci quando rientriamo in casa dopo una stressante giornata di lavoro. Gli animali che generalmente vengono adottati sono i cani, i gatti, gli uccellini, i criceti, anche se oggi la cerchia si va sempre più allargando verso animali che mai ci saremo sognati di vederli in casa come animali di compagnia, come ad esempio il porcellino d'india. Quest'ultimo è un animale che ha bisogno di cure particolari sopratutto durante la stagione estiva perché soffre molto il caldo. La guida che segue ci aiuterà sicuramente, attraverso degli utili suggerimenti, come proteggere il porcellino d'india dal caldo.

25

Capire quando l'animale sente troppo caldo

In caso di temperatura ambientale particolarmente elevata, bisognerà cercare di evitare all'animale il colpo di calore che per esso potrebbe essere letale. Quando fa molto caldo, infatti, la temperatura corporea dei nostri animaletti potrebbe aumentare eccessivamente generando una situazione cosiddetta di ipertermia. Ciò significa che la capacità dell'organismo di regolare agli sbalzi di temperatura sarà venuta meno e la piccola cavia si troverà in estremo pericolo. In questi casi bisognerà agire immediatamente. Il "campanello d'allarme" dovrà scattare quando la temperatura ambientale salirà oltre i 27°C circa e, vedremo il nostro piccolo amico accasciarsi in un angolo della gabbia.

35

Evitare il colpo di calore al porcellini d'india

Dovremo cercare di prevenire il più possibile queste situazioni cercando di creare sempre l'ambiente ideale per il piccolo animale. Prima di tutto non dovremo mai lasciare la gabbietta o il recinto in piena luce solare, neppure dietro ad un vetro. Dovremo invece avere l'accortezza di posizionare la gabbietta in un luogo all'ombra e ben ventilato. Lasciare a disposizione delle cavie sempre acqua fresca in abbondanza, quando sentiranno caldo saranno portati a bere di più.

Continua la lettura
45

Intervenire con spugnature umide per far diminuire la temperatura corporea dell'animale

Sintomi come letargia o perdita di coscienza fanno immediatamente pensare al peggio. Dovremo cercare di far diminuire la sua temperatura corporea, cercando di raffreddarlo, esattamente come siamo capaci d'intervenire con un essere umano che presenta febbre alta, ossia con spugnature umide, in particolar modo sulle zampe. Mai usare il ghiaccio poiché il raffreddamento dovrà essere graduale. Se non dovessimo notare miglioramenti la cosa migliore sarà portare la cavia dal veterinario che sicuramente saprà fornirci delle utili indicazioni su come comportarsi in questi casi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

5 errori da evitare nella pulizia del porcellino d'India

Se abbiamo l'intenzione di allevare un porcellino d'India, è importante evitare alcuni banalissimi errori che potrebbero compromettere la sua sopravvivenza. Si tratta, infatti, di un esemplare che per vivere in condizioni ottimali ed a lungo, ha la...
Cura dell'Animale

Porcellino d'India: i cibi da evitare

Il porcellino d'india è un particolarissimo roditori originario del Sudamerica, ma molto diffuso in tutto il Mondo.Questo roditore è un carinissimo animale domestico, infatti esse viene chiamato anche cavia domestica.Se vogliamo adottare questo simpaticissimo...
Cura dell'Animale

Come tagliare le unghie ad un porcellino d'India

Ecco una bella guida, che vogliamo dedicare a tutti i nostri lettori, che come noi amano il mondo degli animali. Cercheremo di capire meglio, come e di cosa abbiamo bisogno per tagliare, in modo preciso, le unghie al nostro porcellino d’India. Un animale,...
Cura dell'Animale

Come scegliere la gabbia per un porcellino d'india

All'interno di questa semplice ma utile guida, troverete ottimi suggerimenti per la scelta della gabbia più idonea per il vostro porcellino d'india, un delizioso roditore di taglia media, elevato al ruolo di animale da compagnia quando gli inglesi e...
Cura dell'Animale

Porcellino d'india: le malattie più comuni

Chi possiede un porcellino d'india come animale domestico deve essere a conoscenza di eventuali patologie comuni che possono scaturire a tale animale. È giusto prestare le attenzioni su malattie che potrebbe contrarre: in questo modo potremmo dare a...
Cura dell'Animale

Come scegliere i giochi per il porcellino d’India

Per chi non ama l'euforia dei classici animali domestici come cani e gatti, si può provare a tenere un porcellino d'india. Sono piccoli, innocui, molto dolci e riescono a vivere fino a nove anni. Però hanno bisogno di molte cure veterinarie e di una...
Cura dell'Animale

Come proteggere il criceto dal caldo estivo

Con l'arrivo della calura estiva, iniziano i piccoli e grandi problemi, per taluni animali che soffrono in maniera particolare il caldo eccessivo. Per tutte le specie l'eccessiva temperatura può causare problemi, ma soprattutto quelle più piccole e...
Cura dell'Animale

5 consigli per proteggere i cani dal caldo

Il caldo torrido non è nemico solo dell'uomo ma anche del suo miglior amico: il cane. Quando le temperature salgono vertiginosamente a risentirne con noi gli effetti indesiderati sono proprio i nostri amici a quattro zampe. Caldo e afa rappresentano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.