Come realizzare un rabbocco automatico per acquario

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando si possiede un acquario in casa, bisogna stare molto attenti alla manutenzione se si vuole preservare la sopravvivenza di questo habitat e degli esseri che ci vivono. Esso perciò necessita di tante cure particolari. Specialmente quando è estate e fa molto caldo, l'acquario necessita di un rabbocco automatico, che diventa fondamentale quando si è in vacanza e quindi non si è fisicamente a casa per diversi. Tale sistema consente perciò di tenere continuamente un giusto livello d'acqua nell'acquario. Questo articolo aiuterà ad imparare come realizzare un sistema di rabbocco automatico per acquario, in maniera semplice ed utilizzando materiali facilmente reperibili.

26

Occorrente

  • Due galleggianti a sistema verticale
  • un galleggiante a sistema orizzontale
  • una pompa per acquario
  • un tubo di raccordo in gomma
  • una tanica in acciaio
36

Se la pompa che filtra l'acqua nell'acquario è a secco, non funziona, e questo può capitare quando il livello dell'acquario si abbassa a causa dell'evaporazione per il troppo caldo. La pompa perciò potrebbe funzionare inutilmente e rompersi bruciando il motore, costringendo ad acquistarne una nuova. Per questo il rabbocco automatico è molto importante, poiché dà la sicurezza di non lasciare la pompa vuota e perciò di partire per le vacanze in tutta serenità. Per tale lavoro sono necessari due galleggianti verticali, un galleggiante orizzontale, una pompa per acquari e un tubo da raccordo in gomma.

46

Sistemare i due galleggianti verticali sul bordo dell'acquario, per controllare il livello minimo e massimo dell'acqua. Il terzo galleggiante serve da livello minimo nel serbatoio di riserva, pertanto va posizionato nella vasca di aggiunta. In questa vasca si posiziona anche la pompa alla quale si attacca il raccordo di gomma. Il tubo va poi fissato all'altro tubo di mandata del filtro, magari aiutandosi con una fascetta in plastica. Regolando così i due galleggianti verticali fissati all'acquario, non appena il livello sarà più basso di quello tarato la pompa esterna nella vasca di rabbocco si azionerà automaticamente facendo tornare l'acqua ad un livello accettabile.

Continua la lettura
56

Tutto l'occorrente per creare il rabbocco automatico si può comprare su internet, dove è possibile trovare ogni pezzo. Evitare di coinvolgere il negoziante che fornisce i pesci, perché cercherà di vendere sistemi costosissimi che fanno lo stesso identico lavoro. Per la vasca di rabbocco si consiglia una tanica in acciaio da almeno 30 litri, se si vuole essere sicuri e non si hanno problemi di ingombro, prendere una tanica sempre in acciaio in questo caso però da 50 litri.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Come scegliere l'illuminazione di un acquario

L'illuminazione è, senza dubbio, uno dei fattori fondamentali in un acquario, infatti permette la visibilità del contenuto della vasca, la sopravvivenza di piante e pesci e, la stabilità del loro bioritmo. Un ruolo fondamentale viene giocato dall'intensità...
Pesci

Come scegliere i pesci per l’acquario tropicale

Scegliere i pesci per il nostro acquario può essere molto semplice ma nello stesso tempo impegnativo. Bisogna conoscere le specie di tutti i pesci o chiedere informazioni al venditore se i pesci che stiamo comprando o che compreremo andranno d'accordo...
Pesci

Come cambiare l'acqua nell'acquario: piccola manutenzione

Gli acquari, in modo particolare quelli molto grandi, rappresentano uno straordinario complemento d'arredo, nonché un lavoro non indifferente. Le pompe moderne consentono un agevole cambio dell'acqua. Ma non tutti possono permettersi strumenti così...
Pesci

Come mettere dei pesci in un nuovo acquario

Allestire un nuovo acquario è, senza dubbio, un'esperienza emozionante. Spesso, però, accade che i pesci che v'introduciamo al suo interno muoiano uno di seguito all'altro. Creare un nuovo ambiente per i nostri pesci, infatti, non è un'operazione così...
Pesci

Come creare l'ambiente giusto in un acquario per pesci d'acqua dolce

Un acquario non va considerato solamente come una bel complemento di arredo, capace di rendere un ambiente della nostra casa più elegante e chic, ma dobbiamo sempre tenere a mente, che prima di tutto, l'acquario è la casa dei nostri pesci. Come gli...
Pesci

Come aggiungere l'acqua all'acquario

Un acquario in casa è un colpo d'occhio davvero di grande impatto. Infatti i pesci colorati e il colore cristallino dell'acqua, danno un senso di armonia e di tranquillità. Allo stesso tempo, un acquario è simbolo di eleganza e classe. Curare un acquario...
Pesci

Come eliminare le diatomee da un acquario marino

Se siamo degli amanti del mondo marino sicuramente ci piacerebbe poterlo riprodurre in casa nostra in piccolo, realizzando un bellissimo acquario con moltissimi tipi di pesci differenti. Tuttavia avere un acquario richiede molta cura ed attenzione per...
Pesci

Come scegliere i pesci pulitori per l'acquario

Ogni acquario che si rispetti deve contenere al suo interno dei pesci pulitori. Nonostante alcuni ne facciano a meno, occorre tenere presente che essi sono una componente fondamentale per la fauna del nostro acquario. I pesci pulitori mantengono pulito...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.