Come riconoscere e gestire il pianto del cucciolo

Tramite: O2O 19/05/2020
Difficoltà: media
18

Introduzione

Accogliere un cucciolo ed ospitarlo sotto il proprio tetto significa allargare la famiglia. Si tratta di una scelta da effettuare con responsabilità, consapevoli del fatto che crescerlo vuol dire provvedere a tutti i suoi bisogni, alle sue cure e, soprattutto, imparare a comprenderne la psicologia. Una delle prime cose da apprendere è quella di capire di cosa ha bisogno quando piange: spesso è uno dei modi mediante i quali il cucciolo cerca di comunicare un suo malessere, legato, potenzialmente, a differenti cause. In questa guida sarà nostra intenzione illustrarvi come riconoscere e gestire il pianto del cucciolo. Vediamo dunque come comportarsi in questi casi.

28

Occorrente

  • Cuccia confortevole
  • Cibo come ricompensa
  • Ciotola con acqua fresca
38

Comprendere le cause

Il cucciolo non piange mai in assenza di un vero motivo, anche se identificare la causa che lo disturba non risulta quasi mai molto semplice. Alcune tra le cause potrebbero essere: fame, sete, necessità di coccole, male alla pancia, carenza dell'affetto materno. Una volta svezzato, se separato dalla mamma e dai fratellini, egli può andare incontro ad un piccolo o grande trauma. Ed è per questa ragione che i primi giorni possono risultare difficili e, per questo, il cucciolo necessita di tutto il vostro disponibile supporto per ambientarsi. Se il cucciolo piange quando lo lasciate da solo in casa i primi giorni, è del tutto normale che possa sentire la carenza d'affetto che gli è stata dimostrata nel giorno nel quale lo avete portato a casa, quando amici e parenti sono stati invitati a fargli le coccole ed a circondarlo di calore umano. È dunque importante evitare un impatto così brutale, mentre sarebbe meglio abituarlo poco per volta alla sua indipendenza.

48

Gestire i momenti di solitudine del cucciolo

Se il cucciolo piange di notte anche quando, per tutto il giorno, non lo avete lasciato solo, ciò può risultare del tutto normale. La notte rappresenta per lui un momento particolare e quasi di forzata coercizione, durante il quale non può fare altro che dormire nel giaciglio che gli avete preparato con tanto amore. I primi giorni potrebbe non comprendere come mai, dopo tutte le attenzioni che gli sono state rivolte tutto il giorno, la notte viene lasciato da solo. In entrambi i casi, è indicato concedergli, con gradualità, qualche momento di solitudine durante la giornata. Ad esempio potreste lasciarlo in una stanza della casa per qualche minuto, oppure non disturbarlo in alcun modo quando, per sua iniziativa, si rilassa o trova dei passatemi, a patto che venga osservato e tenuto lontano da qualsiasi rischio. Vale sempre la pena ricordare, infatti, che il cucciolo, nonostante la sua bellezza disarmante, non è un peluche ed i suoi momenti di indipendenza sono utili perché possa crescere imparando a gestire anche i momenti di solitudine. Perciò è meglio non tenerlo costantemente in braccio o strattonarlo qua e là come se fosse un pacco o un oggetto.

Continua la lettura
58

Evitare di accarezzarlo troppo di frequente

Allo stesso modo bisogna evitare di farsi comandare dal cucciolo. Evitate di accarezzarlo ogni volta che piange, perché potrebbe essere un modo per richiamare la vostra attenzione e, se assecondate questo suo comportamento, diverrà difficile educarlo. Non viziare il proprio cucciolo, dunque, diventa una necessità imprescindibile. Si consiglia di non abituarlo sin dalla tenera età a dormire nel letto o sul divano insieme a voi, poiché, in questo modo, non lo aiutate a sviluppare le capacità di adattamento. È invece raccomandabile sistemare la sua cuccia in un luogo tranquillo, con una coperta che abbia il vostro odore. Ciò contribuisce ad infondergli un senso di sicurezza e protezione anche quando è solo. Se piange durante la notte nonostante abbia tutto ciò di cui ha bisogno, provate ad ignorarlo, cosicché superi in autonomia l'ostacolo della solitudine e della paura notturna. Si sconsiglia di urlare o di zittire l'animale, poiché potreste agitarlo senza alcun motivo. E, soprattutto, senza minimamente risolvere il problema legato al suo pianto.

