Come pulire la vasca della tartaruga

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Tra i piccoli animali da compagnia, per chi non vuole prendersi l'impegno di avere un cane o un gatto, la scelta spesso cade sulla tartaruga, non necessita di cure particolari e ha poche esigenze. Tuttavia, chi decide di avere in casa una testuggine, deve prestare particolare cura alla pulizia della vasca (terrario) nella quale avremo creato il suo habitat. Ecco come pulire la vasca della tartaruga.

27

Occorrente

  • aceto, succo di limone, uno spazzolino vecchio, bicarbonato di sodio, una spazzola dura
37

La pulizia della vasca deve essere fatta almeno una volta al mese, meglio ogni 15 giorni, questo ci consentirà di preservare l'animale in buona salute e allo stesso tempo eviteremo il crearsi di odori sgradevoli in casa. Prima di tutto dobbiamo trovare un posto in cui mettere la tartaruga mentre effettuiamo la pulizia.

47

Svuotiamo la vasca dall'acqua sorca. Per farlo aiutiamoci con un sifone, è il metodo più veloce ed efficace, funziona come quando si aspira un liquido con la cannuccia, un'estremità del tubo la metteremo nella vasca e l'altra nel lavandino, azioniamo il motorino ed in poco tempo la vasca sarà vuota.

Continua la lettura
57

A questo punto la vasca è vuota e pronta per la pulizia, iniziamo togliendo tutti gli accessori all'interno e, con uno spazzolino ed aceto bianco o succo di limone, togliamo tutta la sporcizia attaccata ed il calcare, fatto ciò sciacquiamo abbondantemente sotto l'acqua facendo scivolare via eventuali residui. Puliamo anche il filtro dell'acqua, di cui ogni terrario deve essere dotato, basterà metterlo sotto l'acqua corrente, senza usare nessun prodotto, né naturale né chimico. Se sulle pareti della vaschetta sono presenti delle macchie di sporco, immergiamo una spugna poco abrasiva in un secchio con acqua tiepida. Spruzziamo qualche goccia di detergente sulla spugna e passiamola sulla macchia eseguendo dei movimenti circolari.

67

Attendiamo almeno 10 minuti, in modo che il sapone si imposti e che possa sgrassare al meglio la macchia. Prendiamo un panno in microfibra umido, lo passiamo in un secchio con acqua tiepida e lo strofiniamo sulla macchia. Ripetiamo questo procedimento fin quando la macchia non risulterà scomparsa. Assicuriamoci di aver rimosso ogni traccia di detersivo. Se la macchia persiste realizzimo una soluzione composta da acqua calda e limone; spruzziamola sulla macchia e attendiamo 10 minuti. Risciacquiamo solo con acqua. Versiamo l'acqua, facendo attenzione che la temperatura non risulti troppo fredda e riportiamo delicatamente all'interno della vaschetta, la nostra tartaruga.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non buttare l'acqua sporca ma usarla come concime per le piante

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come pulire il carapace della tartaruga dal calcare

Le tartarughe sono degli animali molto belli, ma anche molto delicati. Tra i vari tipi di tartarughe, quelle d'acqua dolce presentano una particolare necessità: la pulizia del carapace dal calcare. Sono molto soggette a questo tipo di problema, in quanto,...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Rettili e Anfibi

Guida all’acquisto di una tartaruga

La tartaruga è diventata già da un po' di anni l'animale domestico preferito di molte persone. Grazie alla sua mansuetudine e alla totale innocuità verso l'uomo, infatti, questo rettile è riuscito a conquistarsi le preferenze di molti amanti degli...
Rettili e Anfibi

Consigli per accudire una tartaruga

Se si decidete di allevare una tartaruga terrestre, è importante attenersi ad alcune regole ben precise, in modo da farla vivere bene e a lungo, visto che questo esemplare è molto longevo. In riferimento a ciò, ecco una lista in cui ci sono alcuni...
Rettili e Anfibi

5 alimenti da non dare alla tartaruga di terra

La tartaruga di terra è un simpatico e docile animaletto che, se trattato nel modo giusto e sempre rispettoso, può rivelarsi un ottimo animale da compagnia, amico di giochi perfetto per i più piccini ed anche per i più grandi. Una tartaruga di terra,...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga d'acqua

Allevare un animale in casa, è sempre un impegno che va portato avanti con enorme passione e pazienza, per consentirgli di vivere tranquillamente ed in ottima salute, ricreando al meglio il suo habitat naturale. In questa semplice e breve guida vedremo...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga di terra

Le tartarughe sono diffuse in tutto il mondo, limitatamente alle zone calde o temperate. Quella più comune in Italia è la tartaruga di Herman, lunga sino a 30 cm e pesante anche 2 Kg, caratterizzata dal carapace molto convesso. Al contrario di quanto...
Rettili e Anfibi

Come calcolare l'età di una tartaruga

Capire l'età di una tartaruga è un'operazione piuttosto difficile e ardua, tutt'altro che semplice. Le motivazioni di questa difficoltà si devono a due fattori principali. Il primo fattore è relativo alla longevità di questi animali che possono vivere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.