Come riconoscere le api fucaiole

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le api vivono in un contesto societario ben marcato e distinto. L'alveare si suddivide in tre caste: due costituite da esemplari femminili (regina ed api operaie) ed una da maschi o fuchi. All'interno della colonia tutti sono indispensabili, ma esistono anche delle eccezioni. La morte prematura dell'ape regina, infatti, può dare origine a comportamenti aberranti come le api fucaiole o figliatrici. Le uova di queste ultime, non fecondate, generano solo fuchi. Ciò mette a repentaglio la sopravvivenza dell'alveare. Per prevenire la catastrofe, l'apicoltore dovrà necessariamente rimuoverle. Ma ecco come riconoscere le api fucaiole.

27

Occorrente

  • Osservazione mirata
37

Lo sviluppo

In un alveare tutti gli esemplari hanno ruoli ben scanditi. L'ape regina è una vera e propria macchina riproduttiva. In piena stagione può deporre fino a 2000 uova al giorno. Molto più longeva delle altre, secerne dei feromoni che inibiscono gli ovari delle operaie. La morte prematura senza "erede" o la vecchiaia comportano uno squilibrio all'interno della colonia. Le operaie infatti diventano fucaiole, ovvero possono deporre delle uova. Tuttavia, non essendo fecondate originano solo fuchi, con rarissime eccezioni (l'Ape del Capo). Un alveare costituito solo da esemplari maschi non avrà lunga vita.

47

Il riconoscimento

Per riconoscere le api fucaiole l'apicoltore dovrà ispezionare direttamente la colonia. Andrà quindi ad esaminare con molta attenzione la disposizione della covata. Non essendo fecondate, le uova occuperanno posizioni irregolari e con molti buchi. Ogni cella avrà un numero non determinato di uova. Queste verranno sistemate non sul fondo della cella come farebbe di norma l'ape regina. Le api fucaiole si possono riconoscere da un dettaglio inconfutabile. All'interno della cella si individuano infatti degli esemplari maschi. Inoltre, basta osservare l'opercolatura convessa sul favo.

Continua la lettura
57

La rimozione

Per ripristinare il corretto equilibrio nell'arnia, l'apicoltore dovrà procedere alla rimozione delle api fucaiole. Purtroppo, non serve solo introdurre una nuova ape regina. Le consorelle, infatti, potrebbero non accettarla ed ucciderla. Si dovrà procedere per gradi, con alcuni efficaci sistemi. Con lo scuotimento, ad esempio, le api verranno allontanate dall'arnia e fatte cadere in dei telaini. Le api più anziane troveranno l'alveare a differenza delle fucaiole. Si può procedere inoltre con l'ingabbiamento su covata nascente oppure riunendo una famiglia con regina e l'altra con api figliatrici.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non introdurre immediatamente una nuova ape regina, ma procedere per gradi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come riconoscere gli insetti

Ogni giorno attorno a noi ruota un piccolo micro mondo costituito da piccole creature che si muovono e volano. Solitamente li definiamo tutti insetti senza tuttavia saperli distinguere tra loro.Se leggerai questa guida ti spiegherò in maniera semplice...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere la cavalletta

Le cavallette sono insetti che non godono certo di una buona fama. Nocivi per il raccolto e molesti per molte altre attività svolte dall'uomo, sono spesso combattute ricorrendo ai rimedi più disparati. In ogni caso, comunque, diventa fondamentale riconoscere...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere una zanzara tigre

La famigerata zanzara tigre, la quale ci fa visita puntualmente ogni anno con la bella stagione, pare provenga dal continente asiatico. Individuare questo tipo di insetto è piuttosto facile, considerando la sua caratteristica colorazione. Purtroppo però...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere il sesso di un camaleonte

Il camaleonte è un rettile affascinante, ma sapere come allevarlo non è da tutti. Soprattutto per chi è alle prime armi, prendere in casa un camaleonte potrebbe rivelarsi molto più complicato del previsto: cibo, terrario correttamente ventilato e...
Invertebrati e Insetti

Come identificare un'ape regina

L'ape regina si diversifica dalle api operaie in quanto è l'unica femmina dello sciame che può riprodursi. La sua vita si aggira in media fra i 2 ed i 5 anni ed è in grado di deporre fino a 2000 uova ogni giorno. Garantisce il benessere di tutto l'alveare...
Invertebrati e Insetti

Come Riconoscere Ed Evitare Il Contatto Con La Processionaria

Nonostante il nome richiami alla mente sensazioni di altro genere, la processionaria è un bruco che può rivelarsi abbastanza pericoloso per l'uomo e per i suoi amici a quattro zampe: basta toccarlo per avere fastidiose reazioni. Questo lepidottero...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere il ragno violino

Il ragno violino, scientificamente chiamato Loxosceles reclusa, è sicuramente uno dei più temuti in assoluto. Il suo habitat naturale è generalmente l'America settentrionale. Tuttavia, anche in quei luoghi in cui la loro presenza è massiccia, i morsi...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere la malmignatta

La malmignatta è uno dei pochi ragni velenosi presenti sul territorio italiano. Il suo nome scientifico è Latrodectus tredecimguttatus, ed è un aracnide della famiglia dei Terididi. È conosciuto anche come "vedova nera mediterranea", in quanto parente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.