Come salvare il vostro gatto dall'avvelenamento

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Avete notato che il vostro gatto respira faticosamente? Oppure altri sintomi come il vomito o una strana debolezza?
Esistono molteplici sostanze nocive capaci di mettere a rischio la vita del vostro adorato gatto: quando il felino rimane dentro l'appartamento i pericoli sono abbastanza contenuti, ma sarà impossibile sapere cosa abbia mangiato o leccato durante le sue passeggiate in strada o nel giardino di casa. Riuscire così a riconoscere bene le eventuali situazioni di avvelenamento risulta fondamentale per evitare dei danni irreparabili. Grazie a questa guida potrete prestare un primo soccorso e capire come salvare il vostro gatto dall'avvelenamento.

26

Occorrente

  • Acqua
  • Siringa senza ago
36

Riconoscere i sintomi

La prima cosa da fare è osservare attentamente se i comportamenti del gatto risultino anomali.
Chi conosce perfettamente il suo felino sarà capace di vedere subito quando barcolla mentre cammina, trema o perde la propria agilità, non riesce a reggersi bene sulle zampe o ha timore di saltare perfino delle piccole altezze. Nella maggior parte delle volte questi comportamenti potrebbero verificarsi esclusivamente in attimi sporadici ma qualora dovessero aggiungersi sintomi come vomito, diarrea, eccessiva salivazione, rifiuto per il cibo o tremori, la probabilità che il vostro gatto sia stato avvelenato è molto alta.

46

Agire tempestivamente

Dopo aver preso coscienza della situazione sarà possibile agire in diversi modi:
ovviamente la prima cosa da fare è contattare un veterinario. Nel caso in cui ciò non sia possibile, si può prestare un primo soccorso. L'istinto del gatto sarà quello di nascondersi quindi è molto importante cercare di tranquillizzarlo. Portatelo in una stanza sicura o avvolgetelo in una coperta.

Continua la lettura
56

Altri consigli

Riguardo metodi o soluzioni casalinghe, l'unica cosa che potrete fare è cercare con una siringa senza ago di far bere il vostro gatto. Alcuni veleni o sostanze tossiche possono causare gravi danni agli organi. Quindi è molto importante mantenerlo idratato. Qualsiasi altra procedura va necessariamente eseguita con l'autorizzazione del veterinario. In caso contrario potreste causare anche gravi danni.
Infine nei limiti delle proprie possibilità cercate di identificare la sostanza con cui il vostro gatto sia potuto venire a contatto. Tra le piante casalinghe ritenute pericolose ci sono: la calla, il tulipano, l'ortica, l'azalea, l'edera o alberi come il mandorlo o l'albicocco. Altre sostanze comuni possono essere detersivi, detergenti o gli insetticidi.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come salvare i vostri cani e gatti in seguito ad un avvelenamento

Vedremo in questo brano come salvare i vostri cani e gatti in seguito ad un avvelenamento. Può capitare purtroppo che ci si ritrova in una spiacevole situazione dove il vostro gatto oppure cane, per diversi motivi, abbia mangiato qualcosa che contenesse...
Cani

Avvelenamento cani: cosa fare

Il cane è il migliore amico dell'uomo e ormai per ognuno di noi non è solo un animale di cui prendersi cura, ma rappresenta un vero e proprio membro della famiglia e, come tale, ha bisogno di tutte le attenzioni necessarie affinché sia in salute e...
Cani

Come comportarsi in caso di avvelenamento del cane

Il cane, come dice il detto, è il miglior amico dell'uomo, un animale meraviglioso e un fedele amico. In moltissime sono le razze di cani che variano sia per provenienza che per dimensione e che vanno per esempio dal chihuahua fino ad arrivare al grandissimo...
Rettili e Anfibi

Come riconoscere una vipera e come comportarsi in caso di avvelenamento

I serpenti nella maggior parte dei casi sono velenosi e si possono suddividere in due principali grandi categorie, per cui imparare, a distinguerli e soprattutto a capire se ci troviamo in pericolo o meno, è importante sapere che ad esempio i colubri,...
Gatti

Come capire se il gatto ha ingerito del veleno

Prendersi cura di un animale domestico come un gatto, è una passione che accomuna molte persone, ma allo stesso tempo, un compito impegnativo. A volte può capitare uno spiacevole e grave inconveniente, il nostro amico a quattro zampe può inavvertitamente...
Volatili

5 alimenti da non dare al pappagallo

La maggior parte delle persone e, soprattutto chi non ha mai posseduto un pappagallo, spesso tende a sottovalutare l'importanza della sua alimentazione. È proprio fornendo una dieta corretta e bilanciata al nostro pappagallo, che possiamo garantirgli...
Cani

Come rendersi conto che il cane non sta bene

Il nostro amico cane condivide con noi tanti momenti della nostra giornata ed è quindi naturale avere appreso intuitivamente tutti i suoi comportamenti e le sue abitudini. Se improvvisamente egli dovesse cambiarli immotivatamente e manifestare dei segnali...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere la malmignatta

La malmignatta è uno dei pochi ragni velenosi presenti sul territorio italiano. Il suo nome scientifico è Latrodectus tredecimguttatus, ed è un aracnide della famiglia dei Terididi. È conosciuto anche come "vedova nera mediterranea", in quanto parente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.