Come Realizzare Un Filtro Per L'Acquario Delle Tartarughe D'Acqua Dolce

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Le tartarughe d'acqua dolce, se allevate bene, crescono molto rapidamente e non possono rimanere all'interno di una vaschetta, poiché soffrirebbero parecchio. Un acquario che si rispetti ha però bisogno di un filtro, il quale se realizzato in maniera ottimale, garantisce un'acqua limpida e un ambiente ottimale in cui i vostri piccoli amici possono crescere in tutta libertà. La guida proposta in seguito vi spiegherà come realizzare un filtro efficace per le vostre tartarughe. Tutto l'occorrente è facilmente reperibile in un negozio di animali. Vediamo insieme i vari passaggi.

26

Occorrente

  • Tubetti in ceramica
  • Lana filtrante
  • Carbone iperattivo
36

Nel reparto dell'acquario destinato al filtraggio disponete sul fondo uno strato di tubetti in ceramica alto circa quattro centimetri. Questi tubetti sono fondamentali per il buon funzionamento del filtro e non vanno mai cambiati, dato che la flora batterica che attecchisce fa in modo da trasformare l'ammonio in nitrato e quindi regolare l'ecosistema. Maggiore è la porosità e l'irregolarità della forma, meglio svolgeranno il loro lavoro. Posizionate a questo punto la lana filtrante, la quale servirà a trattenere le impurità. Le fibre atossiche filtrano così l'acqua e permettono ai microrganismi che si vengono a creare di effettuare un vero e proprio filtraggio biologico.

46

In alternativa o anche in aggiunta potete tranquillamente utilizzare due spugne di materiale espanso costituite da due porosità differenti. Adesso non resta che passare al carbone iperattivo, che va riposto nell'ultima parte del filtro. Il carbone iperattivo serve a pulire i residui di sporco formando un'area porosa che ferma questi ultimi, i quali vengono poi assimilati dal carbone stesso. È necessario usare con moderazione i carboni attivi, in quanto svolgono la funzione di assorbimento talmente forte che potrebbero togliere sostanze fertilizzanti alle eventuali piante presenti nell'acquario.

Continua la lettura
56

È bene tenere a mente dei piccoli accorgimenti da utilizzare per mantenere sempre in funzione il nostro filtro. Accade però che che con il passare del tempo si formi della melma sui tubetti di ceramica: quando ciò accade non vi resta altro da fare che prendere una bacinella, riempirla con un po' di acqua dell'acquario e sciacquate i tubetti in modo rapido. Successivamente potrete riposizionarli. In questo modo non intaccherete la flora batterica che si era formata nel vostro acquario. È consigliabile lavare la lana filtrante almeno una volta a settimana. Se si tratta di acquari in cui sono presenti delle piante, utilizzate il carbone attivo a settimane alternate, in modo da non eliminare troppe sostanze preziose per la fertilizzazione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' consigliabile lavare la lana filtrante almeno una volta a settimana.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Tartaruga d'acqua dolce: costruire un acquario su misura

Gli amanti delle tartarughe marine sono tanti e sempre di più si tende a tenere in casa come animale da compagnia un animale appartenente alla famiglia delle testuggini, perché sostanzialmente si tratta di animali a bassa manutenzione. Tuttavia è bene...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un acquario per tartarughe

Quando si decide di ospitare in casa una o più tartarughe, dobbiamo anche essere consapevoli che non potranno vivere perennemente all'interno di una vaschetta. Come tutti gli esseri viventi presenti sul pianeta, hanno la necessità di avere spazio a...
Rettili e Anfibi

Come allestire un acquario per le tartarughe

Quando si decide di prendere un animale è bene conoscere per bene tutto ciò di cui ha bisogna per soddisfare le sue esigenze. Diventa quindi fondamentale, per quanto ovviamente possibile, garantire un ambiente che possa farle crescere serenamente. In...
Rettili e Anfibi

Come accudire una tartaruga d'acqua dolce

La tartaruga d'acqua dolce è un animale simpatico e tenero da tenere. Spesso però, vedendo le tartarughe in un negozio d'animali, si è tentati d'acquistarne una, spesso senza conoscere le caratteristiche e le esigenze di questo particolare e delicato...
Rettili e Anfibi

Tartarughe d'acqua: 5 cose utili da sapere

Se in casa abbiamo deciso di allevare delle tartarughe d'acqua, è importante sapere che per farle vivere a lungo e crescere bene, sono necessari alcuni fondamentali accorgimenti. Si tratta infatti, di quelli strettamente strutturali, ma anche funzionali...
Rettili e Anfibi

Tutto sulle tartarughe d'acqua

Allevare un animale non è un'operazione facile o banale. Questo perché quando si decide di allevare un animale bisogna conoscere le sue abitudini, lo stile di vita e l'habitat adatto. Questi sono tutti fattori fondamentali per permettere all'animale...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare una tartaruga di acqua dolce

Facilmente reperibili nei negozi di animali o nelle fiere a prezzi accessibili, le tartarughe di acqua dolce hanno origini antichissime. Una corretta alimentazione ed il rispetto delle abitudini, le rendono molto longeve. Solitamente questi rettili sono...
Rettili e Anfibi

Tartarughe d'acqua: come avviene la riproduzione

Se avete la passione per le tartarughe ed in particolare per quelle d'acqua, ed intendete riprodurle, potete farlo seguendo però delle specifiche linee guida. In riferimento a ciò, nei passi successivi troverete tutte le informazioni che vi servono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.