Come spazzolare il gatto norvegese

Tramite: O2O 13/09/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

Avere un gatto maschio originario delle foreste norvegesi è senza dubbio bellissimo, se non altro per il pelo soffice e voluminoso che questa specie di felino per natura si ritrova. Un problema riguarda però il pelo, che esige un metodo ed una tecnica specifica per renderlo sempre pulito e pettinato, e soprattutto senza la perdita di quelli superflui giorno per giorno. Nei passi successivi di questa guida, vediamo dunque come spazzolare il gatto norvegese.

26

Occorrente

  • Pettine a denti larghi
  • Spazzola morbida
  • Pettine a denti medi
  • Olio
36

Se dunque abbiamo scelto di allevare un gatto norvegese con il pelo di media lunghezza, bisogna acquistare un pettine a denti larghi, ed usarlo ogni mattina. Prima l?azione deve essere leggera e con movimenti delicati per tutta la lunghezza del corpo, che rappresenta anche un ottimo modo per calmare il felino che ama come tutti i suoi simili le coccole. Subito dopo, l?ideale è utilizzare una spazzola con setole morbide di natura animale, come ad esempio quella di cinghiale.

46

Il gatto norvegese specie se allevato quando è abbastanza grande, è più selvaggio rispetto ad un cucciolo, per cui bisogna agire con molta dolcezza, e se si rifiuta, conviene lasciar perdere, ed affidarsi alle cure di un centro veterinario, che può prescrivere un tranquillante blando da utilizzare prima di riprovare con la spazzolata. Da evitare sono comunque i pettini stretti, che potrebbero infastidire il gatto norvegese in caso di presenza di nodi nel pelo. Nel dettaglio seguono alcuni consigli su come prepararlo in modo adeguato a questa forma di toelettatura, necessaria affinché non ci ritroviamo con i suoi peli sparsi per casa. Innanzitutto, bisogna tenere a portata di mano un paio di pettini larghi con diverse dentature, e una spazzola a setole morbide del tipo descritto in precedenza, dopodiché il gatto va adagiato su un ripiano di un tavolo.

Continua la lettura
56

A questo punto, con una mano teniamo fermo il gatto e poi con l?altra iniziamo a pettinare delicatamente il pelo, utilizzando il pettine a denti medi. Il lavoro va fatto in modo accurato su schiena, fianchi e coda, ovvero sui punti in cui se ne trovano molti, e di conseguenza la perdita giornaliera è maggiore. Dopo questa fase preliminare, ecco che possiamo utilizzare la spazzola ed agire come una sorta di massaggio sul dorso del gatto, magari bagnandola con pochissima acqua (non fredda). Fatto ciò, possiamo finalmente lasciarlo girovagare per la casa, oppure optare prima per una sorta di gel specifico per felini, che serve a tener compattato il pelo, e a mantenere intatta la forma che gli abbiamo dato con la spazzolata finale. Il prodotto ovviamente non è nocivo, visto che i gatti amano ogni giorno leccarsi il pelo per una loro naturale ed istintiva forma di pulizia.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come fare se il pelo del gatto è stato trascurato

Il gatto è un'animale molto autonomo e di per se molto pulito. Infatti i gatti dedicano molto tempo alla pulizia del loro pelo. Allo stesso tempo però a causa della vivacità e lo spirito di avventura possono rovinare il loro pelo. In questa guida ci...
Gatti

5 consigli pratici sull'igiene del gatto

Il gatto, come tutti i felini, è un animale particolarmente pulito e che tiene molto alla propria igiene personale. Per rendere sempre lucido il suo mantello, il gatto può impiegare anche ore per pulirsi grazie all'uso della sua ruvida lingua. Oltre...
Gatti

5 modi naturali per lavare il proprio gatto

Si sa, molte volta, lavare un gatto diventa una vera e propria impresa! Infatti, l'acqua irrita gli animali appartenenti alla categoria dei felini, tende a spaventarli e ad innervosirli, tanto da non riuscire a stare fermi una volta posti in acqua. Normalmente...
Gatti

10 cose che fanno vivere più a lungo il tuo gatto

Il gatto, insieme al cane, è l'animale da compagnia più apprezzato. Gli amanti del gatto amano in particolare la sua indole indipendente. Il suo carattere un po' schivo e allo stesso tempo curioso lo rende una creatura particolare. Prendersi cura di...
Gatti

Come rimuovere la resina dal pelo del gatto

Una cosa molto importante quando si ha un gatto è capire come si rimuove la resina dal pelo. Infatti, in questa guida vi spiegheremo e vi daremo soprattutto delle indicazioni o consigli su che prodotto usare ma soprattutto se è possibile usare una spazzola...
Gatti

Come tenere pulito un gatto senza lavarlo

I gatti utilizzano la loro lingua per rimuovere lo sporco, i detriti e le varie particelle superflue dalla pelle e dal pelo. La lingua di un gatto è abrasiva e per questo motivo è in grado di svolgere un ottimo lavoro in termini di pulizia, disinfettazione...
Gatti

10 trucchi per mantenere il vostro gatto sano

Avere un gatto in casa rappresenta qualcosa di veramente unico. Si dice a ragione che questi simpatici animali siano molto indipendenti. Ma senza dubbio l'affetto, la vicinanza, la considerazione che i gatti riconoscono a chi gli vuole bene, ripaga tutti...
Gatti

Rimedi naturale per pulire i denti del gatto

Se in casa abbiamo un gatto, tra le varie cure è fondamentale occuparci dei suoi denti; infatti, come gli esseri umani sono soggetti ad incorrere anche in carie e gengiviti. Il problema principale che impedisce di pulire i loro denti, dipende dal tipo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.