Come riconoscere una vedova nera

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

È sicuramente uno dei ragni più conosciuti e temuti, stiamo parlando della famosissima vedova nera. Essa è presente anche in Italia. Questa tipologia di ragno occupa un ruolo importantissimo per l'agricoltura; infatti è in grado di sterminare un gran numero di insetti. Ma è altrettanto vero che a causa del suo veleno mortale incute timore solo al pensiero di poterla incontrare. Ma come si fa a riconoscere una vedova nera? In questo tutorial vengono dati degli utili consigli e delle corrette informazioni che si possono rivelare fondamentali se si ha il dubbio di trovarsi davanti a questo esemplare.

27

Occorrente

  • Spirito di osservazione
  • Cautela
  • Studi sugli insetti
37

Osservare il suo aspetto

Se vogliamo riconoscere una vedova nera bisogna osservare attentamente il suo aspetto.
Infatti, questo tipo di ragno si riconosce specialmente per i segni rossi che ha sul ventre.
La femmina è caratterizzata dalla presenza, sul dorso, di uno o due triangoli speculari; essi danno vita a una figura dalla forma a clessidra. Invece, il maschio presenta delle macchie a forma circolare che sono accompagnate da linee chiare. Un'altra caratteristica tipica della vedova nera sono: le sue zampe spesse e pelose, l'addome gonfio e pieno ed il suo colore di base; quest'ultimo spazia dal nero brillante al marrone ed al grigio.

47

Stare attenti ad alcune caratteristiche fondamentali

Se decidiamo di osservare questo esemplare di ragno vicino alla sua ragnatela (le femmine non la abbandonano praticamente mai) bisogna stare molto attenti ad alcune caratteristiche fondamentali. La tela che la vedova nera tesse è costituita da fili abbastanza robusti; essi hanno una forma molto irregolare, invece la sua dimensione è di circa 30 centimetri di diametro. A volte è possibile trovare delle uova all'interno della ragnatela; queste ultime vengono ricoperte dalla femmina con la seta che produce. In questo modo le protegge dalle aggressioni esterne; esse sono raccolte in sacche bianche oppure marrone chiaro.

Continua la lettura
57

Conoscere gli ambienti che la vedova nera predilige

Generalmente condivide l'habitat ideale con altre specie di ragni del tutto innocue; comunque è sicuramente importante conoscere quali sono gli ambienti che la vedova nera predilige per la sua dimora. È opportuno sapere che questo animale ama i luoghi asciutti e caldi (ma solo raramente è rintracciabile in zone con temperature superiori ai 45° C). Questi aracnidi preferiscono sempre i luoghi riparati e sicuri. Per questo motivo le cataste di legna, le cantine, le soffitte ed anche gli angoli e gli spazi che si creano dietro ai mobili vengono considerati zone molto a rischio.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In ogni caso, bisogna avere estrema cautela nello studiare questo particolare tipo di ragno
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come allevare un ragno australiano

Esistono circa 40.000 specie di ragno australiano diverse conosciute e le loro abitudini di allevamento non sono tutte uguali. Alcuni rituali di accoppiamento si concludono nella violenza, mentre altri concludono con il maschio e la femmina che continuano...
Invertebrati e Insetti

Come intervenire su un morso di un ragno

Quando si organizza una bella passeggiata in famiglia o con amici, soprattutto in campagna, si può incorrere in alcuni pericoli che sarebbe meglio evitare come i ragni. Per quanto non tutti siano a conoscenza della pericolosità di questo animale, sottovalutare...
Invertebrati e Insetti

Come allevare il ragno crociato

I ragni nella catena alimentare sono molto più importanti di quanto si possa immagginare. Sono sostanzialmente animali predatori con due precise caratteristiche: anno una forte capacità di adattamento, anno una marcata diversità fra specie e famiglia....
Invertebrati e Insetti

Ragni giganti: 5 esemplari da allevare in casa

Se siete appassionati di insetti ed in particolare dei ragni, è importante sapere che c'è la possibilità di allevarne alcuni giganti in casa, seguendo però delle specifiche linee guida indicate nei passi successivi. A tale proposito, ecco una lista...
Invertebrati e Insetti

Come catturare un ragno

L'aracnofobia, ovvero la paura dei ragni, è una delle fobie più diffuse, tuttavia molte persone sono amanti dei ragni, a tal punto che catturarli ed osservarli spesso può diventare un vero e proprio hobby.Come qualunque altro insetto, i ragni sono...
Invertebrati e Insetti

Come sbarazzarsi dei ragni

I ragni sono degli aracnidi, che a seconda della razza e dimensione possono anche rivelarsi velenosi e pericolosi. Però la maggior parte dei ragni che si vedono nelle nostre case sono del tutto innocui e a volte molto utili contro insetti come zanzare...
Invertebrati e Insetti

Come identificare un ragno babbuino

Originari del Sud Africa, i ragni babbuino appartengono alla stessa specie della tarantola. Conosciuti anche con il termine scientifico Theraphosidae questa particolare specie di insetto, presenta delle caratteristiche che ricordano le scimmie da cui...
Invertebrati e Insetti

La famiglia degli aracnidi: caratteristiche e suddivisione

Gli aracnidi sono una specie animale appartenente alla famiglia degli artropodi, che comprende esemplari tipo ragni, zecche, scorpioni e acari. Sulla terra ne esistono più di 60 mila, ed il nome è di origine greca che significa ragno, poiché questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.