Come rimuovere correttamente una zecca

Tramite: O2O 22/08/2016
Difficoltà: media
110

Introduzione

Le pulci e le zecche sono dei parassiti ematofagi, ovvero che si nutrono del sangue degli animali. Si agganciano letteralmente alla loro pelle attraverso minuscole tenaglie, di cui il loro apparato boccale è provvisto e possono trasmettere malattie anche letali. Per privare il vostro cane o gatto da questi pericolosi parassiti occorre agire in fretta e con le dovute cautele. In questo tutorial apprenderemo come rimuovere correttamente una zecca.

210

Occorrente

  • Guanti, pinzette dalla punta affilata, alcool isopropilico disinfettante, contenitore o barattolo con coperchio. Optional spray o salviettine antisettiche
310

Procurarsi gli strumenti

Oltre ad essere dei parassiti infestanti, pulci e zecche prediligono le aree del corpo prossime ad orecchie ed occhi e, se rimosse male, lasciano brutti segni e cicatrici, che purtroppo non vanno via. Se avete deciso di non rivolgervi al veterinario e vi accingete per la prima volta ad effettuare quest'operazione, raccomando di preparare tutto quanto necessario e disporlo accanto a voi, a portata di mano. Tenete presente infatti che poi sará difficile andare alla ricerca di pinzette o alcool mentre dovete gestire un animale che si agita.

410

Rimuovere la zecca

1: Indossate i guanti. Proteggetevi dall'eventuale contatto con la zecca per evitare di infettarvi. 2: Preparate il vostro cane o gatto e mantenetelo calmo e rilassato. Non sottovalutate il fatto che state per procurargli del fastidio e che potreste accidentalmente punzecchiarlo, rendendolo nervoso. Se possibile fatevi aiutare da una persona a tenerlo fermo e tranquillo. 3: Posizionate le pinzette. Prendete delle pinzette e, con le punte, afferrate saldamente la zecca, quanto piú possibile vicino alla pelle del vostro animale (e quindi alla testa del parassita), facendo attenzione a non pizzicarne la cute.

Continua la lettura
510

Disinfettare la puntura

4: Prelevate la zecca. Tenendola ben salda fra le punte della pinzetta estraete la zecca con un gesto deciso, effettuando un movimento di torsione (come quando togliete il tappo di sughero da una bottiglia di vino col cavatappi, tanto per intenderci). Non strappate o tirate la zecca verso di voi: rischiate di lasciare incastrato sottopelle un pezzetto dell'apparato boccale del parassita. Fate anche attenzione a non schiacciare la zecca, perché i suoi fluidi corporei potrebbero contenere materiale infetto e le sue uova potrebbero infestare casa. Dopo averla prelevata, esaminatela per verificare che testa e bocca siano state rimosse. Se cosí non fosse, portate il vostro animale dal veterinario, affinché possa rimuovere le piccole parti di parassita rimaste nella cute. 5: Uccidete la zecca. Inseritela nel barattolo contenente alcool. Una volta morta, i veterinari raccomandano di conservarla nel barattolo chiuso con coperchio per qualche settimana, qualora il vostro animale domestico dovesse iniziare a mostrare sintomi di malattia. 6: Disinfettate la puntura.  

610

Premiare l'animale

Con uno spray o salviettine antisettiche disinfettate l'area da cui avete prelevato la zecca, controllando che non presenti segni di infezione. Se la puntura rimanesse arrossata o si infiammasse, avvertite il veterinario. 7: Premiate il vostro cane o gatto. Operazione compiuta! Non vi resta che premiare il vostro animale. Dategli un biscottino e, come premio extra, dedicategli un pó piú di tempo per giocare insieme.

710

Rimuovere la zecca con le mani

Un metodo alternativo consiste nel cercare di rimuovere la zecca senza utilizzare le pinzette. Con questo sistema la zecca dovrebbe scivolare fuori dalla cute dell'animale da sola, senza lasciarvi col dubbio se l'abbiate estratta completamente o meno. Prima di procedere non dimenticate di indossare i guanti. Separate il pelo del vostro animale con una mano e con la punta delle dita dell'altra mano afferrate la zecca.  

