Come riprodurre tartarughe d'acqua dolce

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le tartarughe d'acqua dolce sono dei rettili disponibili in gran quantità, in qualsiasi forma e dimensioni, ed affascinano sia i bambini che gli adulti. Tuttavia, possono essere veramente difficili da allevare a causa della loro natura delicata, dei rigorosi requisiti ambientali di cui necessitano e della loro dieta specifica. In riferimento a ciò, ecco alcuni consigli su come riprodurre questi bellissimi esemplari di tartarughe.

26

Occorrente

  • Nuovo acquario
  • Acqua a temperatura costante
  • Una vaschetta
  • Torba
  • Coperchio
36

Innanzitutto, se osservate con attenzione le vostre tartarughe all'interno dall'acquaterrario, potete immediatamente rendervi conto che è arrivato il momento dell'accoppiamento, poiché è solito avvenire un determinato rituale. Il maschio inizia un certo tipo di corteggiamento e prolunga le zampe anteriori verso il volto della femmina, dopodiché le fa vibrare velocemente ed è in questo preciso momento che avviene l'accoppiamento. Dopo un periodo di tempo, è possibile assistere alla deposizione delle uova. Questo è il momento cruciale in cui è necessario il vostro aiuto.

46

Generalmente, le femmine depositano le uova sulla terra ferma e voi dovete essere veloci a toglierle molto delicatamente, anche perché le femmine più grandi, potrebbero divorarle. Una volta rimosse tutte le uova, dovete metterle in un nuovo acquario con circa un terzo di acqua ad una temperatura costante di circa 30 gradi. Prima di effettuare questa operazione però, andrà inserita nell'acquario una vaschetta più piccola, su cui sarà stata adagiata della torba precedentemente bollita e raffreddata: è proprio su questa torba che depositerete con cura le piccole uova. Successivamente, occorrerà coprire l'acquario con un coperchio, avendo l'accortezza di mantenere ben umido l'intero ambiente. Dopo circa 60 giorni, assisterete alla schiusa delle uova, e le piccole tartarughe una volta uscite dal guscio, si getteranno immediatamente nell'acqua.

Continua la lettura
56

A margine di questa guida ecco altri importanti consigli su come allevare e riprodurre le tartarughe d'acqua dolce. Innanzitutto non bisogna mai aggiungere del mangime all'acqua, se non dopo qualche giorno ed ovviamente, e anche quando i piccoli saranno leggermente cresciuti, non metteteli insieme agli adulti in quanto potrebbero arrecare loro dei danni. Inoltre se si usa del cibo liofilizzato bisogna evitarne l'eccesso poiché quello che non viene ingerito dalle tartarughe, depositandosi sul fondo del terrario tende a far marcire l'acqua che emana poi un cattivo odore, oltre che essere poco adatto per la loro sana crescita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come pulire il guscio di una tartaruga d'acqua

Possedere un animale domestico è una fortuna che comporta, però, diversi obblighi. Gli animali, infatti, vanno curati e coccolati, soprattutto se si sceglie di adottarli e di farli vivere in casa con noi. Uno tra gli animali domestici più diffusi è...
Cura dell'Animale

Come nutrire una tartaruga d'acqua

Quante volte ci capita di andare in un negozio per animali e rimanere affascinati dalle creature che tengono in esposizione? Una di queste, che è possibile allevare anche in casa come inusuale animale da compagnia, è la tartaruga d'acqua. Richiedono...
Cura dell'Animale

Come nutrire una tartaruga di terra

Le tartarughe di terra, così come altre specie di piccoli rettili, sono sempre più diffuse come animali domestici: sono più facili da tenere di quelle d'acqua, in quanto non hanno bisogno di un laghetto o di un'apposita bacinella d'acqua, e si possono...
Cura dell'Animale

Come fare il bagno a una tartaruga

La tartaruga è un rettile sempre più presente nelle case come animale domestico. Ispira simpatia ed è semplice da tenere perché sono esemplari autonomi che non richiedono particolari interventi. Per tenere una tartaruga occorre somministrarle il cibo,...
Cura dell'Animale

Regole da rispettare per garantire un buon letargo alla tartaruga

Le tartarughe sono degli esseri viventi che vanno in letargo ogni anno, ed in determinati periodi a seconda del luogo e del clima in cui vivono. Se dunque in casa abbiamo uno di questi esemplari, è importante consentirgli di andare in letargo, seguendo...
Cura dell'Animale

5 regole d'oro per la cura di una tartaruga

Se abbiamo appena acquistato una tartaruga ed intendiamo allevarla, magari per tentare anche in futuro la riproduzione, è importante curarla e rispettare delle regole che seppur semplici, si rivelano importanti ai fini della sua sopravvivenza. A tale...
Cura dell'Animale

Come avviene il fenomeno della migrazione degli animali

La migrazione rappresenta uno spostamento di un qualsiasi essere, da quella che è la sede abituale verso un'altra, che risulti essere più congeniale ed adeguata a delle nuove necessità. Il fenomeno della migrazione caratterizza molte specie animali...
Cura dell'Animale

Gli animali che vanno in letargo in autunno

Il mondo naturale è senza dubbio qualcosa di affascinante, da cui non si smetterà mai di imparare qualcosa. Gli animali, ad esempio, non sono tutti uguali, ed oltre alle distinzioni più generali tra mammiferi, uccelli e rettili, si può individuare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.