Come riconoscere e curare l'acne felina

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Chi possiede un animale domestico sa quanto è importante controllare periodicamente il suo stato di salute, portandolo da un veterinario. Ma per certe malattie o disturbi si può evitare di ricorrere al parere di un esperto, soprattutto se si conosce bene il proprio animale. I gatti, ad esempio, possono soffrire di un disturbo chiamato acne felina. Se notate che il vostro amico a quattro zampe presenta delle macchie sul muso non vi allarmate, perché potrebbe essere questo il caso. Nei passi successivi sono riportate le indicazioni per riconoscere questo disturbo ed anche come è possibile curare il gatto.

25

L'acne felina è un'infiammazione di ghiandole sebacee che può degenerare diventando un'infezione vera e propria. I gatti che sono soggetti ad allergie ed intolleranze alimentari hanno maggiori possibilità di soffrirne. Ma anche per i felini che soffrono di disturbi intestinali, squilibri ormonali e infestazioni parassitarie possono correre il rischio di ammalarsi di acne felina, che altro non è che un'alterazione del normale equilibrio epidermico.

35

L'acne nei felini si presenta, nella sua forma iniziale, come una serie di piccole macchie molto scure che in genere si localizzano sul muso, sul mento e sulle labbra. Quando questa situazione va a degenerare, le macchie scure vengono sostituite da un evidente gonfiore del mento e dalla possibile presenza di pustole ed ascessi. Le ghiandole tendono ad infettarsi perché il gatto è portato a grattarsi spesso, provocandosi in alcuni casi anche delle ferite.

Continua la lettura
45

Una volta che vi sarete accertati che il vostro gatto è affetto da acne, potete adottare alcuni accorgimenti che potranno arrestare il fenomeno sul nascere, quindo sono ancora presenti solamente le macchiette scure. Un primo metodo può essere quello di sottoporre la zona colpita a lavaggi di acqua e sapone neutro delicato, e di sciacquare con acqua tiepida cui avrete aggiunto una goccia di olio essenziale di lavanda o di tea tree. Entrambi questi oli sono molto efficaci per il trattamento di epidermidi con problemi di eccesso di sebo o infiammazioni. Un altro rimedio potrebbe essere quello di detergere la zona interessata con una soluzione d'acqua e tintura madre di calendula, la quantità suggerita è di circa dieci gocce per venti millilitri d'acqua; bagnate una piccola garza con questa soluzione e tamponate, infine asciugate bene il pelo.

55

Nei casi più gravi e in presenza di evidente infezione, sarà il caso di portare il gatto subito dal veterinario per trattamenti più efficaci. Per quanto riguarda la prevenzione, è quasi sempre consigliato sostituire le ciotole in plastica con delle altre in materiali che possano garantire un'igiene maggiore come il metallo, il vetro o la ceramica. Se nonostante tutti gli accorgimenti l'acne dovesse comunque manifestarsi, sarà meglio sottoporre il gatto ad alcuni test per verificare la presenza di allergie alimentari o problemi all'apparato endocrino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come curare gli animali domestici in maniera naturale: i traumi

Spesso e volentieri molti di noi scelgono, fin da piccoli, di accudire in casa degli animali domestici che finiscono con il diventare parte della nostra famiglia, specialmente se per tanti anni rimangono insieme a noi, nel nostro ambiente.Come per le...
Cura dell'Animale

Come curare una dermatite in cani e gatti

Se il cane oppure il gatto si gratta continuamente ed a volte si morde può avere la dermatite. Questo termine generico si riferisce ad un prurito infiammatorio della pelle; la dermatite può essere: cronica o temporanea. Essa è causata dall'ambiente...
Cura dell'Animale

Come curare un coniglio in appartamento

Se avete deciso di ospitare in casa un coniglio, sappiate che questo piccolo e grazioso essere richiede, al pari di tutti gli altri animali domestici, una cura ed un'attenzione continua. Ecco perché ci vorrà un impegno notevole e un'organizzazione della...
Cura dell'Animale

Metodi per riconoscere un uovo fecondato

Se abbiamo un allevamento di animali ovipari come ad esempio galline o canarini, ed intendiamo sapere se un uovo è stato fecondato e quindi in grado di consentirci la riproduzione, ci sono alcuni metodi specifici per scoprirlo. A tale proposito ecco...
Cura dell'Animale

Volpino: come curare la pelliccia

Se tra i vostri capi di abbigliamento avete un collo o una pelliccia di volpino, è importante prendersene cura per evitare che si rovini; infatti, si tratta di un capo soggetto a muffa e tarme ed è facilmente deformabile. Per curare in modo adeguato...
Cura dell'Animale

Come riconoscere se il tuo coniglio nano sta bene

Il coniglio nano è ormai diventato a tutti gli effetti un animale domestico, ma pochi sanno che questo piccolo leporide è molto più delicato di un cane o un gatto. Se deciderete di adottarne uno, sarà bene considerare che necessiterà di molte cure...
Cura dell'Animale

Come pulire il pelo di un British shorthair

I British Shorthair è un gatto introdotto nell'Europa continentale dei Romani durante l'occupazione della Bretagna. Infatti questi gatti sono originari proprio del territorio anglosassone successivamente poi incrociati con altri gatti selvatici presenti...
Cura dell'Animale

Come prendersi cura di un gatto siamese

Se vogliamo occuparci di un gatto, dobbiamo tenere conto del fatto che un animale domestico ha bisogno di molte attenzioni e cure giornaliere. I gatti sono una buona alternativa ai cani. Si tratta di animali abbastanza indipendenti, anche se bisogna occuparsene...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.