Come pulire le orecchie al gatto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Adottare un animale, come sappiamo, porta nella casa sempre molta allegria e compagnia. Naturalmente prima di decidere di adottarne uno, è necessario essere assolutamente sicuri di potergli sempre garantire una corretta alimentazione, tutte quante le cure di cui ha bisogno ed un po' del proprio tempo libero. Se è la prima volta che viene adottato un animale, su internet è possibile reperire moltissime guide in merito, le quali aiuteranno a prendere cura correttamente dei nuovi amici pelosi. In questa maniera sarà sufficiente seguire tutte quante le indicazioni riportate al loro interno, per riuscire a non fargli mai mancare nulla. Nei passi successivi di questa semplice ed esauriente guida, in particolar modo, andremo ad esaminare come comportarsi per riuscire a pulire correttamente le orecchie al proprio gatto. È risaputo che questi animali sono molto puliti e la maggior parte del loro corpo lo puliscono autonomamente. Ovviamente in alcuni casi potrebbe essere necessario dargli una mano, ed in questa guida vedremo come fare.

26

Occorrente

  • Tamponi o garza di cotone
  • Soluzione specifica per orecchie
36

Prima di continuare con le cure igieniche, è buona regola prendere in braccio il gatto e tenerlo stretto per evitare che fugga oppure che scuota il capo durante la propria operazione di pulizia. Si consiglia di eseguire la pulizia in un momento in cui il gatto è tranquillo, ad esempio quando è assonnato e non in periodi della giornata in cui è irritato e tende a scappare qua e la. A seguire, spiegheremo la tecnica precisa da praticare, per effettuare una buona pulizia.

46

Dopo averlo immobilizzato correttamente, è necessario inserire alcune gocce di una soluzione usata per la detersione delle orecchie dell'animale. Si può acquistare questa soluzione in un qualsiasi negozio per animali. Il prossimo procedimento, quindi, è quello di instillare i prodotto nelle orecchie, per poi lasciargli fare il loro effetto per alcuni minuti, tenendo ben salda la testolina del gatto che sarà tentato di agitarla, essendo infastidito dal liquido. Dopo circa 3 minuti, si può fare in modo che il gatto agiti la testolina, in modo tale da favorire l'espulsione della soluzione che nel frattempo avrà sciolto il cerume.

Continua la lettura
56

Dopo pochi secondi, occorre ripetere la medesima operazione con dell'acqua tiepida, per poi lasciar espellere il tutto attraverso l'agitazione del capo. Tramite l'ausilio di alcuni tamponi, è necessario asciugare la parte interna dell'orecchio delicatamente. Dopo aver pulito un orecchio, si può gettare il tampone sporco, per poi ripetete la medesima operazione con uno nuovo e pulito, sull'altro orecchio. Si suggerisce di ripetere quest'operazione almeno una volta ogni due mesi. Si ricorda, tra l'altro, che se il gatto si gratta spesso l'orecchio e quest'ultimo appare arrossato, è consigliabile recarsi il prima possibile da un veterinario, dal momento che potrebbe esserci in atto un'otite. In questa maniera, attenendosi ai pochi passaggi riportati nei passi di questa breve guida, si riusciranno a mantenere sempre pulite le orecchie del proprio amico gatto, evitandogli di contrarre alcune pericolose e fastidiose malattie infettive.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' meglio che il micio si abitui a questa procedura fin da cucciolo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

La corretta cura di unghie, pelo e orecchie del gatto

Come certamente tutti ben sanno, il gatto è uno degli animali più puliti in assoluto. Se osserviamo attentamente il gatto di casa nostra, ci accorgiamo che gran parte della giornata la passa pulendosi con molta attenzione. Questo però non preclude...
Gatti

Come pulire la lettiera del gatto

Ecco un'utile guida, attraverso il cui aiuto, poter essere in grado d'imparare come pulire, nella maniera più semplice, ma efficace possibile, la lettiera del proprio gatto. Pulire per bene ed in profondità la lettiera del gatto, è un modo per salvaguardare...
Gatti

Rimedi naturale per pulire i denti del gatto

Se in casa abbiamo un gatto, tra le varie cure è fondamentale occuparci dei suoi denti; infatti, come gli esseri umani sono soggetti ad incorrere anche in carie e gengiviti. Il problema principale che impedisce di pulire i loro denti, dipende dal tipo...
Gatti

Come pulire gli occhi del gatto persiano

Il gatto persiano è considerato da tutti una delle razze più pregiate al mondo, ed è anche un ottimo animale da compagnia. Ha un portamento che lo si può definire aristocratico. Questa meraviglia ha un carattere molto dolce, docile e pacifico ed inoltre...
Gatti

Come pulire la lettiera del gatto con ingredienti naturali

La lettiera garantisce al gatto un ambiente fresco e confortevole. Solitamente, viene utilizzata per i bisogni liquidi e solidi. In commercio sono disponibili quelle a base di argilla, sabbia, legno o fibra vegetale. Bisogna abituare il gatto alla lettiera...
Gatti

10 consigli per pulire i denti al gatto

Tutti gli animali hanno bisogno di avere denti sani e curati. Per assicurare il giusto benessere all'animale dunque occorre seguire alcuni semplici ma fondamentali suggerimenti. In questa guida pertanto verranno elencati dieci pratici consigli per pulire...
Gatti

Come pulire gli occhi al gatto

I gatti sono animali che tengono moltissimo alla loro igiene personale. Gli occhi, però, rappresentano una zona che per loro è molto delicata, importante ma allo stesso tempo non semplice da pulire. Se vedete in questa determinata zona delle secrezioni...
Gatti

Come pulire la cuccia del gatto

Tanti ormai hanno un animale domestico in casa o magari sono in procinto di prenderne uno, ma a volte si è spaventati da come mantenere pulito il loro ambiente di modo che lo sia anche la casa. Cani, uccelli, furetti, pappagallini, criceti: gli italiani...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.