Come realizzare in casa il mangime per uccelli

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nutrire gli uccelli è un passatempo gratificante e un ottimo modo per identificare le diverse specie della zone, che è una buona informazione se si prevede di utilizzare piante autoctone nel nostro giardino per attirare determinate specie. Inoltre, è anche un ottimo modo per condividere l'amore per la fauna selvatica con i bambini, i quali potrebbero essere troppo piccoli per poter utilizzare un binocolo. Nei negozi di animali domestici si possono trovare svariate tipologie di mangimi per diverse specie di uccelli, ma spesso questi contengono dei conservanti che di certo non giovano alla salute dei nostri amici volatili. Fare il cibo con le proprie mani è dunque la soluzione ideale per risparmiare, ma soprattutto per garantire un'ottima nutrizione agli uccelli. Vediamo allora come realizzare in casa il mangime per uccelli.

25

Occorrente

  • Pasta
  • Pane grattugiato
  • Uovo
  • Lattuga
  • Formaggio grattugiato
  • Legumi secchi
35

Il primo ingrediente è la pasta, quella che si trova confezionata in ogni supermercato, che siano spaghetti o rigatoni, qualsiasi tipo di pasta andrà bene. Prendiamone quindi un po', naturalmente cruda, e maciniamola con l'aiuto di un macinino fino ad ottenere una specie di polvere. A questo punto, spostiamola in un piatto ed aggiungiamo un cucchiaio di pane grattugiato. Prendiamo adesso un uovo, facciamolo bollire fino a farlo diventare sodo, sgusciamolo, maciniamo sia il bianco che il tuorlo ed uniamolo al nostro impasto.

45

Prendiamo ora del formaggio grattugiato ed aggiungiamo anche questo all'impasto. Come ultimo ingrediente, mettiamo una foglia di lattuga dopo averla sminuzzata per bene. Inoltre, possiamo aggiungere anche dei legumi secchi come ceci o fagioli, sempre macinati, in modo da rendere più ricco il nostro impasto.
Mettiamo il mangime in frigorifero per evitare che si guasti; infatti, ingredienti come formaggio e uovo possono subire deterioramenti se non sono ben conservati. Prendiamo un piattino o una mangiatoia e mettiamo dentro un po' del nostro mangime, lasciandolo a completa disposizione degli uccelli.

Continua la lettura
55

Dopo massimo 10 ore ricordiamoci di togliere il mangime dalla gabbia, poiché il formaggio presente nell'impasto, essendo fuori dal frigorifero, potrebbe deteriorarsi causando problemi di salute (nel peggiore dei casi anche la morte) del nostro uccello. Possiamo poi mettere a disposizione del volatile una nuova porzione di mangime casereccio. Se non vogliamo avere questa incombenza, possiamo anche non mettere il formaggio nel mangime, così da non correre rischi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come eliminare i pidocchi dagli uccelli

Anche gli animali, come gli esseri umani, possono soffrire di malattie e disturbi di vario genere. Molti di noi godono della compagnia di animali domestici. Cani e gatti sono certamente in cima alle preferenze per chiunque adotti un nuovo amico. Pertanto...
Cura dell'Animale

Come prendersi cura delle cocorite ondulate

Chiamato anche parrocchetto australiano o più semplicemente 'cocorita', il parrocchetto ondulato è un uccello originario dell'Australia ed è presente in cattività in moltissime zone del globo. Solitamente non sopravvive in natura al di fuori del proprio...
Cura dell'Animale

Come costruire una mangiatoia per polli

Se avete un piccolo allevamento di polli e vi occorre una mangiatoia, sappiate che non è necessario acquistarla in quanto è possibile realizzarla in modo molto semplice basta, semplicemente, un po' di manualità. A tale proposito, attraverso i passi...
Cura dell'Animale

Come capire se il tuo animale è sovrappeso

La nostra cultura comprende da tempo immemore l'allevamento di animali nel focolaio domestico. Cani, gatti, uccelli di piccola taglia, pesci, roditori e quant'altro spesso e volentieri fanno parte di molte famiglie, addirittura, arrivando ad essere componenti...
Cura dell'Animale

Come leggere le etichette dei cibi per cani

In questa guida andremo a dedicarci ai nostri amici cani, andando ad argomentare su come poter leggere le etichette dei cibi per cani. Lo faremo passo dopo passo, in modo da farvi comprendere tutte le voci utili per farsi un'idea di base sui prodotti...
Cura dell'Animale

Come avviene il fenomeno della migrazione degli animali

La migrazione rappresenta uno spostamento di un qualsiasi essere, da quella che è la sede abituale verso un'altra, che risulti essere più congeniale ed adeguata a delle nuove necessità. Il fenomeno della migrazione caratterizza molte specie animali...
Cura dell'Animale

Come realizzare uno shampoo naturale per cani e gatti

In Italia, ogni anno vengono spesi circa 500 euro a testa per la cura dei nostri animali: veterinario, cibo e prodotti per la loro igiene. Non si tratta di cifre assolutamente basse: si potrebbe, perciò, pensare ad una soluzione per potere risparmiare...
Cura dell'Animale

Come realizzare uno spray antiparassitario naturale

Se intendiamo realizzare in casa uno spray antiparassitario naturale, possiamo usare alcuni ingredienti che non nuocciono alla salute umana e nel contempo sono ben tollerati anche dagli animali. Si tratta di sostanze che si possono reperire facilmente,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.