Come riconoscere il sesso di un coniglio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I conigli, grazie alla socievolezza e alla docilità che li contraddistinguono, sono ottimi animali da compagnia presenti da anni in numerose abitazioni. Qualora si decidesse di allevare uno di questi simpatici mammiferi, è particolarmente importante conoscerne con esattezza il sesso non solo per approfondirne la conoscenza, ma anche per determinare l'esistenza di un'eventuale possibilità di avere cucciolate. Infatti, poiché le femmine di coniglio solitamente partoriscono dai 4 ai 12 esemplari per gestazione, una gravidanza inaspettata può causare non pochi problemi. Ecco, pertanto, come riconoscere il sesso del proprio coniglio analizzandone determinate caratteristiche fisiche e comportamentali.

25

Innanzitutto è bene specificare che riconoscere il sesso di un esemplare di coniglio particolarmente giovane non è per niente facile. Ma, se durante i primi mesi di vita anche gli allevatori più esperti possono cadere in errore, a partire dai due mesi di età la distinzione tra maschi e femmine diventa sicuramente più lampante. Con l'avanzare dello sviluppo, infatti, il sesso dei conigli può essere facilmente individuato anche solo osservandone la fisionomia. I maschi possiedono testa e corpo generalmente più compatti, mentre le femmine sviluppano spesso una caratteristica tasca di pelle posizionata sotto il mento e conosciuta con il nome di giogaia.

35

Se questo primo metodo non dovesse risultare sufficiente, è possibile procedere con la classica osservazione degli organi riproduttivi. Per compierla è innanzitutto necessario appoggiare il coniglio sulle proprie gambe o su un piano per poi voltarlo a pancia in su, in modo da potergli veder facilmente il ventre. Successivamente, per far emergere l'organo sessuale nascosto dal prepuzio e dal pelo, occorre effettuare una leggera pressione ai lati della zona genitale dell'animale. In presenza di un maschio vedremo spuntare un piccolo pene simile a un cilindro con un piccolo foro nel centro, mentre nella femmina sarà possibile notare una vulva simile a una fogliolina, di forma conica e dotata di una fessura centrale.

Continua la lettura
45

Inoltre, mentre prima dei tre mesi di età è possibile tentare di individuare esclusivamente il pene e la vulva, trascorso questo lasso di tempo il sesso può essere definito ancora più chiaramente poiché nel maschio si formano i testicoli. È possibile infine riconoscere il sesso del proprio coniglio anche grazie a particolari comportamenti che caratterizzano un genere piuttosto che l'altro. Infatti, se non sterilizzati, i maschi tendono a marcare il territorio circostante spruzzando urina in giro, mentre le femmine diventano particolarmente aggressive (soprattutto quando sono in calore a causa dell'aumento considerevole di ormoni).

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Solamente dopo 4-5 mesi di vita, con la completa maturazione sessuale, gli organi di riproduzione risultano pienamente visibili e pressocché inconfondibili fra loro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

Come Riconoscere Il Coniglio Testa Di Ariete

Questa guida è dedicata ad uno degli animali da compagnia più amati dai bambini che è possibile tenere anche in appartamento data la piccola mole e la sua mansuetudine. Stiamo parlando dei conigli nani, più precisamente dei conigli denominati "testa...
Animali da Compagnia

Come riconoscere il sesso di una cavia

Gli animali sono i migliori amici dell'uomo, di qualunque razza si tratti. Tra gli animali più comunemente adottati possiamo annoverare i famosi porcellini d'india, anche conosciuti come Cavie. Uno dei problemi maggiori pero' con questi animali è capirne...
Animali da Compagnia

Come riconoscere il sesso di un criceto

Ai fini riproduttivi, o per pura curiosità, è lecito conoscere il sesso dei nostri piccoli amici criceti. Spesso i rivenditori non sanno valutarlo, nascondendosi dietro frasi di circostanza ed insinuando che sia ancora troppo presto, ma a volte si tratta...
Animali da Compagnia

Come prendersi cura di un coniglio nano

Fino a qualche anno fa, gli unici animali domestici che l'essere umano decideva di ospitare in casa propria erano solo il cane ed il gatto. Oggi, invece, vanno molto di moda i cosiddetti animali da compagnia, che vengono sistemati in delle gabbie progettate...
Animali da Compagnia

Come allevare un coniglio nano

Esistono molteplici razze di conigli, i quali ormai sono divenuti animali da compagnia molto apprezzati. Essi, infatti, possono vivere anche in appartamento e non richiedono cure costanti come avviene per i cani o per i gatti. Tra le razze più ambite...
Animali da Compagnia

Come fare il bagno al coniglio d'angora

Il coniglio d'Angora è un tipo di coniglio molto particolare. Esso ha origini turche ed è ben diverso da qualsiasi altro coniglio: la sua lunga e davvero folta pelliccia è spesso usata per produrre la lana. Per questo motivo richiede particolare attenzione...
Animali da Compagnia

I cibi da non servire al proprio coniglio

Il coniglio è uno degli animali più delicati che sia. Allevare un coniglio non è affatto semplice, questo perché l'animale richiede particolari attenzioni ed è molto facile che si ammali. In primis occorre tenere il coniglio sempre pulito e in secondo...
Animali da Compagnia

Come fasciare la zampa al coniglio

Le lesioni del coniglio possono essere difficili da diagnosticare. Un coniglio non può vocalizzare il dolore come un cane ferito o un gatto. Se sospetti una lesione, dovrai esaminare fisicamente le zampe del coniglio per segni di irritazione, infiammazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.