Come svezzare una cavia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Possedere degli animali domestici è irrinunciabile per la maggioranza degli italiani. Come è facile intuire, cani e gatti occupano i primi posti nel podio delle scelte. Sono da sempre i compagni preferiti dagli umani per fedeltà e amore incondizionato. Ma il mondo degli animali domestici e da compagnia è, al giorno d'oggi, ben più vasto. Oltre a cani e gatti troviamo molto spesso i roditori, in particolare i conigli. Sono animali che richiedono cure particolari, soprattutto quando si tratta della loro alimentazione. E oltre ai conigli troviamo spesso anche le cavie. Le cavie sono note anche col nome di "porcellini d'India". Sono simpatici roditori che si adattano bene all'ambiente domestico. Dopo la nascità verrà per la cavia il momento dello svezzamento. Ma come svezzare correttamente una cavia? E con quali tempi? Lo scoprirermo nei prossimi passi.

26

Occorrente

  • Verdure fresche, principalmente verdi e a foglia verde.
  • Fieno in grandi quantità.
  • Pellet specifico per porcellini d'India (in piccole dosi).
  • Acqua sempre fresca.
36

Lo svezzamento di una cavia avviene molto presto rispetto ad altri mammiferi. L'animale si svezza intorno alle 2-3 settimane di vita, o più precisamente intorno al 20° giorno. Oltre al criterio temporale vi è quello del peso. La piccola cavia deve pesare almeno 180 grammi per lo svezzamento. Si tratta di un animale erbivoro, che necessita di un'alimentazione regolare. Questa non deve mutare improvvisamente, poiché la cavia può soffrire di difficoltà intestinali. È importante abituare presto la cavia agli alimenti più consoni. In questo modo ridurremo il rischio che li rifiuti in futuro. Il cibo migliore per lo svezzamento è il fieno. Ma non dimentichiamo la verza, l'indivia, il finocchio e anche i broccoli. Tutto deve essere rigorosamente fresco.

46

Particolare importanza riveste il peperone crudo. Contiene alte dosi di vitamina C, fondamentale per proteggere l'animale da disturbi futuri. Iniziamo a somministrarlo al cucciolo, in modo che si abitui ad esso. Nello svezzare una cavia è importante evitare i cibi nocivi per l'animale. Sono da escludere i dolci come cioccolato e biscotti. Evitiamo i carboidrati in generale, in particolare i farinacei. Lasciamo fuori gli ortaggi come melanzane o pomodori. Non diamo mai la frutta esotica, il latte o il pellet adatto ai conigli. Ricordiamo sempre che una cavia non è un coniglietto, sebbene sia simile. Di tanto in tanto potremo darle del pellet specifico per cavie. Come dicevamo, la cavia può soffrire di problemi intestinali. Potrebbe avere blocchi intestinali, problemi ai denti e complicazioni anche fatali.

Continua la lettura
56

Bisogna quindi fare attenzione a ciò che si somministra. È necessario che sia un adulto consapevole a svezzare una cavia. I bambini potrebbero lasciarsi trascinare dalla voglia di coccole, dando alla cavia qualunque cosa. Da parte dei piccoli sarebbe una premura in buona fede. Ma sarebbe estremamente pericoloso per la vita della cavia. L'animale avrà sempre bisogno di acqua fresca per abbeverarsi. È un altro fattore importante, perciò non dimentichiamo mai di riempire l'abbeveratoio.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per quanto riguarda il rapporto coi padroncini, le cavie possono diventare molto affettuose e legarsi tanto a chi le accudisce. Tuttavia non forziamole mai a stare in braccio o a farsi accarezzare: lasciamo che siano loro a scegliere i momenti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come nutrire una cavia

Se in casa abbiamo un porcellino d'India o qualsiasi altra cavia, è importante sapere che di base è un animale vegetariano, per cui necessita di alimenti di questa natura. Da notare però che il criceto pur appartenendo alla stessa specie, è invece...
Cura dell'Animale

10 cose da sapere per svezzare una cucciolata di cani

Le prime 3 o 4 settimane di vita di un cane dipendono esclusivamente dal cibo che la madre riesce a produrre per rifocillarlo. Il latte materno viene sostituito con il cibo solido a partire dalla quarta settimana, quando la dentatura dei cuccioli fa la...
Cura dell'Animale

Porcellino d'India: i cibi da evitare

Il porcellino d'india è un particolarissimo roditori originario del Sudamerica, ma molto diffuso in tutto il Mondo.Questo roditore è un carinissimo animale domestico, infatti esse viene chiamato anche cavia domestica.Se vogliamo adottare questo simpaticissimo...
Cura dell'Animale

Come limare le unghie alle cavie peruviane

Le cavie peruviane sono dolcissimi animaletti da compagnia e fanno parte della famiglia dei roditori. Possono essere di diversi colori che vanno da nero al marrone, fino al bianco e striato. Solitamente chi li tiene in casa lo fa in grandi gabbie dove...
Cura dell'Animale

Come proteggere il porcellino d'india dal caldo

Sono sempre di più le persone che decidono di adottare animali perché oltre a farci compagnia, ci aiutano a rilassarci quando rientriamo in casa dopo una stressante giornata di lavoro. Gli animali che generalmente vengono adottati sono i cani, i gatti,...
Cura dell'Animale

Come scegliere i giochi per il porcellino d’India

Per chi non ama l'euforia dei classici animali domestici come cani e gatti, si può provare a tenere un porcellino d'india. Sono piccoli, innocui, molto dolci e riescono a vivere fino a nove anni. Però hanno bisogno di molte cure veterinarie e di una...
Cura dell'Animale

I migliori alimenti per gatti

Quante volte siete andati al supermercato a comprare il cibo per il vostro gatto domestico e vi siete ritrovati a scegliere fra un alimento ed un altro? Quante volte non sapevate se fosse migliore del cibo in scatola o cibo preparato da voi? Non preoccupatevi!...
Cura dell'Animale

Tecniche di allevamento dei bovini

Fin dalla notte dei tempi, l'allevamento dei bovini era finalizzato alla produzione di forza lavoro e molto meno come riserva di carne, visto il costo elevato nel mantenere più capi di bestiame e l’impossibilità di conservare a lungo la carne. Ora...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.