Come riconoscere il sesso di un gerbillo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se avete pensato e deciso di adottare un gerbillo, la scelta non è malvagia. Tali roditori piccoli, sono infatti delle creature che socializzano tanto con gli esseri umani, e che sono perciò degli animali domestici buoni che stanno con tutta la famiglia. I gerbilli sono inoltre molto territoriali, perciò sarà meglio adottare dei fratellini giovani, oppure trovarne certi che hanno sempre abitato insieme. Loro sono dei mammiferi piccoli, solitamente non vengono castrati o sterilizzati, perciò sarà bene comprare gerbilli di sesso identico, in modo da evitare che si moltiplichino. È di enorme importanza, essere però capaci di distinguere i maschi dalle femmine, anche perché, per assicurare la felicità al gerbillo, è meglio averne più di uno. Quest'ultimo è un altro motivo valido per il quale sarà bene saper riconoscere il sesso maschile da quello femminile. Continuate quindi la lettura per capire come riconoscere il sesso di un gerbillo. Buona lettura!

24

Come dovrete fare la ricerca del sesso del gerbillo

Prima di cominciare la ricerca, sarà bene aspettare che il gerbillo compi minimo sette settimane di età. Da tal momento in avanti sarà possibile riconoscere l'organo riproduttivo dell'animale, facendo in modo da poter farsi un'idea circa sul sesso. Dovrete quindi cercare i testicoli. Se persiste ancora il dubbio sul sesso del gerbillo, guardate la sua parte posteriore, in modo da vedere se vi è uno spazio enorme tra gli organi sessuali e l'ano.

34

Fate bene a guardare la parte inferiore del gerbillo

Notate prima di tutto la parte inferiore del gerbillo. Potrete notare che nei maschi, è presente un divario maggiormente enorme tra l'apertura urinaria e quella anale. La zona perineale, cioè la zona tra i genitali e l'ano, arriva quasi alla base della coda nelle femmine, ma tale zona sempre invece più arrotondata leggermente nei maschi.

Continua la lettura
44

Le differenze tra femmine e maschi in che cosa consistono e come sono

La distanza tra le aperture urinarie e anale è maggiore nei maschi rispetto alle femmine. Lo scroto del maschio è alla base della coda, ed è separato dalle cinque settimane in avanti. La ghiandola è grande e prominente nei maschi. Una femmina ha le ghiandole odorifere maggiormente enormi rispetto al maschio. I capezzoli della femmina compaiono con la comparsa di otto ugelli sul ventre. Tale metodo è parecchio efficace in modo che si possa identificare il sesso dei vostri cuccioli, però non è sempre affidabile completamente. Mettete il criceto in mano oppure sopra una superficie piana, come un tavolo. Anche una femmina adulta che allatta avrà i capezzoli visibili.
Un maschio adulto è significativamente più grande rispetto ad una femmina. Prendete per la coda il gerbillo con l'indice e con il pollice, poi sollevate la parte posteriore del gerbillo, facendo in modo di vedere la loro zona genitale. Controllate infine la distanza tra le aperture delle vie urinarie e quelle anali. Il divario sarà maggiormente grande nei maschi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

Come riconoscere il sesso di un coniglio

I conigli, grazie alla socievolezza e alla docilità che li contraddistinguono, sono ottimi animali da compagnia presenti da anni in numerose abitazioni. Qualora si decidesse di allevare uno di questi simpatici mammiferi, è particolarmente importante...
Animali da Compagnia

Come riconoscere il sesso di una cavia

Gli animali sono i migliori amici dell'uomo, di qualunque razza si tratti. Tra gli animali più comunemente adottati possiamo annoverare i famosi porcellini d'india, anche conosciuti come Cavie. Uno dei problemi maggiori pero' con questi animali è capirne...
Animali da Compagnia

Come distinguere il sesso di un furetto

Il furetto è un animale domestico, frutto di una domesticazione risalente ad almeno due millenni fa. In generale i furetti maschi, sono più grandi e più muscolosi rispetto alle femmine; inoltre, presentano la testa più grande, mentre i furetti femmina...
Animali da Compagnia

L'alimentazione nei gerbilli

Il gerbillo è un simpatico animaletto che appartiene alla famiglia dei roditori. Domestico e facile da gestire convive bene con l'uomo alla stregua delle comuni cavie. Questi simpatici roditori in natura, popolano le vaste aree desertiche dell’Asia...
Animali da Compagnia

Come addestrare i gerbilli

Il gerbillo è un animale che ama la compagnia o, meglio, necessita di un compagna, altrimenti potrebbe morire di solitudine, anche se stessimo con lui tutto il giorno. Potrebbe anche essere una coppia dello stesso sesso, ma l’importante, in tal caso,...
Animali da Compagnia

Come riconoscere le varie specie di criceti

Gentili lettori, all'interno della guida che seguirà nei prossimi passi andremo a parlare di animali. Più specificatamente, in questo caso, saranno i criceti ad essere presi in considerazione con l'obiettivo di riconoscere le varie specie.Come si fa...
Animali da Compagnia

Come costruire un terrario per i gerbilli

Negli ultimi tempi sta prendendo piede la moda di tenere in casa i gerbilli come veri e propri animali da compagnia. Si tratta di piccoli roditori tipici di alcune zone dell'Asia, che si stanno lentamente diffondendo anche in Occidente. I gerbilli sono...
Animali da Compagnia

Cani e gatti: riconoscere i segnali di un maltrattamento

Tutti coloro che amano abbastanza gli animali, in quanto ne hanno uno a cui sono molto legati, sono in grado di comprendere pienamente il loro stato d'animo, sapendo riconoscere anche quando sono gioiosi, oppure se sono particolarmente taciturni e tendenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.