Come riconoscere il sesso di un camaleonte

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il camaleonte è un rettile affascinante, ma sapere come allevarlo non è da tutti. Soprattutto per chi è alle prime armi, prendere in casa un camaleonte potrebbe rivelarsi molto più complicato del previsto: cibo, terrario correttamente ventilato e illuminato, cura e controlli veterinari richiedono conoscenze specifiche e attenzione. Un dubbio comune in chi si avvicina per la prima volta alla gestione di questo animale è il saper riconoscerne il sesso. Spesso, infatti, gli stessi venditori non hanno le idee perfettamente chiare e non trasmettono informazioni esatte. Vediamo dunque le linee guida per riconoscere il sesso del proprio camaleonte, prendendo in considerazione i camaleonti più comuni nel territorio italiano: il Chamaeleo calyptratus e il Furcifer pardalis.

25

Osservare le dimensioni e la lunghezza dell'animale

I criteri base per distinguere il sesso di un camaleonte richiedono dunque l'osservazione delle dimensioni e della lunghezza dell'animale, l'osservazione degli eventuali speroni sulle zampe, del casco e dell'attaccatura della coda e soprattutto l'analisi dei colori e delle striature: le femmine hanno tendenzialmente colori meno vivaci e accesi dei maschi. Se si tratta del Calyptratus, i maschi hanno colori accesi e striature che contrastano nettamente, mentre le femmine hanno punti e macchie tondeggianti al posto delle striature e non posseggono stacchi di colore così netti.

35

Fare attenzione ai colori sgargianti

Se si tratta dei Pardalis, attenzione ai colori sgargianti: sono identificativi della provenienza e appartengono dunque a un maschio, mentre le femmine hanno colori caldi e bande scure. Detto questo basterà solo un po' di pratica visiva per riconoscere la distinzione di sesso di questo fantastico animale esotico.

Continua la lettura
45

Fare attenzione allo sperone tibiale sugli arti posteriori

Per quanto riguarda il Chamaeleo calyptratus, il maschio ha una lunghezza media di 35-45 cm, ma in casi eccezionali può arrivare anche a 60 cm. La femmina è più piccola ed è lunga dai 30 ai 35 cm. Il maschio presenta uno sperone tibiale sugli arti posteriori e ha un casco (una protuberanza ossea sulla sommità del cranio) più pronunciato e di maggiori dimensioni rispetto a quello della femmina. La colorazione è per entrambi di intensità variabile, a seconda dello stato d'animo, ed ha come colore di base il verde; i maschi, però, hanno colori più accesi e sono caratterizzati da striature dorate, nere e con sfumature vivaci di verde. Le femmine, al contrario, presentano una colorazione di un verde meno brillante, con macchie e punti (e non striature, a differenza del maschio) di un giallo o verde più tenue.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come riconoscere gli insetti

Ogni giorno attorno a noi ruota un piccolo micro mondo costituito da piccole creature che si muovono e volano. Solitamente li definiamo tutti insetti senza tuttavia saperli distinguere tra loro.Se leggerai questa guida ti spiegherò in maniera semplice...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere le api fucaiole

Le api vivono in un contesto societario ben marcato e distinto. L'alveare si suddivide in tre caste: due costituite da esemplari femminili (regina ed api operaie) ed una da maschi o fuchi. All'interno della colonia tutti sono indispensabili, ma esistono...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere una zanzara tigre

La famigerata zanzara tigre, la quale ci fa visita puntualmente ogni anno con la bella stagione, pare provenga dal continente asiatico. Individuare questo tipo di insetto è piuttosto facile, considerando la sua caratteristica colorazione. Purtroppo però...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere le api dalle vespe

Le api e le vespe sono due tipologie di insetti molto simili tra di loro, entrambi presentano il pungiglione e hanno un colorito giallo e nero a strisce; presentano però delle differenze che sono molto sottilissime e sono riportate in questa guida. Le...
Invertebrati e Insetti

Come Riconoscere Ed Evitare Il Contatto Con La Processionaria

Nonostante il nome richiami alla mente sensazioni di altro genere, la processionaria è un bruco che può rivelarsi abbastanza pericoloso per l'uomo e per i suoi amici a quattro zampe: basta toccarlo per avere fastidiose reazioni. Questo lepidottero...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere il ragno violino

Il ragno violino, scientificamente chiamato Loxosceles reclusa, è sicuramente uno dei più temuti in assoluto. Il suo habitat naturale è generalmente l'America settentrionale. Tuttavia, anche in quei luoghi in cui la loro presenza è massiccia, i morsi...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere la malmignatta

La malmignatta è uno dei pochi ragni velenosi presenti sul territorio italiano. Il suo nome scientifico è Latrodectus tredecimguttatus, ed è un aracnide della famiglia dei Terididi. È conosciuto anche come "vedova nera mediterranea", in quanto parente...
Invertebrati e Insetti

Come identificare i vari tipi di formiche

Al pari di api e vespe, le formiche rientrano nella categoria degli insetti imenotteri. Come tutti gli altri appartenenti a questa categoria, tutte le formiche possiedono 3 paia di zampe e un corpo che può essere sezionato in testa, torace e addome....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.