Come sapere se il gatto ha calcoli alla vescica

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il gatto è un animale molto bello esteticamente e affascinante, che può rivelarsi non solo un abile cacciatore di topi, ma anche un valido amico e compagno con cui trascorrere dei momenti magici e speciali della nostra giornata. Nonostante sia un animale domestico molto autonomo e fisicamente forte, è di fondamentale importanza prendersi cura di lui, della sua alimentazione e della sua salute, imparando anche riconoscere quando sono presenti in lui i sintomi di alcune patologie che possono nuocergli e recargli dolore. Sono tantissimi i gatti, soprattutto quelli sterilizzati, che soffrono di patologie renali e di calcolosi. In questa guida vedremo come possiamo fare a sapere se il gatto ha i calcoli alla vescica.

24

Innanzitutto, è molto importante imparare a riconoscere i segnali che ci manda il gatto stesso circa il suo stato di salute, in particolare dobbiamo notare se il nostro gatto muta improvvisamente di carattere, manifestandosi più nervoso e intollerante del solito, oppure se modifica le sue abitudini alimentari presentando, per esempio, inappetenza. Il rifiuto del cibo può essere, in effetti, dovuto a una situazione di disagio che il gatto sta vivendo in un determinato frangente. Il sintomo principale, tuttavia, è rappresentato dalla modalità con cui il nostro gatto urina. In genere l'animale affetto da calcolosi, può urinare molto frequentemente e, spesso, può accompagnare la minzione con dei miagoli particolarmente forti per il dolore. Talvolta i miagolii precedono l'atto di urinare, non è raro, infatti, in questi casi, vedere il nostro gatto urinare in luoghi inusuali come, per esempio, sulle poltrone, sui cuscini e sul pavimento.

34

Quando si notano tali sintomi, è bene osservare attentamente le urine del nostro animale, per verificare se vi è presenza di tracce ematiche, non rare proprio nel caso siano presenti i calcoli renali. A volte, invece, il nostro gatto può urinare molto meno rispetto solito, anche a causa del dolore che può provare durante l'emissione dell'urina. È Importante, oltre a controllare che nell'urina non siano presenti tracce ematiche, anche il verificare che l'urina non presenti un odore acre e pungente. Talvolta, anche accarezzando o prendendo in braccio il nostro gatto, possiamo notare in lui atteggiamenti che ci fanno presupporre che stia provando dolore, specie se lo accarezziamo sull'addome o sulla schiena.

Continua la lettura
44

Per prevenire questa patologia, è necessario tenere l'habitat del nostro gatto sempre pulito ed igienizzato, lavandogli accuratamente, ogni giorno, sia la ciotola dell'acqua che quello del cibo, ed eventualmente, se presente, pulire e disinfettare accuratamente anche la lettiera. Importantissimo, inoltre, è non sottovalutare i primi sintomi accusati dal nostro animale per evitare e scongiurare un peggioramento della situazione. Al primo sospetto è bene consultare il veterinario, ed eventualmente sottoporre il nostro gatto a dei veri e propri esami clinici. In caso positivo, non dobbiamo fare altro che accertarci che il nostro animale assuma la terapia prescritta, fino al controllo medico successivo e, allo stesso tempo, dobbiamo prenderci cura di lui e della sua alimentazione onde evitare che si ripresenti la patologia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Cani: come affrontare l'incontinenza durante la vecchiaia

L'incontinenza canina può essere associata a condizioni come lesioni del midollo spinale o la vecchiaia. Prendersi cura di un cane incontinente può essere difficile, ma la chiave è lo sviluppo di un programma di alimentazione e di igiene rigorosa....
Cura dell'Animale

Alimentazione furetto: cosa evitare

Generalmente gli animali da compagnia che troviamo nelle nostre case sono cani o gatti, ma negli ultimi tempi sempre più persone decidono di prendere e di accudire pets. Uno di questi è sicuramente il furetto: un animale che appartiene alla famiglia...
Cani

Come evitare che il gatto marchi il suo territorio

I gatti sono famosi per essere, fra gli animali, quelli che sporcano di meno. L'unica noia sembra essere quella di dover pulire periodicamente la loro lettiera. In realtà, non proprio e non sempre, è così. Ad esempio, nel periodo degli amori, i gatti...
Animali da Compagnia

Come curare gli animali domestici in modo naturale

Se abbiamo alcuni animali domestici, è importante controllare periodicamente il loro stato di salute in modo da evitare che possano ammalarsi, con un conseguente esborso economico per sostenere le spese veterinarie. In commercio esistono specifici medicinali...
Cani

I più comuni sintomi di malattie nei cani

Osservare il comportamento dei nostri cani è sicuramente il modo migliore per capire immediatamente se qualcosa non va. Ogni piccolo sintomo va preso seriamente in modo da curare sin dal principio ogni disturbo. Eviteremo così un peggioramento oppure...
Cani

Tutto sul bassotto

Se stai pensando di adottare un bassotto è importante ricordare che ogni razza ha le sue caratteristiche che, anche se non sono così rigide perché ogni cane sviluppa il suo temperamento personale, tuttavia danno delle indicazioni preziose. Prima di...
Pesci

Malattie più comuni nei pesci rossi

I pesci rossi, e specialmente quelli ornamentali, cioè quelli con pinne a velo, corpi corti e tozzi, occhi telescopici, non sono "resistenti", anzi, sono piuttosto delicati per una serie di ragioni e per questo vanno curati con molta attenzione e molto...
Cani

Come prendersi cura di un cane con la lesmaniosi

Con il periodo estivo e le imminenti vacanze al mare, anche dei nostri quadrupedi, si ripresenta puntuale il terrore della Leishmaniosi. La Leishmaniosi è una grave malattia infettiva che può colpire i cani e marginalmente l’uomo. Purtroppo è presente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.