Come Riconoscere Ed Evitare Il Contatto Con La Processionaria

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Nonostante il nome richiami alla mente sensazioni di altro genere, la processionaria è un bruco che può rivelarsi abbastanza pericoloso per l'uomo e per i suoi amici a quattro zampe: basta toccarlo per avere fastidiose reazioni. Questo lepidottero appartenente alla famiglia Notodontidae, è diffuso in Eurasia e Nordafrica. Quando è adulto, ha forma di farfalla triangolare. Ecco come riconoscere e come evitare di entrare a contatto con questo piccolo parassita.

24

Nella stagione primaverile, proprio quando il bel tempo e le giornate più lunghe invogliano a trascorrere parecchio del nostro tempo libero fuori casa, all'aperto, a spasso tra i boschi o nei parchi della propria città, si incorre nel pericolo di imbattersi nella processionaria: si tratta di un bruco che, nel periodo compreso tra il mese di marzo e quello di maggio, lascia il proprio rifugio sull'albero per incunearsi sotto terra ed espletare, così, l'ultima fase del suo ciclo biologico.

34

Riconoscerlo è piuttosto semplice: le dimensioni possono essere variabili, ma la misura principale delle processionarie è di 3–4 cm e la colorazione va dal bianco sporco al giallo avorio, e presenta fitti e folti peli su tutto il lungo corpo: li trovi incuneati sul terreno dove scavano una piccola buca: alzando lo sguardo vedrai, negli alberi vicini, soprattutto in quelli aghiformi come i pini, dei grossi e setosi bozzoli di colore bianco che, prima di scendere a terra, erano i loro nidi. In presenza di questi elementi avrai la certezza di esserti imbattuto in una processionaria.

Continua la lettura
44

In questo caso non lo toccare e allontanati da quella zona, perché i suoi peli contengono sostanze che provocano fastidiose reazioni che spaziano dal prurito al gonfiore della parte interessata, oltre a provocare l'insorgenza di un eritema papuloso molto pruriginoso. I danni provocati dalla penetrazione dei peli nella cute umana, possono essere modesti o assumere notevole gravità quando i peli, o frammenti di essi, giungono a contatto con l'occhio, la mucosa, o la bocca, fino ad arrivare addirittura nelle vie digestive.. Se minacciato, questo bruco emette un liquido giallo molto irritante. Se sei in compagnia del tuo cane, c'è il rischio che questo possa addentarlo: in tal caso le conseguenze saranno più gravi e quindi ti consiglio di rivolgerti subito ad un veterinario. In caso di contatto, dopo aver indossato dei guanti in lattice, lava attentamente le parti colpite con acqua e bicarbonato, in modo da alleviare il fastidio e temporeggiare fino all'intervento di personale competente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come riconoscere gli insetti

Ogni giorno attorno a noi ruota un piccolo micro mondo costituito da piccole creature che si muovono e volano. Solitamente li definiamo tutti insetti senza tuttavia saperli distinguere tra loro.Se leggerai questa guida ti spiegherò in maniera semplice...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere le api fucaiole

Le api vivono in un contesto societario ben marcato e distinto. L'alveare si suddivide in tre caste: due costituite da esemplari femminili (regina ed api operaie) ed una da maschi o fuchi. All'interno della colonia tutti sono indispensabili, ma esistono...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere una zanzara tigre

La famigerata zanzara tigre, la quale ci fa visita puntualmente ogni anno con la bella stagione, pare provenga dal continente asiatico. Individuare questo tipo di insetto è piuttosto facile, considerando la sua caratteristica colorazione. Purtroppo però...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere il sesso di un camaleonte

Il camaleonte è un rettile affascinante, ma sapere come allevarlo non è da tutti. Soprattutto per chi è alle prime armi, prendere in casa un camaleonte potrebbe rivelarsi molto più complicato del previsto: cibo, terrario correttamente ventilato e...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere le api dalle vespe

Le api e le vespe sono due tipologie di insetti molto simili tra di loro, entrambi presentano il pungiglione e hanno un colorito giallo e nero a strisce; presentano però delle differenze che sono molto sottilissime e sono riportate in questa guida. Le...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere la malmignatta

La malmignatta è uno dei pochi ragni velenosi presenti sul territorio italiano. Il suo nome scientifico è Latrodectus tredecimguttatus, ed è un aracnide della famiglia dei Terididi. È conosciuto anche come "vedova nera mediterranea", in quanto parente...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere il ragno violino

Il ragno violino, scientificamente chiamato Loxosceles reclusa, è sicuramente uno dei più temuti in assoluto. Il suo habitat naturale è generalmente l'America settentrionale. Tuttavia, anche in quei luoghi in cui la loro presenza è massiccia, i morsi...
Invertebrati e Insetti

Come identificare i vari tipi di ragni

Molto spesso ci capita di scorgere la presenza di ragni sia all'interno che all'esterno della nostra casa, e altrettanto spesso capita di notare che questi non sono tutti uguali. Esistono, infatti, oltre 50 specie diverse di ragni, alcuni innocui, altri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.