Come riconoscere il sesso di una rana

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nelle abitazioni gli animali che si trovano maggiormente sono: gatti, cani, conigli, pesci rossi, criceti. Negli ultimi anni però si sta diffondendo la ricerca dell'esotico da parte di quelle persone che amano gli animali. Non è strano imbattersi in individui con iguane sulla spalla o con maialini al guinzaglio nei centri commerciali. Anche le rane attualmente trovano sempre più spazio nelle abitazioni. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni consigli e delle corrette indicazioni su come è possibile riconoscere il sesso di una rana.

25

Notizie generali

La distinzione del sesso di una rana non si può fare al momento dalla nascita. Il periodo per fare l'identificazione varia in base alla specie a cui la rana appartiene. Secondo alcuni studiosi il sesso della rana viene determinato dalle necessità riproduttive. Se ad esempio in uno stagno ci sono molti esemplari maschi la pressione riproduttiva spinge verso il differenziamento in femmine. Per tale motivo le persone che lavorano nei negozi specializzati consigliano di acquistare più di una rana in fase giovanile. Infatti, così facendo è possibile farle accoppiare tra di loro.

35

Tipi di esemplari

Gli esemplari che si trovano sul territorio italiano sono: la iatastei, la temporaria, la arvalis, la dalmatina, l'italica e la graeca. Generalmente per queste specie si deve aspettare circa un anno per capire se la rana è di sesso maschile oppure femminile. La specie che manifesta il proprio sesso dopo 10 mesi è la arvalis; ciò però si verifica soltanto se è ben nutrita fin dalla nascita. Dopo questo periodo la rana femmina si distingue facilmente per le sue dimensioni; esse infatti sono maggiori rispetto a quelle del maschio. Quest'ultimo nella stagione degli amori ha un dito supplementare sulle zampe per poter sostenere meglio il peso della femmina con cui si accoppia.

Continua la lettura
45

Caratteristiche

La lunghezza dell'animale è un fattore chiave; infatti, non appena l'animale raggiunge i 4/5 centimetri di lunghezza si può dire che il processo di maturazione sessuale è completo. Un'altra caratteristica morfologica che può aiutare nella distinzione tra una rana maschio ed una femmina è la presenza in quest'ultima di una specie di codina. Essa è posizionata vicino alla porzione cloacale; questa caratteristica è completamente assente nel maschio. Inoltre, gli avambracci degli esemplari femminili sono meno robusti di quelli maschili. Come si è potuto notare fare la distinzione tra una rana femmina ed una maschio non è poi così difficile.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come catturare una rana

Se abbiamo un giardino e con esso un piccolo stagno, è importante sapere che può essere visitato dalle rane che con il loro tipico gracchiare specie nelle ore notturne, potrebbero dare non pochi fastidi, per cui bisogna trovare la soluzione adeguata...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una rana

La scelta tra gli animali domestici che decidiamo di avere in casa, può essere diversa al solito gatto, cane, pesciolino colorato o uccelli esotici; se infatti siamo alla ricerca di una compagnia un po' più particolare potremo optare per un anfibio....
Rettili e Anfibi

Come distinguere una rana da un rospo

Sapete come distinguere una rana da un rospo? Se la risposta fosse negativa, allora siete arrivati nel posto giusto al momento giusto. Nella seguente guida, infatti, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come distinguere questi due animali all'apparenza...
Rettili e Anfibi

Come distinguere il sesso delle tartarughe

Le tartarughe sono animali appartenenti alla specie dei rettili e come tutti gli animali a sangue freddo, trascorrono le prime ore del giorno ad immagazzinare calore per poter riscaldare il proprio corpo ed attivare il proprio metabolismo. Strano a dirsi,...
Rettili e Anfibi

Come Riconoscere il ramarro

Con la seguente guida andremo a parlare di Ramarro. Nello specifico, come avrete compreso attraverso la lettura del titolo stesso, ora andremo a parlare, in modo particolare, di Come Riconoscere il ramarro.Il ramarro è una lucertola tipica delle regioni...
Rettili e Anfibi

Come riconoscere una vipera e come comportarsi in caso di avvelenamento

I serpenti nella maggior parte dei casi sono velenosi e si possono suddividere in due principali grandi categorie, per cui imparare, a distinguerli e soprattutto a capire se ci troviamo in pericolo o meno, è importante sapere che ad esempio i colubri,...
Rettili e Anfibi

Come allevare i girini

Il termine "girino" identifica comunemente lo stadio larvale degli Anfibi e, tra questi, rientra il piccolo della rana. La struttura del girino è caratterizzata da un corpo globulare, che contiene gli organi vitali, e da una coda appiattita e lanceolata...
Rettili e Anfibi

Le principali specie di anfibi presenti in Italia

Al contrario di ciò che si pensa, in Italia esistono una varietà notevole di anfibi. Grazie anche al territorio alquanto favorevole per questi particolari animali sospesi tra la terra ferma e l'acqua, i quali possono vivere e riprodursi in totale tranquillità....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.