Come riconoscere il sesso di un serpente

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I serpenti sono predatori formidabili ed estremamente evoluti. Pur essendo privi di arti, palpebre e orecchi esterni, si muovono agevolmente e riescono ad individuare le prede grazie a un sofisticato sistema sensoriale. Come per tutti gli esseri viventi, anche tra i serpenti si ha una distinzione di sesso, quindi per sapere come riconoscere un serpente maschio da una femmina, ecco una guida dettagliata.

26

Occorrente

  • Sonda
36

Inserire il serpente in un sacchetto

Prima di utilizzare la sonda o visionarli, è importante conoscere le differenti strutture: diciamo che i serpenti maschi hanno una coppia di organi sessuali che sono chiamati emipeni, ossia dei piccoli organi erettili che gli permettono di inseminare la femmina. Ogni emipene è situato all'interno della propria guaina tubolare o cavità, che si trova sotto e dentro la coda. Questa cavità tubolare scorre dalla bocca e si estende verso la fine della coda con una forma simile a circa dodici scalini. Per ottenere il risultato in modo rapido e sicuro, il serpente va inserito in un sacchetto e all'estremità si lascia fuoriuscire solo la coda.

46

Utilizzare una sonda

Le femmine, a differenza dei maschi, hanno invece due cavità tubolari all'interno della sezione ventrale della loro coda che però non contengono organi sessuali. A causa di queste differenze tra i due sessi, l'uso di una sonda serve per misurare la profondità. L'utilizzo di una sonda, non comporta nessuna reazione particolare da parte del serpente per cui l’operazione può avvenire in modo semplice, ma ovviamente deve essere eseguita da un esperto veterinario. Grazie a questo strumento è dunque possibile analizzare l'apparato riproduttivo e vedere se il serpente e maschio oppure femmina, e magari in quest'ultimo caso se gravida, riuscire anche a visualizzare gli embrioni o le uova prone per la schiusa.

Continua la lettura
56

Esaminare la coda

Il metodo per riconoscere il sesso di un serpente con l'esame visivo della zona della coda consiste invece nel tenerlo in posizione orizzontale di fronte a noi ed esaminare l'area. Se si tratta di una femmina, la coda è di forma conica e si distanzia dalla zona anale in modo uniforme e spesso piuttosto netto. In un maschio invece, si può notare un leggero rigonfiamento a circa venti centimetri dalla cavità anale che sta ad indicare la presenza di emipeni e che quindi fuga ogni dubbio sul sesso del serpente in esame. Seguendo queste utili e semplici mosse, riusciremo dunque in pochissimo tempo a diventare dei veri e propri esperti di serpenti, e magari se ne abbiamo già maschio o femmina, ne possiamo acquistare un altro per tentare anche la riproduzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allevare un serpente

Da qualche anno è possibile anche in Italia possedere ed allevare un serpente, ma le informazioni su come fare ad allevarlo e nutrirlo correttamente sono davvero poche. Con la presente guida vogliamo darvi delle indicazioni in merito, spiegandovi come...
Rettili e Anfibi

Serpente domestico, come prendersene cura

Il serpente è un animale impegnativo da tenere in casa, sia per la cura sia per quanto riguarda la questione economica, più di quanto si possa immaginare. Importantissima è la scelta del serpente, perché non possono essere allevati tutti allo stesso...
Rettili e Anfibi

Tutto sul serpente a sonagli

Tra i rettili che popolano la Terra troviamo i serpenti. Questi ultimi sono dei rettili affascinanti ma soprattutto letali. Esistono varie razze di serpenti, come ad esempio il pitone reale, il boa, il corallo e infine il serpente a sonagli. Il serpente...
Rettili e Anfibi

Come catturare un serpente

All'interno della presente guida, andremo a parlare di serpenti. Nello specifico, come avrete notato dal titolo dell'articolo, ora andremo a spiegarvi Come catturare un serpente.Può capitare a volte, in campagna o in giardino di avvistare qualche serpente....
Rettili e Anfibi

Tutto sul serpente del grano

Il Serpente del grano, conosciuto anche come serpente rosso, è un serpente di dimensioni modeste il cui manto è a scacchi e da l'impressione del granturco. È tra quelli più facili da mantenere in cattività, che è probabilmente il motivo per cui...
Rettili e Anfibi

Come distinguere un orbettino da un serpente

L'orbettino è un piccolo rettile che ti sarà sicuramente capitato di incontrare durante una passeggiata in campagna e forse anche nel giardino di casa tua! Purtroppo, pur essendo un animale completamente innocuo per l'uomo, viene spesso confuso con...
Rettili e Anfibi

Come tenere un serpente in casa

Se siamo degli amanti degli animale e ci piacerebbe allevare un serpente in casa, per prima cosa dovremo essere sicuri di riuscire a prenderci sempre cura di lui, in modo da farlo crescere sempre in perfetta forma. Per riuscirci dovremo ricercare delle...
Rettili e Anfibi

Come comportarsi se si incontra un serpente

Sin da piccoli ci si è abituati ad avere timore dei serpenti: diciamo che il loro danno è il fatto che possono essere velonisi e di conseguenza letali. Ma vi sono anche quelli non velenosi che sono quelli più comuni in Italia. Ma si temono e, a volte,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.