Come sbarazzarsi delle cavallette

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando ci prendiamo a cuore il benessere del nostro giardino o di una area verde dobbiamo tener conto di una serie di elementi e variabili che possono in un certo qual modo minacciare il benessere delle piante. A tal proposito diventa quindi fondamentale saper fronteggiare al meglio questi spiacevoli inconvenienti al fine di limitare o, nel migliore dei casi, eliminare alla radice il problema. In questa guida ci focalizzeremo principalmente su una problematica precisa che può affliggere le nostre piante, ovvero l'avvento e la comparsa di un piccolo animaletto infestante. Attraverso semplici e chiarissimi passaggi infatti vedremo come sbarazzarsi delle cavallette.

25

Un gatto

Un gatto o un uccellino domestico possono essere un asso nella manica, perché questi predatori sono abili cacciatori di cavallette, e le terranno a debita distanza. Se vivete in campagna e volete difendere il raccolto, acquistate alcuni animali come polli, faraone e anatre. Questi pennuti potranno vagare liberamente per l'aia alla ricerca di cavallette da catturare e mangiare. Inoltre per aumentare la protezione, potete piantare piante repellenti come calendula e coriandolo intorno alle piante che necessitano di una protezione maggiore.

35

Aglio

Per le piante in vaso e gli arbusti, potete realizzare un efficace repellente naturale, che contribuirà anche a rinvigorirle. Prendete tre spicchi di aglio e dopo averli sbucciati, uniteli a un grammo di olio di semi di lino. Lasciate l'aglio in ammollo per almeno un giorno prima di rimuoverlo, quindi aggiungete un cucchiaino di emulsione di pesce e una tazza di acqua. Quando l'infuso sarà pronto, versatelo in un vaso di vetro e serrate bene il coperchio. Al momento del bisogno, prenderete due cucchiai di prodotto da inserire in un erogatore spray insieme a un po' d'acqua, spruzzando uniformemente le piante. Se correttamente conservato, il repellente dura anche fino ad un anno.

Continua la lettura
45

Trappola

Create una trappola per le cavallette: in un secchio di plastica miscelate una parte di melassa con dieci parti di acqua. Riempite con questa pasta adesiva dei vasetti di vetro che andrete a sistemare in punti strategici del giardino o di qualsiasi luogo infestato. Gli insetti, attirati dall'odore dolce, entreranno nei vasi rimanendovi intrappolati. Se il vostro giardino non è ampio e le cavallette non sono molto numerose, potete realizzare un repellente abbastanza leggero ma comunque valido. Preparate del caffè molto forte e lasciatelo raffreddare completamente in una tazza. Travasatelo nella boccettina spray e erogatelo in sufficiente quantità sulle piante e sui fiori che volete proteggere.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come sbarazzarsi delle mosche all'aperto

Con l'approssimarsi della stagione calda si ripresenta puntualmente il problema della proliferazione delle mosche. Si tratta di insetti che, oltre ad essere fastidiosi, sono pericolosi per la salute umana in quanto sono uno dei veicoli principali di diffusione...
Invertebrati e Insetti

Come sbarazzarsi dei ragni

I ragni sono degli aracnidi, che a seconda della razza e dimensione possono anche rivelarsi velenosi e pericolosi. Però la maggior parte dei ragni che si vedono nelle nostre case sono del tutto innocui e a volte molto utili contro insetti come zanzare...
Invertebrati e Insetti

Come sbarazzarsi dei gechi in giardino

I gechi non rappresentano un pericolo per gli esseri umani e neanche per la casa. Molto spesso, però, pur non essendo dei parassiti, non sono degli ospiti ben graditi. Questi piccoli rettili si nutrono in modo particolare di veri parassiti e contribuiscono...
Invertebrati e Insetti

Come sbarazzarsi delle cimici da letto

Una volta, molti anni fa, era frequente imbattersi in una vera e propria epidemia di cimici da letto. Erano delle vere infestazioni e non sempre, con i mezzi dell'epoca, si riuscivano a debellare. Ma già alla metà del ventesimo secolo non esistevano...
Invertebrati e Insetti

Come sbarazzarsi delle cimici verdi

La palomena prasina, comunemente nota come cimice verde, è un insetto che appartiene alla famiglia dei cosiddetti eterotteri. Si tratta nella fattispecie di una specie polifaga i cui esemplari sono praticamente onnivori. Questo insetto infesta e attacca...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere la cavalletta

Le cavallette sono insetti che non godono certo di una buona fama. Nocivi per il raccolto e molesti per molte altre attività svolte dall'uomo, sono spesso combattute ricorrendo ai rimedi più disparati. In ogni caso, comunque, diventa fondamentale riconoscere...
Invertebrati e Insetti

Come si suddividono gli invertebrati

Gli invertebrati sono una categoria di animali che si accomuna in base ad una caratteristica specifica, ovvero il fatto di essere privi di colonna vertebrale e scheletro interno. Spesso, infatti, si utilizza il termine "invertebrati" senza avere ben chiaro...
Invertebrati e Insetti

Come tenere i ragni come animali da compagnia

Nonostante molte persone abbiano paura dei ragni, altre li amano e arrivano al punto di adottarne uno da tenere come animale da compagnia. Ovviamente, nonostante siano animali da compagnia inusuali e poco comuni, anche questi hanno bisogno di particolari...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.