Come salvare un gatto nascosto nel motore dell'auto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Capita spesso, soprattutto nelle periferie o nelle piccole cittadine, che vi siano ancora i gatti di quartiere. Sono animali che potremmo definire randagi, ma che comunque vengono nutriti dai cittadini che mettono quotidianamente del cibo e dell'acqua a loro disposizione. Durante il periodo invernale, purtroppo, i mici, soprattutto quelli che sono ancora cuccioli, essendo degli animali che amano stare in luoghi caldi, per cercare calore spesso e volentieri entrano nel cofano motore delle autovetture. Una volta dentro, spesso non riuscono più a uscire e miagolano forte per ore fino a quando qualcuno non riesce a liberarli. A tale proposito, nei passaggi successivi di questa guida ci occuperemo di capire come bisogna fare per poter salvare un gatto nascosto nel motore dell'auto.

26

Occorrente

  • guanti
36

Partiamo dal presupposto che l'avviamento del motore con un gatto all'interno non causerà esclusivamente la morte della bestiola, ma danneggerà anche il veicolo, obbligandoci a ingenti spese di riparazione. Sarebbe bene, pertanto, qualora vivessimo in una zona nella quale ci può essere questo problema, andare a verificare ogni volta, prima di partire, il cofano motore. Nel caso il cui fosse presente un gatto, a seconda della sua aggressività, cerchiamo di prenderlo senza spaventarlo. Cerchiamo, inoltre, di ascoltare, dopo aver aperto il vano, la presenza di eventuali rumori sospetti, in quanto il micio potrebbe essere nascosto in qualche anfratto del mezzo non visibile dall'esterno.

46

Capita spesso che i gatti si rifugino in questi spazi, quindi potrebbe succedere che, dopo aver messo in moto il mezzo, durante i primi metri del tragitto, si possa sentire miagolare, o comunque dei suoni provenienti dalla parte anteriore. Non è detto, infatti, che l'avviamento del motore trovi il gatto necessariamente in un posizione tale da ucciderlo. Se si dovesse verificare questa circostanza è bene arrestare immediatamente la macchina per evitare di far del male all'animale e di provocare dei danni al nostro motore. Aprite dunque il cofano e cercate di tirar fuori il felino. L' impresa potrebbe rivelarsi più ardua del previsto anche se abbiamo una certa familiarità con il gatto, in quanto la situazione provoca terrore tanto nell'animane quanto in noi. Questo perché sarà molto spaventato e cercherà di rimanere nascosto. Per tirarlo fuori potrebbe essere necessario ricorrere all'acqua. Prendete una pompa e iniziate a spruzzare sul motore. Vedrete che in breve tempo il nostro amico uscirà come un razzo dal mezzo.

Continua la lettura
56

Certo è che, in una quotidianità sempre più frenetica, potremmo non avere il tempo o l'opportunità di verificare ogni volta che prendiamo la macchina se qualche bestiola si rifugia nel cofano motore. Possiamo comunque stare tranquilli acquistando, in un negozio per animali, un felino repellente: si tratta di un prodotto che risulterà talmente intollerabile per i gatti da non farli avvicinare al mezzo. Passiamoli con cura sia nel passaruote sia sotto il vano motore, in quanto questi rappresentano i luoghi d'accesso utilizzati dei gatti. Così facendo i nostri amici e il nostro motore saranno al sicuro.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

Cani e gatti: riconoscere i segnali di un maltrattamento

Tutti coloro che amano abbastanza gli animali, in quanto ne hanno uno a cui sono molto legati, sono in grado di comprendere pienamente il loro stato d'animo, sapendo riconoscere anche quando sono gioiosi, oppure se sono particolarmente taciturni e tendenti...
Gatti

Come calmare un gatto iperattivo

Chi ha animali in casa lo sa, le ricerche lo confermano: prendersi cura di un piccolo coinquilino contribuisce al nostro benessere psico-fisico, aumentando il tono dell'umore e abbassando la pressione sanguigna. Curioso, creativo, tenero e indipendente,...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere il ragno violino

Il ragno violino, scientificamente chiamato Loxosceles reclusa, è sicuramente uno dei più temuti in assoluto. Il suo habitat naturale è generalmente l'America settentrionale. Tuttavia, anche in quei luoghi in cui la loro presenza è massiccia, i morsi...
Volatili

Come allevare un fagiano

Il fagiano appartiene alla famiglia delle Phasianidae. Molto diffuso sul territorio nazionale è in realtà originario dell'Asia. Esistono tante specie, ciascuna con caratteristiche diverse. In generale, però, il fagiano si presenta con un corpo slanciato,...
Gatti

Cosa fare se il gatto scappa di casa

Uno dei problemi che affligge chi possiede un gatto, è proprio la sua fuga, specie se fa parte della famiglia da poco ed è piccolo. È utile insegnargli sin dall'inizio a rispondere ai comandi ed abituarlo poco per volta ad uscire da solo. Questo animale...
Gatti

Come affrontare il primo giorno del gatto in casa

Il gatto è un animale domestico meraviglioso e, crescendo in casa con l'uomo, diventa estremamente affettuoso e capace di regalare molto amore. Il gatto ha, però, una forte natura selvatica nella quale, del resto, risiede parte del suo grande fascino....
Cani

Come addestrare il tuo cane al riporto

Gli animali sono i migliori amici dell'uomo e non è una frase fatta ma ciò può essere provato dalle numerose dimostrazioni di affetto e fedeltà di cui certi animali sono capaci, un esempio è dato dai gatti e dai cani con qualche differenza tra loro,...
Cani

Come insegnare il riporto al cane

Addestrare un cane non è un compito semplice, soprattutto quando il padrone ha poca pazienza o non si rivolge all'animale in modo adeguato, senza spaventarlo e non forzandolo a compiere delle attività. Più il cane percepirà quanto sta facendo come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.