Come riconoscere le galline che hanno l'attitudine alla cova

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Le galline non sono certo gli animali più belli e simpatici della terra, ma certamente ricoprono un ruolo fondamentale nella vita di tutti i giorni. Infatti allevare delle galline ci garantisce una continua produzione di uova, utili per la realizzazione di moltissime pietanze. Se si dispone di un pollaio familiare è possibile riconoscere le galline che hanno l'attitudine alla cova e poter così incrementare il numero di pollame con la riproduzione naturale, che talvolta viene forzata dall'uomo. Nelle galline, l'attitudine alla cova è una caratteristica individuale intrinseca tipica di ogni individuo, legata per lo più al carattere rustico della razza. Questo istinto di covare, nel corso degli anni, è stato quasi del tutto perso, portando allo stremo il numero reale delle chiocce. Le razze di galline più propense alla cova al giorno d'oggi, sono le Cocincina e le "mugellesi". In questa guida spiegheremo come riconoscere le galline che hanno l'attitudine alla cova, attraverso pochi e semplici passaggi, vediamo come fare.

25

Occorrente

  • pollaio
  • galline
  • cassetta con rete a maglia stretta
  • paglia morbida o truciolo depolverato
35

L'importanza del gallo

Ovviamente si deve avere un gallo che fecondi la gallina, se si vogliono usare le uova del proprio pollaio, oppure bisogna rivolgersi ad un vicino scambiandosi le uova. Con l'arrivo della stagione primaverile, quando ormai non c'è il rischio di abbassamenti pericolosi della temperatura, e di notte la stessa non scende sotto i 18°C, per poter riconoscere tra tutte le galline quelle che sono portate alla cova basta seguire alcuni semplici accorgimenti.

45

Meccanismi di selezione

Prima di tutto si fa una sorta di selezione: si prendono alcune galline, i soggetti che sembrano essere i più calmi oppure quelli che rimangono più tempo nel nido. Dopodichè devono essere sistemate in una cassetta per la cova al chiuso e abbastanza spaziosa che deve essere riposta in un luogo buio per 24 ore con il nido imbottito di paglia morbida o preferibilmente da del truciolo depolverato. Il giorno dopo le galline messe a covare devono essere liberate per 15-20 minuti al fine di consentire loro di svolgere le normali funzioni fisiologiche: bere, alimentarsi, fare il bagno di sabbia ed espellere i loro bisogni. Al termine di questo periodo le galline devono tornare nel nido e bisogna lasciarle lì per altre 24 ore.

Continua la lettura
55

Accorgimenti fondamentali

Questa procedura viene ripetuta per tre giorni, il quarto giorno le galline che hanno l'istinto alla cova torneranno da sole nel nido, nel caso contrario sarà inutile insistere e si potranno scegliere altri soggetti da testare. Dopo questo periodo di prova, verranno deposte nel nido delle prescelte, le uova da covare. Ogni chioccia con le sue uova deve essere separata dalle altre galline. La cova dura 21 giorni e durante questo periodo la gallina, preferibilmente durante la notte, deve essere spostata assieme al nido e alle uova in una gabbia spaziosa e con una rete a maglia stretta altrimenti i topi potrebbero entrarvi e divorare le uova oppure qualche volpe potrebbe mangiare la gallina.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come preparare un nido per galline

Le galline sono definite “animali da cortile”, perché non hanno bisogno di un particolare habitat per sopravvivere. Ma possono essere allevate, appunto, anche in uno spazio antistante alla propria abitazione. Molti allevano le galline per molteplici...
Volatili

Le migliori razze di galline ovaiole

Le galline ovaiole portano questo nome grazie allo loro capacità di deporre un gran numero di uova rispetto ad altre razze di galline. Di fatti in media sono in grado di produrre 300 uova nell'arco di un anno, ovviamente in periodi di fertilità. Di...
Volatili

Come Fare Un Alimentatore A Gravitá Per Galline

Prendersi cura dei propri animali è di fondamentale importanza per la loro salute. Animali trascurati inevitabilmente possono manifestare delle problematiche che possono anche essere gravi. Ovviamente ogni tipologia di animale necessita di attenzioni...
Volatili

Come allevare galline ovaiole all’aperto

Per chi possiede un terreno di campagna esistono tante possibilità per svolgere un'attività produttiva rispettosa della natura e producente in maniera soddisfacente, un esempio è dato dai tanti allevamenti di bestiame che è possibile realizzare laddove...
Volatili

Come costruire un riparo per le galline ovaiole

Normalmente per le questioni di allevamento e di produzione di alimentari biologici le persone si rivolgono od ad un agricoltore esperto o semplicemente leggono qualche guida online. Per facilitarvi la cosa nel caso in cui decideste di mettere su un allevamento...
Volatili

Come riconoscere un uovo fecondato

Mentre l'umanità fa passi da gigante verso un mondo sempre più tecnologico, le persone sembrano riscoprire gli aspetti più semplici come l'agricoltura, la natura e gli alimenti genuini. Possedere delle uova fresche e di qualità rappresenta, al giorno...
Volatili

Come riconoscere una gazza ladra

Il mondo dei volatili copre una vasta gamma di esemplari dalle diverse dimensioni. La varietà del loro colore e del loro piumaggio desta un stato di meraviglia in chi li osserva e ne permette il riconoscimento della specie. Per gli appassionati di...
Volatili

Come Riconoscere Il Pavo Cristatus

Il Pavo Cristatus è un meraviglioso volatile che popola parchi e giardini. La sua presenza allieta chiunque lo osservi. Affascina per la sua maestosità ed eleganza. Non ricercare troppo lontano. Questo animale è più comune di quanto pensi. Stiamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.