Come riconoscere le galline che hanno l'attitudine alla cova

Tramite: O2O 26/07/2017
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Le galline non sono certo gli animali più belli e simpatici della terra, ma certamente ricoprono un ruolo fondamentale nella vita di tutti i giorni. Infatti allevare delle galline ci garantisce una continua produzione di uova, utili per la realizzazione di moltissime pietanze. Se si dispone di un pollaio familiare è possibile riconoscere le galline che hanno l'attitudine alla cova e poter così incrementare il numero di pollame con la riproduzione naturale, che talvolta viene forzata dall'uomo. Nelle galline, l'attitudine alla cova è una caratteristica individuale intrinseca tipica di ogni individuo, legata per lo più al carattere rustico della razza. Questo istinto di covare, nel corso degli anni, è stato quasi del tutto perso, portando allo stremo il numero reale delle chiocce. Le razze di galline più propense alla cova al giorno d'oggi, sono le Cocincina e le "mugellesi". In questa guida spiegheremo come riconoscere le galline che hanno l'attitudine alla cova, attraverso pochi e semplici passaggi, vediamo come fare.

25

Occorrente

  • pollaio
  • galline
  • cassetta con rete a maglia stretta
  • paglia morbida o truciolo depolverato
35

L'importanza del gallo

Ovviamente si deve avere un gallo che fecondi la gallina, se si vogliono usare le uova del proprio pollaio, oppure bisogna rivolgersi ad un vicino scambiandosi le uova. Con l'arrivo della stagione primaverile, quando ormai non c'è il rischio di abbassamenti pericolosi della temperatura, e di notte la stessa non scende sotto i 18°C, per poter riconoscere tra tutte le galline quelle che sono portate alla cova basta seguire alcuni semplici accorgimenti.

45

Meccanismi di selezione

Prima di tutto si fa una sorta di selezione: si prendono alcune galline, i soggetti che sembrano essere i più calmi oppure quelli che rimangono più tempo nel nido. Dopodichè devono essere sistemate in una cassetta per la cova al chiuso e abbastanza spaziosa che deve essere riposta in un luogo buio per 24 ore con il nido imbottito di paglia morbida o preferibilmente da del truciolo depolverato. Il giorno dopo le galline messe a covare devono essere liberate per 15-20 minuti al fine di consentire loro di svolgere le normali funzioni fisiologiche: bere, alimentarsi, fare il bagno di sabbia ed espellere i loro bisogni. Al termine di questo periodo le galline devono tornare nel nido e bisogna lasciarle lì per altre 24 ore.

Continua la lettura
55

Accorgimenti fondamentali

Questa procedura viene ripetuta per tre giorni, il quarto giorno le galline che hanno l'istinto alla cova torneranno da sole nel nido, nel caso contrario sarà inutile insistere e si potranno scegliere altri soggetti da testare. Dopo questo periodo di prova, verranno deposte nel nido delle prescelte, le uova da covare. Ogni chioccia con le sue uova deve essere separata dalle altre galline. La cova dura 21 giorni e durante questo periodo la gallina, preferibilmente durante la notte, deve essere spostata assieme al nido e alle uova in una gabbia spaziosa e con una rete a maglia stretta altrimenti i topi potrebbero entrarvi e divorare le uova oppure qualche volpe potrebbe mangiare la gallina.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come preparare un nido per galline

Le galline sono definite “animali da cortile”, perché non hanno bisogno di un particolare habitat per sopravvivere. Ma possono essere allevate, appunto, anche in uno spazio antistante alla propria abitazione. Molti allevano le galline per molteplici...
Volatili

Come riconoscere un uovo fecondato

Mentre l'umanità fa passi da gigante verso un mondo sempre più tecnologico, le persone sembrano riscoprire gli aspetti più semplici come l'agricoltura, la natura e gli alimenti genuini. Possedere delle uova fresche e di qualità rappresenta, al giorno...
Volatili

Come riconoscere un gallo

Il gallo è sicuramente la figura di spicco nel pollaio; questo animale canta alle prime luci dell'alba per annunciare il nuovo giorno. Esso si riconosce facilmente, anche se agli occhi delle persone inesperte può sembrare identico alla gallina. In realtà...
Volatili

Come riconoscere il sesso dei pulcini

Per gli allevatori è fondamentale sapere se quello che hanno davanti sia un pulcino maschio oppure femmina, poiché i primi, non essendo in grado di produrre uova, vengono solitamente scartati. Purtroppo non è semplice distinguere i due sessi, soprattutto...
Volatili

Come riconoscere il sesso del pappagallino cocorita

Questi simpatici e tenerissimi animali domestici, noti a tutti anche con il nome di cocorita o di parrocchetti ondulati, sono molto socievoli nonché i volatili più allevati al mondo, proprio grazie alle loro straordinarie capacità di adattarsi ai climi...
Volatili

Come Riconoscere il sesso del pappagallo cenerino

Le specie di uccelli sono molte, e forse anche voi avete in casa qualche uccellino, e vi sarete certamente chiesti di che sesso sia o come si può riconoscere. Purtroppo in molti, come per il pappagallo cenerino, non è possibile riconoscerlo. Il pappagallo...
Volatili

Come riconoscere lo storno

Presente in oltre 100 Paesi, lo storno è una delle specie appartenenti alla famiglia degli Sturnidi più nota al mondo, in particolare per la sua spiccata adattabilità alla convivenza con l'uomo e la capacità di imitare perfettamente il verso di altri...
Volatili

Come riconoscere i rapaci in volo

Per poter osservare un rapace in volo bisogna prima di tutto saperlo riconoscere e per fare questo è necessario approfondire la conoscenza delle caratteristiche di questi affascinanti volatili. Cos'è quindi, un rapace? Questo termine si utilizza comunemente...