Come riconoscere un anofele

Tramite: O2O 29/09/2018
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Per chi non lo sapesse, l'anofele è una zanzara, il principale vettore della malaria. A causa di questo parassita, oggi si contano più di un milione di morti all'anno. L'anofele generalmente vive in prossimità di paludi, acque stagnanti e pantani, con abbondante vegetazione. La femmina adulta deposita circa 170 uova sulla superficie di laghi, stagni, corsi di acqua dolce. Tuttavia, trascorre tre quarti della vita in acqua, mentre l'ultimo stadio in aria, cibandosi di sangue umano, bovino e canino. Il genere anofele comprende centinaia di specie, sparse in tutto il mondo. È responsabile anche del nematode (parassita del cane) e del virus della febbre. Diciamo pure che a parte le caratteristiche macchie sulle ali, non è facile riconoscere un anofele ad occhio nudo ma, particolari comportamenti la contraddistinguono. Questa guida vuole essere un valido aiuto per tutti coloro che cercato ulteriori informazioni su come riconoscere un anofele.

27

Occorrente

  • Pastiglia antimalariche specifiche
37

Il genere Anofele

Innanzitutto, ricordiamo che nel mondo esistono più di 430 specie di anofele, tuttavia solo 30 o 40 sono dei vettori reali della malaria. L'anofele dalle ali macchiate, si può dire che era la specie più diffusa in Italia e nelle regioni mediterranee prima della bonifica, dei primi anni del Novecento. Il maschio è innocuo e si nutre solo di linfa vegetale.La sua diffusione attuale, nonostante massicci interventi negli anni nelle zone in cui la presenza di questa zanzara è assolutamente endemica nel veicolare la malaria, è ancora elevata.Le aree di maggior diffusione sono individuabili in luoghi dove è presente una grande quantità d'acqua stagnante come paludi, corsi d'acqua soprattutto in prossimità delle foci dei fiumi, bacini idrici artificiali, canali d'irrigazione in luoghi solitamente siccitosi.Un altro fattore di diffusone è la temperatura media annua: non è affatto casuale, infatti che il genere anofele prolifica in aree geografiche solitamente tropicali o equatoriali, località nelle quali la temperatura media annua le consente di riprodursi più volte in un anno.Tutta l'Africa sub-sahariana ne è interessata: i paesi con la maggiore diffusione attuale sono la Nigeria, Ghana, Costa d'Avorio, Liberia, Senegal e, spostandosi verso est, l'Indocina per la massiccia presenza di acque stagnanti dovute alla grande percentuale di campi coltivati a risaia.

47

La riproduzione

La femmina anofele si nutre di sangue umano, in modo da portare a maturazione le uova. È attratta particolarmente dalle caviglie e dall'odore dei piedi, anche se apprezza ugualmente il sangue bovino e canino. Le uova (circa 170) vengono deposte in volo, sulla superficie di laghi, corsi di acqua dolce, stagni e paludi. Sono provviste di una sacca d'aria che permette di galleggiare tranquillamente. Il ciclo vitale delle anofele e costituito di 4 fasi: uovo, larva, pupa ed adulto. Le prime tre avvengono in acqua, mentre l'ultima in aria. Le femmine adulte possono vivere fino ad un massimo di un mese, garantendo però una prole cospicua.

Continua la lettura
57

La prevenzione

La maggior parte delle zanzare anofele diventano abbastanza attive al crepuscolo, di notte e all'alba. Infatti generalmente è la mattina che ci ritroviamo con le bolle rosse di punture d'insetto; mentre durante il giorno riposano lontane dal sole, per evitare la disidratazione. Risulterà facile riconoscere l'anofele solo dal ventre rivolto verso l'alto, durante il suo periodo di riposo. Per chi viaggia molto è consigliabile la vaccinazione contro la malaria. In realtà, anche se è diffuso il termine vaccinazione, per la malaria si tratta di una prevenzione tramite l'assunzione di farmaci specifici, gli stessi che vengono impiegati nelle terapie curative in caso di patologia diagnosticata.Non improvvisatevi medici: in caso di viaggio in un paese dove è possibile contrarre la malaria, informatevi sul sito del Ministero della salute sui farmaci specifici per quel paese che saranno diversi in un'altra area perché studiai per curare appositi ceppi del genere Anofele.Ciò che può essere efficace in un paese non lo sarà in un altro, quindi la prevenzione anti-malarica dovrà essere strategicamente studiata assieme al vostro medico di famiglia o presso un centro specializzato nella prevenzione di malattie tropicali.La zanzara anofele, pungendo, deposita il parassita che penetra nei globuli rossi ed infetta l'organismo, causa anche di morte.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di partire per località a rischio, fai sempre la vaccinazione antimalarica
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come riconoscere una pulce

Saper riconoscere una pulce è davvero importante, anche se uno non vorrebbe mai incontrarle. Purtroppo, loro amano particolarmente "fare amicizia" con i vostri amici a quattro zampe, e allora vi ritroverete tutti insieme appassionatamente senza averlo...
Cani

Cane depresso: come riconoscere i sintomi e cosa fare

I cani sono degli animali dal temperamento forte e deciso. Ma delle volte possono cadere in uno stato profondo di tristezza. Le cause scatenanti possono essere molte e legate a cambiamenti. Uno dei più frequenti viene attribuito a un eventuale trasloco....
Cani

Come farsi riconoscere capo branco dal proprio cane

Avere un animale domestico è sempre un piacere, specie se si tratta di un cane, che ha la grande capacità di arricchirci la vita in vari modi.Ma i cani sono animali da branco indi per cui necessitano di un capo branco che gli detti le regole della vita...
Cani

Come riconoscere un cane di razza

Se siamo intenzionati ad acquistare un cane, in un'epoca come quella attuale dove le truffe perpetrate ai danni di ignari clienti sono all'ordine del giorno, saper riconoscere i tratti distintivi di un cane di razza da quelli di un meticcio, risulterà...
Cani

Come riconoscere nel cane i sintomi della leishmaniosi

Si dice che il cane sia il miglior amico dell'uomo e proprio come l'uomo, anche il cane non è immune da malattie più o meno gravi. Una di queste è la leishmaniosi. La leishmaniosi è una malattia che colpisce i cani, ma non solo, molto grave e che...
Cani

Come riconoscere i forasacchi nelle orecchie o naso del cane

Quando con l'arrivo della bella stagione ci sono delle bellissime giornate di sole da poter trascorrere all'esterno delle nostre abitazioni e ci prepariamo ad effettuare delle lunghe passeggiate per i parchi cittadini in compagnia dei nostri animali domestici,...
Cani

Come riconoscere la razza di un cane

Non tutti i cani appartengono ad un'unica razza precisa: come ben noto esistono anche i meticci, ovvero dei cani che derivano da un miscuglio di più razze nel corso delle generazioni. Un "bastardino" non ha nulla da invidiare ad un cane di razza, ma...
Cani

Come riconoscere se il proprio cane è affetto da Leishmaniosi

La solitudine per una persona rappresenta uno stato angoscioso e molto triste. Infatti per coloro che vivono tale stato, è consigliabile adottare un animale. L'animale più consigliato da tenere in casa per fare compagnia al padrone, è il cane. Il cane...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.