Come riconoscere la cavalletta

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Le cavallette sono insetti che non godono certo di una buona fama. Nocivi per il raccolto e molesti per molte altre attività svolte dall'uomo, sono spesso combattute ricorrendo ai rimedi più disparati. In ogni caso, comunque, diventa fondamentale riconoscere questi insetti, senza scambiarli per altre specie simili o affini. In questa guida vi forniremo delle utili indicazioni su come riconoscere esattamente la cavalletta, tenendo in considerazione alcune sue caratteristiche.

25

Occorrente

  • Conoscenza delle cavallette, spirito di osservazione
35

Valutare il colore

Le cavallette, come già accennato, sono insetti nocivi per i raccolti dato che, se in riunite in sciame, sono in grado di distruggerlo e divorarlo. Si tratta di insetti piuttosto aggressivi e abbastanza resistenti. Vediamo come è possibile riconoscere le cavallette, considerando alcune sue caratteristiche somatiche. La loro colorazione solitamente è sul verde ma talvolta sono anche di colore giallo pallido ed hanno il corpo suddiviso in 3 parti come la maggioranza degli insetti (testa, torace, addome) e non sono molto grandi (i maschi sono più piccoli delle femmine, circa 16mm, mentre le femmine superano anche i 30mm).

45

Contare il numero delle zampe

Vi ricordiamo inoltre che le cavallette hanno 6 zampe che gli permettono di effettuare salti anche molto ampi. Un altro elemento che consente il loro riconoscimento è dato proprio dalle zampe che, quando vengono strofinate, producono un suono che varia da specie a specie ma che è udibile anche all'orecchio dell'uomo. Per riconoscere questi insetti è anche necessario analizzarne attentamente il corpo. Di solito hanno dimensioni piuttosto ridotte e hanno una corazza molto dura, assolutamente visibile, che le rende davvero molto riconoscibili.

Continua la lettura
55

Controllare la dimensione delle uova

In taluni casi diventa importante anche riconoscere le cavallette neanidi, ovvero i piccoli appena nati. Quindi attenzione nello scovare con abilità le uova che le cavallette potrebbero aver deposto nel vostro orto o nel giardino. Che caratteristiche hanno queste uova? Come è possibile riconoscerle? A tal proposito vi ricordiamo che le femmine di questo insetto depongono le loro uova (di dimensioni piuttosto grandi) nelle zone calde dell'orto ed esposte al sole, meglio ancora se sabbiose ed in pendenza.
Depongono circa 50 uova in una buca poco profonda e successivamente le ricoprono di sabbia, lasciandole in quel luogo, intorno al mese di agosto. Le piccole cavallette diventeranno già adulte dopo poche settimane di vita, quindi per evitare che ben presto infestino il vostro orto o il giardino, vi raccomandiamo un intervento il più possibile rapido atto a rimuoverle completamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

I 5 animali che si mimetizzano meglio

La natura, specie quella del mondo animale non finisce mai di stupire; infatti, in rifermento a quest'ultimo, è importante sapere che ci sono delle specie che riescono a mimetizzarsi talmente alla perfezione, che difficilmente è possibile individuarli,...
Rettili e Anfibi

Come allevare il drago barbuto australiano

Negli ultimi anni, sempre più persone decidono di acquistare, come animali domestici, rettili ed anfibi. Tra i più desiderati, c'è sicuramente il drago barbuto australiano, un rettile a sangue freddo a cui bisogna prestare particolare attenzione, soprattutto...
Rettili e Anfibi

Come addomesticare una lucertola

In primavera ed in estate, al fresco dei cortili, può capitare di incontrare delle lucertole ferme sopra una pietra o un muretto. Questi piccoli animali sono rettili e appartengono all'ordine dei sauri. Hanno la testa schiacciata e triangolare, il corpo...
Invertebrati e Insetti

Come tenere una tarantola in casa

È nata da poco la moda di avere come animale di compagnia, generalmente considerati pericolosi, come rettili e anfibi. Rientra nella categoria rettili, la tarantola (o platidattilo muraiolo) che ormai non è insolito ritrovare in un'abitazione. Se anche...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere gli insetti

Ogni giorno attorno a noi ruota un piccolo micro mondo costituito da piccole creature che si muovono e volano. Solitamente li definiamo tutti insetti senza tuttavia saperli distinguere tra loro.Se leggerai questa guida ti spiegherò in maniera semplice...
Animali da Compagnia

Come tenere un procione come animale domestico

Il procione, pur essendo un mammifero, non è assolutamente da considerare come un cane o un gatto. Innanzitutto c'è da sapere che si tratta di un animale appartenente a una specie protetta, per cui è vietata sia la cattura che la detenzione anche perché...
Invertebrati e Insetti

Come Riconoscere La Grammostola Rosea

La Grammostola rosea è uno dei ragni più docili e resistenti, adatto ad essere tenuto in casa. Si tratta di una tarantola molto tranquilla, proveniente da una delle zone più aride del mondo, ovvero dalla regione settentrionale del deserto di Atacama,...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una rana

La scelta tra gli animali domestici che decidiamo di avere in casa, può essere diversa al solito gatto, cane, pesciolino colorato o uccelli esotici; se infatti siamo alla ricerca di una compagnia un po' più particolare potremo optare per un anfibio....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.