Come sfoltire la criniera del cavallo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il cavallo è un meraviglioso ed elegante animale che può appartenere a diverse tipologie di razze, alcune di origine molto antica. Per curarlo e mantenerlo sempre in buona salute, occorre procurargli un alloggio di ampiezza adeguata alla sua stazza ed evitare di rinchiuderlo in ambienti poco luminosi e isolati: i cavalli non amano la solitudine ed hanno inoltre bisogno di trascorrere qualche ora quotidiana all’aria aperta, non solo per soddisfare almeno in parte loro innata esigenza di libertà, ma anche per permettere loro di conservare ossa e muscoli ben forti. Anche la pulizia del loro manto è un fattore importantissimo e nei prossimi passi vi spiegheremo come dedicarvi alla criniera, elemento che spesso occorre sfoltire.

25

La criniera è una parte che necessita di una periodica toelettatura e quando si presenta eccessivamente spessa e arruffata, si deve intervenire alleggerendola. Prima di regolarla rendendola più ordinata, è bene eseguire un buon lavaggio con un apposito prodotto detergente non aggressivo: infatti non deve asportare completamente la patina di sebo, poiché quest'ultimo consente al crine di non spezzarsi ma di mantenersi elastico. Risciacquate bene la criniera, quindi asciugatela con vecchi asciugamani. Se invece il clima è troppo freddo, pulite il crine strofinandolo con stracci puliti imbevuti in acqua leggermente saponata e strizzati.

35

Con una spazzola provvedete a districare eventuali nodi utilizzando un districante all'olio di semi di lino, poi con il pettine di ferro cercate di lisciare la criniera dividendola a ciuffi e pettinandoli dall'alto verso il basso (cioè partendo dall'attaccatura per poi scendere verso il garrese). Alcuni procedono afferrando saldamente una ciocca di crine nella parte alta per poi strappare le punte consumate, ma è meglio evitare tale metodo: il cavallo non sente dolore, ma avvertendo una leggera sensazione di fastidio, spesso si innervosisce. Non sono neppure indicate le forbici (da usare eventualmente in un secondo momento), che con il loro taglio netto creano solitamente antiestetici 'scalini'.

Continua la lettura
45

È invece consigliabile munirsi di un apposito coltellino a lama dentata: si tratta di uno strumento facilmente reperibile nei negozi di articoli per equitazione (oppure cercandolo in alcuni siti online) ed è creato appositamente per sfoltire le criniere. Potete utilizzarlo sulle varie ciocche sollevandole una ad una e sfoltendole dall'alto verso il basso, oppure passandolo a mo' di pettine sulla criniera, partendo dalla parte alta scendendo verso terra. A fine lavoro, scuotete bene il crine (per eliminare i residui del taglio) e passatevi nuovamente il pettine di ferro. Se infine scegliete di pareggiare la lunghezza delle punte con una linea dritta, potete tranquillamente utilizzare le forbici: la criniera del vostro cavallo adesso è in perfetto ordine.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

Come fare le trecce sulla criniera del cavallo

La criniera rappresenta senza dubbio una delle parti più belle ed appariscenti di un cavallo. Spesso può risultare esteticamente gradevole arricchire la chioma dell'animale con delle eleganti trecce che ne abbelliscano ulteriormente il portamento e...
Cura dell'Animale

Come mantenere lucido il pelo del cavallo

Chi ha un cavallo sa bene che con il tempo la lucentezza della criniera del fido destriero si spegne. Questo perché ogni tipo di sporcizia si insinua tra il pelo. Quando si decide di pulire e lucidare il pelo del cavallo, molti non sanno quale sistema...
Gatti

Come fare un costume per il gatto

Il carnevale è tra le feste più attese dell'anno dai più piccini ma anche dagli adulti. In quest'occasione, per qualche giorno, si indossano i panni di supereroi, personaggi delle fiabe o dei cartoni animati. Da qualche tempo, impazza una nuova e...
Animali da Compagnia

Come occuparsi di un coniglio nano testa di leone

Il Coniglio nano "Testa di Leone" appartiene alla famiglia dei Leporidi. Non si tratta infatti di un roditore come molti erroneamente credono. Deve il suo nome alla caratteristica criniera leonina, singola o doppia, intorno al collo. Comunemente, è...
Cura dell'Animale

Come pulire il mantello dei cavalli grigi

Imparare a mantenere pulito il mantello di un cavallo è un passo fondamentale per aiutare a tenere equilibrato il suo livello di igiene. È un'operazione che va eseguita pressochè quotidianamente. Il mantello dei cavalli grigi, detti anche leardi, è...
Altri Mammiferi

Come lucidare il pelo del cavallo

Se si intende tenere un cavallo è importante badare alla manutenzione, alla pulizia e alla cura dell'animale.Certo non è una vera passeggiata ma chi lo possiede indubbiamente l'ha voluto.L'estetica vuole la sua parte certamente, pertanto una volta ogni...
Altri Mammiferi

Come cercare i parassiti sul cavallo

Soprattutto a partire dall'inizio della stagione primaverile e successivamente di quella estiva, la presenza di parassiti come zecche, pidocchi e acari, diventa un problema da tenere nella massima considerazione, specialmente nel caso in cui si possieda...
Cani

Come tosare un cavallo

Prendersi cura di un cavallo non è per niente facile. Per chi crede che un cavallo non richieda cure estetiche si sbaglia di grosso. In realtà proprio come qualsiasi animale domestico anche il cavallo richiede di amorevoli cure come la tosatura del...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.