Come ridurre la flatulenza nel cane

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

A causa del normale processo digestivo, anche i cani a volte emettono delle flatulenze. Questo è normale, ma delle volte può avvenire in maniera eccessiva o con odori più sgradevoli del solito. Per imparare a ridurre la flatulenza nel cane, bisogna prima di tutto scoprirne le cause. In questa guida considereremo quindi una serie di possibili cause del meteorismo e vedremo come ridurre la flatulenza nel cane.

25

Tra le più comuni ci sono deglutizione di aria quando mangia, batteri nel colon, infezioni, malattie e disturbi del tratto gastrointestinale. In molti casi i cattivi odori sono legati semplicemente all'alimentazione non corretta. Ad ogni modo se il cane emette gas eccessivamente o con odori troppo forti, è bene portarlo dal veterinario per un controllo. Se il nostro cucciolo è magari abituato a ricevere cibo che troviamo sulla nostra tavola, è bene togliergli questa brutta abitudine, poiché gli alimenti umani non sono facilmente assimilabili per il suo piccolo apparato digerente, con conseguente formazione di meteorismo.

35

Un'altra causa di emissione di gas può essere il troppo affanno di mangiare da parte del nostro cane. I cani che fagocitano cibo a velocità impressionante sono più propensi a sviluppare attività di flatulenza a causa della grande mole di aria che ingeriscono durante la fase di nutrizione. Bisognerebbe aiutare il nostro amico a quattro zampe a "gestire" il proprio appetito, ad esempio si può provare a dare al cane piccoli pasti più volte al giorno, oppure mettere un ostacolo, come una palla, dentro la ciotola, in modo che il cane mangi più lentamente perché deve scovare il cibo evitando l’oggetto estraneo.

Continua la lettura
45

Se invece il cane è semplicemente goloso e tendere ad ingurgitare grosse quantità di cibo in poco tempo, un banale rimedio consiste nello spezzare i pasti. Anziché due porzioni principali di cibo durante la giornata, prendiamo l'abitudine di fornire una serie di spuntini ad intervalli regolari. In questo modo, riusciremo a intervenire su due fattori: innanzitutto diminuiremo l'appetito del cane, che potrà mangiare ad intervalli di 4-6 ore anziché 12. Secondariamente, suddividendo il fabbisogno calorico in diverse porzioni, il cane avrà più tempo per smaltire l'eventuale aria ingurgitata, specialmente se al momento della pappa seguirà una leggera attività fisica o di gioco.

55

Nei casi può gravi, il veterinario può svolgere specifiche analisi mediche e test reattivi, da cui si potrebbe desumere la presenza di malattie che hanno tra i sintomi la flatulenza. Affezioni respiratorie, disturbi gastro-intestinali, sindrome da malassorbimento dei carboidrati o sofferenza fisica dell'animale (con conseguente respirazione rapida ed ingestione di aria) sono solo alcune delle patologie che possono determinare l'insorgenza del meteorismo. Se gli esami fossero negativi, il veterinario sarà infine in grado di prescrivere una nuova dieta e degli appositi medicinali per eliminare il meteorismo oppure consigliarci l'impiego di cure quali il carbone vegetale, specificando l'eventuale posologia e ogni quanto tempo ripetere il ciclo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come capire se il cane ha i vermi

Avere un cucciolo di cane in casa, oltre ad essere un elemento di gioia per l'intera famiglia, rappresenta anche un impegno non indifferente. L'animale, infatti, non deve essere considerato unicamente un compagno di giochi, ma un essere vivente che necessita...
Gatti

I cibi da non servire al proprio gatto

Il gatto, assieme al cane, è sicuramente l'animale domestico più diffuso al mondo. In origine usato esclusivamente per mantenere i topi distanti dalle abitazioni, è entrato pienamente a far parte della vita dell'uomo, divenendo un ottimo animale da...
Cura dell'Animale

Come Allevare Una Capra

Allevare un animale non è cosa semplice, soprattutto se si tratta di un animale delicato e particolare come una capra. Certamente averne una può garantirci dei prodotti caseari naturali e di ottima fattura, sicuri che non ci siano sostanze nocive come...
Cura dell'Animale

5 motivi per portare il criceto dal veterinario

Se abbiamo appena deciso di allevare un criceto, è importante sapere che si tratta di un animaletto molto cagionevole di salute, per cui è necessario periodicamente curarlo e soprattutto affidarsi ad un veterinario. Nello specifico ci sono almeno 5...
Cura dell'Animale

Coniglio: i cibi da evitare

Ogni animale merita di avere le giuste attenzioni. Esso non è un giocattolo o un pupazzo e per questo bisogna prendersene cura in tutto e per tutto, incominciando dalla dieta. Un po' di attenzione nelle scelte alimentari, infatti, farà la differenza...
Cura dell'Animale

5 motivi per portare il coniglio dal veterinario

Forse non tutti lo sanno, ma il coniglio è l'animale domestico più diffuso, dopo il cane e il gatto. E non c'è motivo di farsene meraviglia perché il coniglio è un animale affettuoso ed intelligente, con una grande capacità di integrazione nelle...
Gatti

Le piante velenose per i gatti

Se il vostro micio, oltre ad essere un pantofolaio che cerca posticini in cui dormire indisturbato, è un brillante e coraggioso esploratore ed entra in contatto con le piante del terrazzo o, addirittura, è libero di sgattaiolare nel giardino, prestate...
Cani

Come riconoscere una frattura nel cane e come si cura

Un cane vivace amante delle corse e delle scorribande può incorrere in piccoli infortuni o fratture. Questo può capitare anche ad animali anziani, con passo tremolante oppure risultare il frutto di circostanze sfortunate. La frattura riguarda l’interruzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.