Come riconoscere la taccola

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Nel corso degli anni, diverse specie di corvidi si sono insediate nei nostri centri abitati abituandosi alla convivenza con l'uomo: fra queste, la taccola (Coloeus monedula) è una delle più interessanti. Parente stretta della cornacchia, la taccola è un uccello nero dalle dimensioni ridotte e dagli occhi chiarissimi: è molto socievole e dotata di una spiccata intelligenza; i suoi comportamenti sono stati studiati nel corso degli anni dall'etologo Konrad Lorenz. Nella cultura popolare, la taccola è considerata di buon auspicio invece, nell'antichità, si riteneva invece che il suo volo concitato e confuso presagisse un temporale. Vediamo, in questa guida, come riconoscere la taccola.

26

Caratteristiche fisiche

Fra le specie nostrane di corvi la taccola, coi suoi 33 cm di lunghezza, rappresenta un pigmeo. Il piumaggio della fronte è nero intenso, grigio sulla nuca e nero-azzurro sulle altre parti dorsali mentre inferiormente è color ardesia; un anello bianco circonda l'occhio. La taccola si trova non solo nella massima parte dell'Europa ma anche in molte città asiatiche; nei paesi dell'Europa meridionale è più rara ma in nessun posto è così abbondante e numerosa come in Russia e in Siberia. Si insedia, principalmente sulle vecchie torri delle città o su altri edifici elevati nei cui muri trova posti adatti per nidificare.

36

La migrazione

La Taccola è un uccello allegro, vivace, agile e prudente e anima in modo gradevolissimo le regioni che abita. Straordinariamente socievole, si riunisce in stormi numerosi, non solo con altri individui della sua specie, ma si mescola anche ai voli delle cornacchie alle quali, generalmente, si unisce per la migrazione invernale volando piuttosto adagio poiché è molto abile nel volo. Nel tardo autunno la taccola parte assieme ai corvi e con questi ricompare, poi, nei nostri climi. Durante la migrazione invernale si spinge nell'Africa e nell'Asia: col ritorno della primavera le coppie si stabiliscono negli antichi nidi e li animano di nuova vita.

Continua la lettura
46

La struttura del nido

Alcune taccole nidificano assieme ai corvi ma la grande maggioranza si stabilisce sugli edifici: ogni crepaccio ha il suo abitatore e, molto spesso, nascono baruffe perché ogni femmina che vuole costruirsi il nido cerca, con tutte le sue forze, di prevalere sulle altre. La struttura del nido è costituita da una costruzione di paglia e ramoscelli, foderata di fieno, peli e penne. In ogni covata le uova sono da 4 a 6, di colore verde-bluastro, punteggiate di scuro.

56

L'alimentazione

Per quanto riguarda l'alimentazione, la parte essenziale dei suoi pasti è formata da ogni sorta di insetti, molluschi e di vermi. Ricerca gli insetti nei prati e sui campi, come pure sul dorso dei grossi animali domestici; è abilissima nel catturare topi e uccellini ed è molto ghiotta di uova. Non meno volentieri mangia diverse sostanze vegetali, in special modo gradisce foglie di cereali, tuberi, semi e germogli di legumi, frutta, bacche. Per le strade rovista tra gli escrementi e fra le immondizie.

66

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come riconoscere il sesso dei pulcini

Per gli allevatori è fondamentale sapere se quello che hanno davanti sia un pulcino maschio oppure femmina, poiché i primi, non essendo in grado di produrre uova, vengono solitamente scartati. Purtroppo non è semplice distinguere i due sessi, soprattutto...
Volatili

Come riconoscere il sesso del pappagallino cocorita

Questi simpatici e tenerissimi animali domestici, noti a tutti anche con il nome di cocorita o di parrocchetti ondulati, sono molto socievoli nonché i volatili più allevati al mondo, proprio grazie alle loro straordinarie capacità di adattarsi ai climi...
Volatili

Come Riconoscere il sesso del pappagallo cenerino

Le specie di uccelli sono molte, e forse anche voi avete in casa qualche uccellino, e vi sarete certamente chiesti di che sesso sia o come si può riconoscere. Purtroppo in molti, come per il pappagallo cenerino, non è possibile riconoscerlo. Il pappagallo...
Volatili

Come riconoscere le galline che hanno l'attitudine alla cova

Le galline non sono certo gli animali più belli e simpatici della terra, ma certamente ricoprono un ruolo fondamentale nella vita di tutti i giorni. Infatti allevare delle galline ci garantisce una continua produzione di uova, utili per la realizzazione...
Volatili

Come riconoscere lo storno

Presente in oltre 100 Paesi, lo storno è una delle specie appartenenti alla famiglia degli Sturnidi più nota al mondo, in particolare per la sua spiccata adattabilità alla convivenza con l'uomo e la capacità di imitare perfettamente il verso di altri...
Volatili

Come riconoscere i rapaci in volo

Per poter osservare un rapace in volo bisogna prima di tutto saperlo riconoscere e per fare questo è necessario approfondire la conoscenza delle caratteristiche di questi affascinanti volatili. Cos'è quindi, un rapace? Questo termine si utilizza comunemente...
Volatili

Come Riconoscere Il Verdone

Capire come riconoscere il Verdone è allo stesso tempo semplice e complicato. Il Verdone, nome ufficiale Chloris Chloris, è un volatile appartenente alla famiglia dei passeriformi (come suggerisce il nome, a forma di passero), nello specifico nel ceppo...
Volatili

Come Riconoscere La Ballerina

Un adorabile uccello conosciuto e presente in grande quantità di esemplari anche in italia "La Ballerina". Questo è possibile trovarlo anche in luoghi con clima rigido dal circolo polare artico, al sud dell'Iran, Himalaya e sud della Cina ma questi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.