Come sapere se il nostro gatto ha la febbre

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I gatti sono a tutti gli effetti membri della famiglia, e prendersi cura di un animale significa provvedere alle sue cure, dunque non solo un'alimentazione sana e completa ma anche le cure mediche del caso, per esempio in caso abbia la febbre. Sì, perché come noi umani anche i gatti, seppur raramente, sono soggetti all'aumento irregolare della temperatura, in caso di malattie o altri stress a livello immunitario. Ma come sapere conto se il gatto è febbricitante? Lungo i passi di questa guida vedremo come fare.

26

Occorrente

  • Termometro
  • Lubrificante
  • Il numero di telefono del veterinario di fiducia
36

Quali sono i sintomi?

Come con gli esseri umani e tutti gli altri animali, la febbre alta fa sì che il gatto si comporti in maniera anomala. Per esempio, un gatto malato tenderà a isolarsi, magari nascondersi sotto il letto o altri mobili; dormirà più del solito (quindi dormirà... Tantissimo!), e non si alzerà volentieri nemmeno per andare a mangiare; potrebbe avere scarso appetito, e in generale apparire debole e letargico, trascurando anche l'abituale pulizia del pelo. Anche il miagolio potrebbe essere più tenue e lamentoso! Altri segnali d'allarme sono respirazione accelerata e tremore, e ovviamente i sintomi che anche negli esseri umani segnalano le malattie: starnuti, vomito e diarrea.

46

Come misurare la temperatura?

Negli essere umani, anche senza l'ausilio del termometro, è facile capire se una persona ha la febbre: è sufficiente mettere la mano sulla fronte per capire se la differenza di temperatura è considerevole. Ovviamente non ci si può comportare allo stesso modo con il gatto per capire se qualcosa non va. Secondo i luoghi comuni, ci si accorge della febbre quando il gatto ha il naso caldo e secco: ma si tratta di una falsità, dato che l'unico sistema utile è quello di rilevare l'effettiva temperatura corporea con un termometro adatto ai felini. I termometri da usare sono gli stessi che si usano per i bambini piccoli, e la temperatura si prende per via rettale, di nuovo, come per i neonati. È bene servirsi quindi di un termometro digitale, lubrificarlo bene e inserirlo appena nel retto dell'animale, agendo sempre con estrema delicatezza.

Continua la lettura
56

Quanto sale la febbre del gatto?

La temperatura corporea normale del gatto è di circa 38-39 gradi, in quello del nostro felino la temperatura normale si aggira intorno ai 38-39 gradi. Dunque siamo in presenza di una temperatura anomala se questa supera la soglia massima di 39 gradi. Se la temperatura è salita così tanto, si può comunque correre ai riparo con le dovute cure veterinarie, mentre si incorre in rischi ben più considerevoli se la temperatura sale oltre i 41 gradi, poiché potrebbero danneggiarsi gli organi del gatto. Se i sintomi sono preoccupanti come quelli descritti nella guida, non potrete esimervi dal sottoporre il felino ad un controllo presso un veterinario di fiducia, che saprà identificare il male in corso ed eventualmente trovare la cura più adatta.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non trascurare nessun sintomo inusuale nel comportamento del gatto. Primo tra tutti la pulizia, che contraddistingue i felini in modo particolare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come sapere se il mio gatto ha freddo

Tra gli animali domestici più affascinanti e eleganti, troviamo il gatto. Il gatto è un animale che non richiede molte cure rispetto, ad esempio, al cane, perché è molto indipendente. Questo comunque non è motivo valido per non prendersi cura del...
Gatti

Come calcolare la quantità giornaliera di cibo per il nostro gatto

Sembrerà inutile precisarlo, ma come calcolare la quantità giornaliera di cibo per il nostro gatto è una scelta importante. L'alimentazione è un fattore decisivo per la salute dei nostri amici a quattro zampe. Ed è quindi necessario saper calcolare...
Gatti

Come far vivere più a lungo il nostro gatto

Sempre più italiani ospitano in casa un piccolo amico gatto. L'affetto e la gioia che questi piccoli felini domestici dispensano alla loro famiglia umana è straordinario. Prendersi cura di loro in maniera adeguata è il primo passo per garantirgli una...
Gatti

Consigli per far vivere più a lungo il nostro gatto

I gatti sono animali meravigliosi. Si dice che siano indipendenti e un po' solitari. Ma questo non impedisce loro di trasmettere tanto affetto ai padroni. Quando si accoglie un gatto in casa occorre accudirlo con amore e rispetto. Diciamo poi la verità:...
Gatti

In viaggio col gatto: 5 cose da sapere

Viaggiare con il proprio animale domestico, e nella specie, con il proprio gatto è sicuramente una bellissima esperienza a cui non si deve necessariamente rinunciare, per delle paure inutili che talvolta sono infondate. Infatti se si seguono i giusti...
Gatti

Come sapere se il gatto è anemico

Chiunque divida la propria vita con uno gatto lo sa: senza di loro, le nostre giornate non sarebbero le stesse! Purtroppo a volte i nostri amici pelosi si ammalano, e sta a noi capire dai loro comportamenti che qualcosa non va. L'anemia consiste in una...
Gatti

10 cose da sapere prima di prendere un gatto

Adottare un amico a 4 zampe non è solo un modo per garantirci compagnia e amore incondizionato. È anche (e soprattutto) un serio impegno nei confronti di un essere vivente. Prima di prendere un cane o un gatto dovremmo sempre essere consapevoli di ciò...
Gatti

Come sapere se un gatto sta per attaccare

Come per gli esseri umani, anche nel caso degli animali, il linguaggio del corpo è molto importante per capire esattamente quali possono essere bene le loro intenzioni. Non importa essere conoscitori specializzati in materia, ma sarà sufficiente imparare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.