Come svezzare un pappagallo cenerino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il pappagallo cenerino è un uccello molto intelligente, nonché un ottimo compagno di vita. Esso generalmente presenta un colore grigio polveroso, una coda di colore rosso vivo e gli occhi arancioni. È conosciuto come l'"Einstein" dei pappagalli per la sua incredibile capacità di poter mimare il linguaggio umano. I cenerini si dividono in due sotto-specie riconosciute: il cenerino africano (Psittacus erithacus erithacus) e il Timneh (Psittacus erithacus Timneh). Entrambe le specie sono originarie dell'Africa: i primi sono originari della costa sud-orientale (Costa d'Avorio, Kenya e Tanzania), mentre il Timneh si trova in una regione più piccola lungo la costa occidentale della Guinea. Come tutti gli uccelli necessita di cure ed attenzioni. Continuando nella lettura di questo interessante tutorial scopriremo come svezzare un pappagallo cenerino.

26

Come evitare che i microbi contaminino il cibo del volatile

Quando il pappagallo è piccolo, va tenuto in una gabbia non eccessivamente piccola ma, in una che abbia almeno due posatoi. Nella gabbia inoltre devono essere presenti dei giocattoli che il volatile avrà l'opportunità d'ispezionare e beccare tranquillamente. Essendo un uccello molto intelligente, il cenerino si annoia facilmente; è bene quindi che non stia mai da solo e che almeno un membro della famiglia gli tenga compagnia e parli con lui. Anche l'igiene è molto importante, la gabbia deve essere pulita almeno una volta al giorno in modo che i microbi presenti negli escrementi non contaminino il cibo.

36

Cole svezzare il cenerino

L'alimentazione del pappagallo è molto importante per la sua longevità. Una buona dieta può infatti farlo vivere più di 50 anni. Per svezzarlo, basterà cominciare con il somministrargli piccole porzioni di cibo che potrà beccare tranquillamente da solo senza essere imboccato. All'inizio, è meglio farlo mangiare dalla mano, poi man mano si passerà a mettere il cibo nella sua gabbia, facendogli notare dove viene posizionato il cibo, in modo che che lui possa rendersi indipendente e, continuare a mangiare da solo.

Continua la lettura
46

Come abituare il cenerino a mangiare da solo

Dopo aver provato per una settimana a farlo mangiare, un po' dalla mano e un po' da solo, è possibile mettere direttamente i semi, l'insalata o la frutta nella sua gabbia. Questo pappagallo, essendo molto intelligente, apprenderà velocemente; e poi l'istinto naturale lo aiuterà a non sbagliare. Una volta che inizierà a mangiare da solo, si potrà allora lasciarlo tranquillamente fuori dalla sua gabbia, in modo che possa cominciare ad interagire con l' ambiente circostante, tornando dentro solo per nutrirsi e fare i suoi bisogni.

56

Guarda il video

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Pappagallo Cenerino: caratteristiche e cura

Tra gli animali domestici più amati, i pappagalli occupano una posizione rilevante. Si tratta di una specie di uccelli molto socievoli che riesce ad interagire facilmente con l'essere umano divenendo persino molto affettuoso. Le caratteristiche basilari...
Volatili

Come insegnare a parlare ad un pappagallo

I pappagalli non nascono con già la conoscenza del comunicare con l'essere umano inteso come linguaggio. Se abbiamo l'intenzione di prendere un pappagallo con la convinzione che poi un giorno possa parlare con noi, stiamo sbagliando, per far sì che...
Volatili

Come conquistare la fiducia di un pappagallo

Se il vostro pappagallo ha paura, non si avvicina o non sale sul dito e non sapete assolutamente come fare per risolvere questo problema, non dovrete preoccuparvi: come ogni animale, anche i pappagalli hanno bisogno di tempo e specialmente di comprendere...
Volatili

Pappagallo Amazzone: caratteristiche e cura

Se in un centro di ornitologia acquistiamo un Pappagallo Amazzone, è importante conoscere a fondo le sue caratteristiche, e soprattutto la cura necessaria affinché possa vivere tranquillamente nell'ambiente domestico. A tale proposito nei passi successivi...
Volatili

Come curare la congiuntivite al pappagallo

Le nostre case accolgono diversi tipi di animali domestici, che sono entrati, ormai da anni, a far parte della famiglia, considerati a pieno titolo amici e componenti del nucleo. C' è chi sceglie un cane, ritenendolo il più fedele tra gli amici a quattro...
Volatili

Come ritrovare un pappagallo smarrito

Chi possiede un animale domestico può incorrere nella spiacevole situazione di perdere il proprio amico e non sapere come fare per ritrovarlo. Certo che se a smarrirsi è un cane o un gatto le cose che si possono fare sono tante, ma cosa fare a scappare...
Volatili

Come insegnare al pappagallo a parlare

I pappagalli sono stupendi e intelligenti uccelli che hanno un folto piumaggio colorato ed il becco ricurvo. Si muovono in modo molto aggraziato, quasi come a pavoneggiarsi per mostrare le loro bellissime piume variopinte. Alcune specie di pappagalli...
Volatili

Pappagallo Ara: caratteristiche e cura

Il Pappagallo Ara è un volatile regale, dal piumaggio meraviglioso e dal portamento fiero. Nonostante sia un animale più adatto a vivere in cattività, non è raro trovarne alcuni esemplari all'interno delle abitazioni come animale domestico e da compagnia....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.