Come smaltire i bisogni del cane

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il cane è in assoluto l'animale domestico più adottato dalle famiglie di tutto il mondo, ma che, a differenza del gatto e degli altri animali domestici, preferisce espletare i suoi bisogni all'esterno della casa. Per questo motivo, spesso si vedono in giro per le strade le feci dei cani che non vengono raccolte dai padroni; queste, oltre a rappresentare un problema di natura estetica, costituiscono anche un potenziale pericolo per gli esseri umani, per le aiuole e per gli animali stessi, in quanto contengono azoto. In alcune città esistono degli appositi contenitori per la raccolta delle feci del cane, ma in assenza di questi spesso ci si pone il problema circa il modo in cui smaltirli. Vediamo come.

25

È importante sapere che la pupù del cane non si decompone da sola: possono servire mese, addirittura anni, prima che essa torni a far parte del ciclo naturale. Nel frattempo porterà cattivi odori e sarà veicolo di batteri, virus e parassiti sia per le piante, sia per gli animali e l'uomo. Il suo smaltimento e riutilizzo è possibile solo seguendo una procedura simile a quella che si pratica per il compostaggio.

35

La prima soluzione, soprattutto per chi possiede un giardino, è quella di realizzare un bidone dei rifiuti da utilizzare solo per gli escrementi del cane. Basterà un secchiello in plastica, opportunamente forato alla base in più punti, dove raccogliere giornalmente la pupù. Questo contenitore dovrà essere interrato quasi interamente in una zona poco frequentata del giardino e coperto. Almeno una volta al giorno gettateci dell’acqua con degli appositi enzimi acquistabili nei negozi di animali.

Continua la lettura
45

Se non siete amanti del fai-da-te potete acquistare un Doggie Dooley, un apposito contenitore da interrare in giardino che funziona come il secchiello precedentemente illustrato. Il costo di questo oggetto oscilla tra 50 e 100 euro, dipende dalle dimensione e dal tipo di marca che sceglierete. Nel caso non abbiate un giardino la soluzione migliore è invece quella di chiudere gli escrementi in un sacchetto biodegradabile e gettarlo nei rifiuti dell'organico. I componenti del sacchetto bio sono infatti in grado di modificare la composizione della pupù rendendola riciclabile nei rifiuti urbani.

55

Se possedete invece ampi spazi verdi, piante e magari un orto potreste riutilizzare la pupù del vostro cane come concime. Come già detto gli escrementi freschi non sono utilizzabili come fertilizzante, ma se trattati adeguatamente diventeranno concime. Il bidone compost è la soluzione ideale: è possibile acquistare il kit da compostaggio nei negozi di giardinaggio o fai da te, abbinando l'apposito prodotto a base di enzimi che riesce a trasformare i rifiuti del vostro cane in concime.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come fare una lettiera per cani in giardino

Se abbiamo un giardino, l'ideale è realizzare nelle immediate vicinanze una lettiera per cani, in modo da poterla comodamente pulire con una cannula, e nel contempo non tenerla in casa, a contatto con il cattivo odore che comunque emana. In questa guida,...
Gatti

10 cose da sapere sulle lettiere per gatti

Uno dei vantaggi nel possedere un gatto anzichè un cane sta nell'uso della lettiera da parte dei mici. Il padrone di un gatto non ha bisogno di portarlo fuori regolarmente per fargli fare i suoi bisogni. E non deve neanche passare mesi e mesi ad addestrarlo...
Gatti

Come evitare che il tuo gatto usi il giardino come lettiera

Possedere un gatto in casa rappresenta senza dubbio un'esperienza molto bella. Convivere con questo meraviglioso amico a quattro zampe può essere davvero gratificante, anche per la compagnia che riesce a dare, nonostante la sua comprovata indipendenza....
Animali da Compagnia

Come addestrare coniglio nano

Se amate gli animali in generale, il coniglio nano sarà quasi sicuramente uno dei vostri preferiti. È tenero, simpatico e il suo aspetto piace praticamente a tutti. Come qualsiasi altro animale, una volta che si decide di addestrare un coniglio nano,...
Animali da Compagnia

Come addomesticare il porcellino d'India

Il porcellino d'India è un piccolo animale particolarmente docile e sensibile. In molti lo acquistano perché sono curiosi e poi, dopo i primi tempi di entusiasmo, li lasciamo nella gabbia abbandonati in un angolo della casa e gli dedicano troppo poco...
Gatti

10 consigli per insegnare al gatto ad usare la lettiera

Se ci apprestiamo ad adottare un gatto, è importante sapere che la lettiera è un accessorio indispensabile, per evitare che l'animale possa imbrattare la casa con i suoi bisogni quotidiani; infatti, per massimizzare il risultato, è dunque necessario...
Cani

Come insegnare al tuo cane dove fare i bisogni

Se hai intenzione di allevare un cucciolo di cane, è importante sapere che bisogna impartirgli alcune nozioni di carattere comportamentale come ad esempio di non abbaiare di continuo, oppure espletare le sue esigenze fisiologiche in un determinato luogo...
Animali da Compagnia

Come abituare il coniglio ad utilizzare la lettiera

Allevare un coniglio non è affatto difficile, in quanto si tratta di un animale che sotto molti aspetti somiglia tantissimo ad un gatto e non solo dal punto di vista fisico, ma anche dal modo di agire e di muoversi. Se dunque avete deciso di tenerlo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.