Come riconoscere un uovo fecondato

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Mentre l'umanità fa passi da gigante verso un mondo sempre più tecnologico, le persone sembrano riscoprire gli aspetti più semplici come l'agricoltura, la natura e gli alimenti genuini. Possedere delle uova fresche e di qualità rappresenta, al giorno d'oggi, una qualcosa alla portata di tutti. È sufficiente avere a disposizione gli strumenti appositi, oltre a possedere alcune conoscenze indispensabili sull'anatomia degli uccelli ed un po' di buona volontà. Di fatto, in questi ultimi anni alcune persone hanno deciso di dedicare il loro tempo libero all'allevamento di galline, delle oche o di altre specie di uccelli. I più diffusi sono, comunque, gli allevamenti di galline (e, naturalmente, anche dei galli). Una volta che queste hanno deposto le uova, si deve tentare di individuare una chioccia, per poi riempire un nido di uova fecondate. Il resto lo dovrà fare la chioccia. Per comprendere maggiormente le modalità su come riconoscere un uovo fecondato da uno non fecondato, è necessario effettuare la cosiddetta speratura. Quest'operazione è necessaria anche per chi cerca di allevare altri generi di uccelli, di varie dimensioni, dai canarini agli struzzi. Ecco, quindi, una guida utile per comprendere come riconoscere un uovo fecondato.

27

Occorrente

  • uno sperauovo (o, in alternativa, una scatola con una luce dentro e un foro circolare sopra)
  • per le uova di dimensioni più piccole si può usare una penna (torcia) sperauovo
37

Per fare la speratura si portano le uova in una stanza non illuminata, usando strumenti appositi

Eseguire la speratura non è assolutamente un'operazione complicata da praticare. È sufficiente portare le uova in una stanza non illuminata, per poi utilizzare un’attrezzatura specifica per la speratura. Questa consta, solitamente, in una scatola con piazzata una lampadina. Per comprendere se un uovo è fecondato oppure no, può essere utilizzata anche una torcia o una penna per la speratura, reperibili senza alcun problema in commercio.

47

Occorre mettere l'uovo alla luce, ed agire diversamente se è già stato fecondato o meno

La domanda che viene da porsi è come occorre procedere. Possiamo stabilire che tutto risulta essere particolarmente semplice. Per prima cosa, è sufficiente sistemare l'uovo alla luce. Nel caso in cui l'uovo non dovesse essere stato fecondato in precedenza, il suo interno dovrebbe essere abbastanza chiaro, e si dovrebbe riscontrare qualche difficoltà a distinguere anche le singole parti dell'uovo. Se, invece, l'uovo è stato fecondato, la luce dello sperauovo mostrerà un punto maggiormente scuro al suo interno, il quale si muoverà se verrà mosso anche il guscio. Mediante l'ausilio della speratura, non è possibile notare se l'embrione fecondato è vivo oppure morto. Un uovo fecondato che contiene un embrione morto rivelerà, ai successivi controlli, una mancanza di sviluppo.

Continua la lettura
57

Un uovo che non è stato fecondato può essere rimosso dal nido o dall'incubatrice

Osservando attentamente attraverso il guscio dell'uovo, si potranno notare, addirittura, i vasi di sangue. Soltanto di rado, è anche possibile osservare il cuore che pulsa. A seconda dei giorni di cova, l'interno dell'uovo potrebbe cambiare il colore e la sua consistenza. Generalmente, una volta verificato che un uovo non è stato fecondato, dovrà essere rimosso dal suo nido oppure dall'incubatrice. Per essere sicuri di non rinunciare ad un uovo fecondato, è fondamentale aspettare il settimo giorno. Questo termine, tuttavia, varia a seconda delle dimensioni dell'uovo ed al tipo di uccello che l’ha deposto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • la speratura deve essere fatta a circa 7 o 10 giorni dalla deposizione
  • cercate di non manipolare troppo le uova

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

I differenti tipi di farfalle

Le farfalle sono sicuramente gli insetti più belli ed ammirati al mondo, soprattutto per la loro varietà di colori. Ne esistono di moltissime specie e tutte nascono da un uovo e variano in dimensioni, forma e aspetto generale a seconda della specie....
Volatili

Come allevare i parrocchetti

La schiusa delle uova e la nascita dei piccoli sono il momento più bello e più emozionante che la passione per i pappagalli possa dare. Per la loro riproduzione e per il loro allevamento occorre tenere conto di alcuni accorgimenti, sia in tema di alimentazione...
Volatili

Come riconoscere le galline che hanno l'attitudine alla cova

Le galline non sono certo gli animali più belli e simpatici della terra, ma certamente ricoprono un ruolo fondamentale nella vita di tutti i giorni. Infatti allevare delle galline ci garantisce una continua produzione di uova, utili per la realizzazione...
Volatili

Come preparare un nido per galline

Le galline sono definite “animali da cortile”, perché non hanno bisogno di un particolare habitat per sopravvivere. Ma possono essere allevate, appunto, anche in uno spazio antistante alla propria abitazione. Molti allevano le galline per molteplici...
Volatili

Tutto sul passero del Giappone

Il Passero del Giappone rappresenta, sicuramente, una delle specie di uccelli maggiormente note nel Mondo. Si tratta di animali abbastanza semplici da allevare, e pertanto alla portata di tutti quanti i neofiti. Il loro prezzo, tra l'altro, è molto accessibile....
Volatili

Come creare uova finte per uccelli

Le uova finte, solitamente, vengono adoperate negli allevamenti di uccelli da gabbia o da voliera per sostituire le uova deposte dagli stessi volatili. L'utilizzo di queste uova è indispensabile per evitare che qualche pullus (ovvero i piccoli appena...
Volatili

Guida alla riproduzione degli uccelli

Gli uccelli sono animali semplici ma molto curiosi da osservare, da cui inoltre si può apprendere moltissimo. Molte specie sono a rischio estinzione, e per questa ragione è bene capire come evitare che ciò accada cercando di farli accoppiare nel miglior...
Cura dell'Animale

Le principali tipologie di allevamento

L'allevamento è una delle attività più antiche espletate dall'uomo, oltre all'agricoltura. Sin dai tempi più remoti tutte le civiltà si sono adoperate per sviluppare e trarre benefici, per il proprio sostentamento, dalla flora e dalla fauna terrestre....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.