Come riconoscere un potamocero

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il potamocero è un mammifero che appartiene alla famiglia dei suini che vive prevalentemente nelle zone orientali e meridionali dell'Africa. Questi esemplari popolano praterie, boschi fluviali, paludi, canneti e le aree semi-aride e si suddividono in sei sottospecie. Tuttavia, questi animali si vedono raramente in natura perché vivono in luoghi difficilmente accessibili agli esseri umani, dove sono attivi per lo più durante la notte. In alcune parti dell'Africa, essi si nutrono delle colture agricole e, nonostante le numerose uccisioni dovute al conflitto con gli esseri umani, la loro popolazione è ancora cospicua e stabile, tant'è che non compaiono sulla lista degli animali in via di estinzione. Ma ora vediamo come riconoscere un potamocero.

24

Il potamocero ha un peso che può variare dai 50 fino ai 140 kg, a seconda della sua età; l'altezza al garrese è di circa 70 cm, mentre la sua coda raggiunge i 45 cm di lunghezza. Per quanto riguarda il manto, il potamocero non presenta un'unica tinta; quelli giovani, come accade anche per i cinghiali, si distinguono per il manto striato. Il manto degli adulti, invece, può andare dal rossastro fino al nero, oltre a presentare peli di colore bianco e giallastro; questi ultimi si trovano specialmente sul dorso oppure lateralmente sul capo. Aiuta a riconoscere un potamocero anche il ciuffo di peli che spunta dalle orecchie.

34

Per quanto riguarda l'alimentazione, tale mammifero è onnivoro, mangiando sia erbe che frutti, insetti e rettili; è anche molto goloso di uova e di carogne di animali. Inoltre, la fame può portarlo a cacciare animali da allevamento, in particolar modo quelli più indifesi e di piccole dimensioni come gli ovini. Le impronte del potamocero sono piccole e di forma somigliante a quelle dell'ilocero; raggiungono al massimo gli 8 cm. Dopo che l'esemplare diventa maturo sessualmente (3 anni), la riproduzione assume un carattere stagionale (da settembre ad aprile).

Continua la lettura
44

Ogni femmina partorisce, in media, una volta all'anno e i piccoli nascono all'interno di un nido d'erba interrato (a circa 1 metro di profondità) e scavato dalla femmina stessa. Solitamente un esemplare femmina riesce a partorire da 1 a 6 piccoli per ogni gestazione; la nascita avviene circa 4 mesi dopo la fecondazione. Purtroppo la caccia ha portato, in alcune zone, ad un eccessivo calo della presenza dei potamoceri; si è reso necessario, pertanto, un monitoraggio costante dei capi per evitare che possa scomparire nel giro di pochi anni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

Come Riconoscere Il Grillo Talpa

Il grillo talpa è un insetto appartenente alla famiglia dei Gryllotalpidae. Viene considerato come un animaletto dannoso per i terreni coltivati a prati e per gli orti: questo accade perché l'insetto scava delle gallerie sotterranee che danneggiano...
Altri Mammiferi

Come riconoscere uno stambecco

Lo stambecco è caratterizzato dalle corna molto grosse e incurvate all'indietro. Compare raramente, principalmente negli stemmi di famiglie o comunità alpine. Come animale araldico lo stambecco è un carico araldico e di norma viene rappresentato alla...
Altri Mammiferi

Come Riconoscere Un Alce

L'alce (Alces alces) è il più grande Cervide esistente in natura. Alla stessa famiglia (identificata da Linnaeus nel 1758) appartengono caprioli, renne, daini e cervi. Attualmente è diffuso in tutto l’emisfero settentrionale dall'Europa, all'Asia,...
Altri Mammiferi

Come riconoscere un Oritteropo

Quest'oggi, vorrei presentarvi un simpaticissimo mammifero non molto conosciuto: l'Oritteropo. Questo curioso animale vive nell'Africa centromeridionale, e guardandolo per la prima volta, la cosa che colpisce di più è il suo curioso aspetto: presenta,...
Altri Mammiferi

Guida ai vari finimenti del cavallo

Il mondo animale definisce esemplari a volte anche sconosciuti, che siano pesci, cani, gatti uccelli cavalli, ognuno con caratteristiche e cure differenti, sta a noi dargli l'aspetto che meritano. Vediamo insieme una guida ai vari finimenti del cavallo,...
Altri Mammiferi

Come Identificare Le Impronte Di Animali

Le impronte rilasciate sul terreno sono facilmente identificabili, per cui si può stabilire con assoluta certezza se si tratta di quelle di esseri umani o di varie specie animali. A riguardo di questi ultimi, bisogna però conoscere il tipo di zampa...
Altri Mammiferi

Come aiutare animali in via d'estinzione

All'interno di questa guida, andremo a parlare di animali. Nello specifico, in questo caso, ci dedicheremo agli animali in via d'estinzione. Cercheremo di rispondere a quest'interrogativo: come si possono aiutare gli animali in via d'estinzione?Un interrogativo...
Altri Mammiferi

Come tenere lontani gli orsi

Gli orsi sono tra gli animali più imponenti e pericolosi e incontrarli nel loro contesto naturale è un’esperienza indimenticabile che potrebbe anche diventare terrificante se ci si avvicina troppo. L’incontro tra un orso e un uomo può essere fatale,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.