68

Garantire tutti i comfort necessari

Abbiamo fin qui spiegato quali sono le cause che inducono i cuccioli dei cani a piangere. Vi rcordiamo che è il veterinario la persona chiamata ad escludere possibili problematiche di natura fisica dell'animale. Ora vediamo come comportarsi nel caso in cui il pianto non sia causato da particolari patologie. In questi casi possiamo infatti assumere una serie di comportamenti che possano evitare che il cucciolo pianga di continuo. Per prima cosa dobbiamo assicurarci che il cane abbia sempre acqua e cibo a sua disposizione, soprattutto nel periodo nel quale saremo assenti da casa. Qualora il cucciolo piangesse a causa del nervosismo quando ci saluta, sarà facile correggere questo comportamento evitando di accarezzarlo nel momento nel quale è agitato. Qualora il pianto non diminuisse, occorrerà invece recarsi da uno specialista. In questo caso potremmo rivolgerci a un veterinario che abbia una specializzazione in etologia, un educatore cinofilo, oppure un professionista specializzato nella gestione del comportamento animale.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non demordete se nei primi giorni incontrate qualche difficoltà; supererete quest'ostacolo con caparbietà
  • Qualora il pianto non diminuisse, occorrerà recarsi da un veterinario
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come far smettere di piangere un cucciolo

I cuccioli del cane, così come tutti i cuccioli (anche quelli umani) hanno un solo modo per comunicare: il lamento o il pianto, che è sempre segnale e manifestazione di una richiesta o di un disagio. Pertanto, anche se è molto fastidioso sentire questi...
Cani

5 cose da fare se il tuo cucciolo è aggressivo

Se il tuo cucciolo che hai appena acquistato si comporta in modo aggressivo, per evitare che questo atteggiamento lo porti con sè fino all'età adulta, è opportuno intervenire con dei metodi appropriati, piuttosto semplici ma funzionali. A tale proposito,...
Cani

Come farsi obbedire da un cucciolo

Cosa c'è di più dolce di un cucciolo di cane? Attrae immediatamente le attenzioni di tutti. Gli occhietti teneri, il musetto umido, i gesti invoglianti e desiderosi di coccole. Ma non dimentichiamo che è pur sempre un cucciolo. E, come tale, ha comportamenti...
Cani

Come educare un cucciolo a non sporcare in casa

Adottare e allevare un cucciolo di cane o di gatto sono sicuramente un’esperienza molto bella. Imparare a prendersene cura è inoltre educativo per ogni uomo o donna, indipendentemente dalla sua età. Avere un cucciolo in casa può però anche comportare...
Cani

Come far camminare al guinzaglio il proprio cucciolo

L'arrivo di un cucciolo in famiglia, porta sempre una ventata di gioia ed entusiasmo. Vederlo crescere ed affrontare le sue piccole sfide quotidiane, è una meravigliosa avventura. La sua innata curiosità, il desiderio di scoprire le meraviglie che cela...
Cani

Come alimentare un cucciolo di pastore tedesco

Nei primi mesi di vita un cane ha bisogno di elementi nutritivi specifici per crescere in modo sano e per far sviluppare correttamente muscoli e apparato osseo. L'alimento più indicato in questa fase senza ombra di dubbio è rappresentato dal latte materno....
Cani

Come prepararsi ad accogliere in casa un cucciolo

All'interno della guida che seguirà andremo ad occuparci di come prepararsi ad accogliere in casa un cucciolo. Tantissime persone amano gli animali, ma non hanno mai provato ad accudirne uno personalmente, magari per timore d'inesperienza. In questa...
Cani

5 modi per addestrare un cucciolo

Un cucciolo va sempre addestrato con tantissimo amore ed un quintale di pazienza, allo stesso modo come si farebbe con un bimbo piccolo che deve ancora imparare le regole. In questa guida dedicata agli amanti degli animali vi indico 5 modi diversi per...