Come salvare un gatto da un soffocamento

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sono moltissime le famiglie che decidono di adottare un animale perché questo porta molta felicità, serenità ed è in grado di farci molta compagnia. Tuttavia prima di decidere di adottare un animale dovremo capire se saremo in grado di curarlo correttamente e di dedicargli un po' del nostro tempo. Su internet potremo trovare moltissime guide che ci forniranno vari consigli su come curare il nostro animale e come comportarci in determinate situazioni. In questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a salvare il nostro amato gatto da un pericoloso soffocamento.

26

La prima cosa che dobbiamo fare in questa delicata situazione è verificare che ci siano i segni di un soffocamento in corso. Molte volte i mici tossiscono semplicemente perché hanno ingoiato del pelo, e non c'è nulla di cui allarmarsi. Dobbiamo quindi fare attenzione a non confondere i conati di vomito con un soffocamento. In questo caso, il nostro animale domestico farà fatica a respirare, cercherà di tossire con tutte le sue forze e avrà la bava ai lati della bocca.

36

Ora dobbiamo cercare di guardare all'interno della cavità orale, mettendo all'indietro la testa e aprendo con decisione la bocca. Per mantenere la mascella in posizione, spingiamola all'ingiù con le dita. Se il corpo estraneo è ben visibile, possiamo rimuoverlo con delle pinzette, procedendo ovviamente con estrema cautela. In ogni caso, non utilizziamo mai le dita, in quanto il gatto ci morderebbe sicuramente e l'oggetto rischierebbe di penetrare ancora più in fondo. Successivamente, diamo dei piccoli colpi tra le scapole del micio, per favorire la tosse. Se non dovesse essere sufficiente, mettiamo il gatto con la schiena rivolta verso di voi, su un piano stabile, solleviamogli gli arti posteriori e teniamole fra le gambe, quindi comprimiamo con decisione i lati del torace, compiendo dei movimenti veloci e secchi.

Continua la lettura
46

Se non riusciamo a risolvere la situazione, portiamo immediatamente il gatto dal veterinario. Verifichiamo che durante il tragitto non perda conoscenza. Se ciò dovesse succedere, procediamo così: apriamogli per bene la mascella e, dopo aver controllato che non sia visibile l'oggetto tale da poterlo togliere, pratichiamo la respirazione cardiopolmonare. Tappiamo il naso del micio e soffiamo all'interno della bocca, fino a quando non avrà ripreso conoscenza. Queste manovre, se eseguite correttamente e in tempo utile, salveranno la vita del nostro gatto.

56

A questo punto la nostra guida è finalmente terminata e seguendo tutti i passaggi riportati i precedenza, potremo finalmente riuscire a salvare la vita del nostra amato gatto da un pericolosissimo soffocamento. Se non riusciamo a risolvere tempestivamente il problema, rechiamoci subito dal nostro veterinario di fiducia che potrà tempestivamente aiutarci.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Portate il vostro micio al più presto da un veterinario

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

10 consigli per accudire un gattino

Cosa c'è di più tenero e morbido di un gattino? Ci sciogliamo subito di tenerezza di fronte ad una cucciolata di micetti. Ed è irresistibile la voglia di tenerne in mano almeno uno. Giusto per accarezzarlo e vezzeggiarlo. Che sia un trovatello o il...
Cura dell'Animale

Come misurare la temperatura di un coniglio

Quella di avere un coniglio come animale domestico è ormai diventata una vera e propria moda. È necessario ricordarsi che un animale domestico rappresemta un essere vivente a tutti gli effetti. E in quanto tale necessita di una buona dose di impegno...
Cani

Come Fare Se Il Cane Ingoia Un Oggetto

In alcuni casi si tratta proprio di un comportamento convulsivo, per altri è solo un istinto innato, il cane ingoia di tutto, un po' come capita nei bambini molto piccoli che tendono a mettere tutto pericolosamente in bocca. È importante concentrarsi...
Gatti

Consigli per svezzare i gattini

I gatti, come tutti i mammiferi che per un certo tempo della loro vita si nutrono solo con il latte materno, una volta passato tale periodo vanno svezzati. Svezzare significa infatti passare gradualmente dall'allattamento alla progressiva introduzione...
Gatti

Ricette per gatti

S vivI in campagna il tuo gatto ha a sua disposizione un intero ecosistema a cui attingere per soddisfare tutte le sue esigenze (cibo, svago e socializzazione) ma, se cosi' non fosse, sarai tu a dovetvi occupare del suo benessere e del suo buon umore....
Gatti

Guida alle piante tossiche per il gatto

Qualunque persona abbia un gatto è ha conoscenza del fatto che questi simpatici animali sono molto attratti da alcune tipologie di erbe: quando hanno l'opportunità d'esplorare un giardino o anche semplicemente un ambiente domestico, essi si ritrovano...
Cura dell'Animale

Come proteggere una gabbia dal freddo

È stato stimato nel corso degli anni che la maggior parte delle persone al mondo ha posseduto o possiede tutt'ora almeno un animale domestico. Questi possono rivere sia all'interno delle nostre abitazioni, sia in gabbie come i canarini, gli uccelli esotici,...
Gatti

Consigli per riconoscere le piante tossiche per i gatti

I gatti sono degli animali estremamente resistenti, tuttavia anche per loro i pericoli sono sempre in agguato. Soprattutto perché sono estremamente curiosi e spesso assaggiano quello che trovano per casa e nel giardino. Per questo motivo è di fondamentale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.