810

Disinfettare la ferita

Avvolgetela su se stessa con un rapido movimento circolatorio, come se voleste farle girare la testa, preferibilmente ruotandola sempre nella stessa direzione, in senso orario. Normalmente ci vuole meno di 1 minuto per estrarla quindi, qualora non doveste riuscire agilmente a prelevarla, controllate che effettivamente il corpo della zecca stia girando fra le vostre dita. Tenete infatti presente che per stordirla dovete farla girare molto velocemente.  

910

Conservare la zecca

Il solo inconveniente di questa tecnica consiste nel fatto che, se individuate la zecca precocemente, allo stadio iniziale del suo processo di attacco, risulta piú difficile farne ruotare il corpo. Pertanto, se non dovesse uscire facilmente, aspettate ancora 1 giorno e ripetete l'operazione, quando sara' penetrata un pó piú in profonditá. Una volta rimossa, inseritela sempre in un barattolo contenente alcool affinché muoia ed eventualmente fatela controllare da un esperto, perché verifichi che non si tratti di un parassita che trasmette la malattia di Lyme o Borrelia canica.

1010

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tenete sotto controllo il vostro animale domestico per qualche settimana dopo aver rimosso una zecca. Se dovesse manifestare strani sintomi tipo febbre, stanchezza, apatia, perdita d'appetito, chiamate subito il vostro veterinario.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Pulci e zecche : Come eliminarle

Le pulci e le zecche sono animali ematofagi non solo fastidiosi, ma potenzialmente pericolosi. Zecche, come anche pulci, possono essere molto dannose per le persone! Avere amici a quattro zampe comporta, quindi, avere anche questi "ospiti" in casa. Sopratutto...
Cura dell'Animale

Come debellare le zecche in modo naturale

La zecca americana ampiamente distribuita nei cani sverna in tutte le fasi le uova. Gli adulti sono prevalenti in primavera, e dopo aver ottenuto un pasto di sangue e l'accoppiamento, le femmine depositano fino a 4.000 uova in grandi quantità sul terreno....
Cura dell'Animale

Come lavare la cuccia dei tuoi animali domestici

Per garantire il benessere dei tuoi animali domestici e di conseguenza anche la tua salute, è necessario cercare di mantenere il più possibile pulite le loro cucce e gli ambienti in cui circolano regolarmente. Le cucce, in modo particolare, possono...
Cura dell'Animale

Come lavare a secco il cane

Quando decidiamo di prendere in casa un animale, cane, gatto od altro, dobbiamo essere convinti della scelta appena fatta e pensare che questi esserini necessiteranno di essere accuditi. Cibo e bagnetto sono solo una parte delle cure necessarie per fare...
Cura dell'Animale

Come realizzare un collare elisabettiano per il cane

Il collare elisabettiano è sicuramente un collare poco bello da vedere, che può creare in alcune occasioni disagio ed anche imbarazzo al nostro cane. Tuttavia questo collare in alcuni casi si rivela l'unico modo per impedire al nostro animale di ferirsi,...
Cura dell'Animale

Come tagliare il pelo del cane

È possibile tagliare il pelo del proprio cane in casa attraverso delle semplici ed utili accortezze. Prendersi cura del manto dell'animale domestico è fondamentale per il suo benessere, soprattutto se si tratta di un pelo lungo e piuttosto impegnativo...
Cura dell'Animale

5 errori da evitare nella pulizia del cavallo

Una delle operazioni più importanti da compiere, se si possiede un cavallo, o se ne cavalca uno, è la sua corretta pulizia. La cura del cavallo, detta, con termine anglosassone, grooming, serve non solo a rimuovere la sporcizia che potrebbe essersi...
Cura dell'Animale

Tecniche di allevamento dei bovini

Fin dalla notte dei tempi, l'allevamento dei bovini era finalizzato alla produzione di forza lavoro e molto meno come riserva di carne, visto il costo elevato nel mantenere più capi di bestiame e l’impossibilità di conservare a lungo la carne. Ora...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.