Come seguire la nascita delle tartarughe

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Le tartarughe sono sicuramente più amati ed adottati dagli umani, anche perché sono mansueti e innocui. A tal proposito, ci sono alcune persone che preferiscono acquistarle già adulte e limitarsi soltanto a crescere dandogli da mangiare; altri, invece, preferiscono adottarle quando sono appena nate e seguire passo passo tutte le fasi della loro crescita. In quest'ultimo caso è ovviamente necessario avere una maggiore attenzione verso le tartarughe poiché, essendo piccola, sono più delicate e vulnerabili e qualsiasi passo falso potrebbe essere fatale per loro. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida come seguire la nascita delle tartarughe.

25

Il periodo di riproduzione

Le tartarughe si riproducono con le uova nel periodo primaverile. Spesso, le femmine scavano nel terreno e il luogo ideale per nidificare sono le spiagge, le rive di laghi, stagni o fiumi. Le tartarughe piccole, che si trovano in queste uova interrate dalla madre, si schiudono in piena estate e crescono rapidamente per poi cadere in letargo già al primo inverno. La distinzione tra i sessi è particolarmente legata al clima; infatti, molte specie di tartarughe, se la temperatura esterna durante l?incubazione delle uova è più fredda, producono maschi mentre le femmine invece prolificano a temperature più calde.

35

I tempi della riproduzione

I tempi di uscita dal guscio sono altrettanto delicati e lunghi in quanto sono necessarie oltre le 35 ore affinché riescano ad uscirne del tutto. Se assistiamo ad un evento del genere, non bisogna assolutamente aiutare i piccoli ad uscire in quanto, potrebbero lacerarsi i loro tessuti che sono legati al torlo dell?uovo da una sorta di cordone ombelicale. Appena nasce una tartaruga è un animaletto simile ad un serpentello e quasi subito si forma il guscio protettivo. La funzione di quest?ultimo è quella di proteggerli dai predatori ed è un gabbia toracica che si fonde nelle vertebre.

Continua la lettura
45

Lo sviluppo

Diversamente dai serpenti, le tartarughe depongono le uova precocemente. Questo ci fa capire che lo sviluppo embrionale avviene soltanto successivamente ed in seguito al periodo di incubazione. Quest?ultima in genere dura dai cinquanta ai cento giorni ed incidono molto anche i terreni che come il clima devono avere una temperatura costante. Tuttavia, la fase delicata della nascita di una tartaruga prosegue al momento della schiusa delle uova; infatti, i piccoli devono da soli dall?interno dell?uovo praticare un foro laterale con una protuberanza corporea che scompare subito dopo questa funzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Tartarughe: classificazione e anatomia

Quando parliamo di tartarughe, nel linguaggio comune intendiamo le specie acquatiche, sia marine che di acqua dolce. Quando invece si parla delle tartarughe terrestri si usa il termine testuggini. Dal punto di vista tassonomico però non è così e con...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura delle tartarughe di acqua dolce

Le tartarughe sono degli animali abbastanza belli e riescono in un certo senso anche ad essere affascinanti. Se si amano questi animali si possono comprare delle piccole tartarughe di acqua dolce. Se si decide di acquistare le tartarughe bisogna garantire...
Rettili e Anfibi

Il letargo nelle tartarughe mediterranee

Se siete degli appassionati di tartarughe o se possedete delle tartarughe mediterranee e vorreste capire un po' di più dei meccanismi che regolano il loro stile di vita, questa guida fa al caso vostro. Le tartarughe mediterranee sono tra le specie di...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
Rettili e Anfibi

Come costruire un terrario per le tartarughe di terra

Hai trovato delle tartarughe in giardino e non sai dove metterle? Sono nate delle nuove tartarughe? Se rientri in questi casi e non vuoi lasciarle libere per il giardino sei sul sito giusto! Questa Guida spiega come costruire un ottimo terrario per le...
Rettili e Anfibi

Come costruire un acquaterrario per tartarughe

Uno dei motivi principali che spingono una persona ad adottare una tartaruga è senza dubbio il poco impegno che richiede la cura giornaliera delle tartarughe d'acqua dolce. Infatti in estate è sufficiente dare loro da mangiare una volta al giorno e...
Rettili e Anfibi

Come costruire una casetta per tartarughe

La maggior parte delle persone ama la compagnia degli animali domestici. Tra questi, cani e gatti sono i più diffusi in assoluto. Ma c'è anche chi ama circondarsi di animali un po' più 'esotici'. È il caso quindi delle tartarughe. Quest'ultimo possono...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare tartarughe

Le tartarughe sono animali molto affascinanti e dall'aspetto preistorico. In effetti le tartarughe sono un po' preistoriche, ed hanno la straordinaria capacità di vivere per molti e molti anni, diventando centenarie. Si tratta dunque di un animale longevo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.