16

Come svezzare e accudire una cucciolata di cani appena nati

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Gli animali meritano attenzione e protezione, sapranno a loro volta, amarci e ricambiarci con grande slancio. In questa guida ci occuperemo proprio di animali e precisamente di cuccioli di cani. Affronteremo l'argomento dello svezzamento e vedremo come procedere nello svezzamento di una cucciolata.
Lo svezzamento dei cuccioli rappresenta un momento molto importante. Commettere errori potrebbe dar luogo a problematiche che condizionano la salute e la morfologia dei cuccioli. Il periodo ideale per iniziare a svezzare i cuccioli si aggira attorno alle 4 settimane di vita. Vediamo insieme come svezzare una cucciolata di cani.

26

Occorrente

  • carne vaccina di buona qualità
  • un frullatore o un omogeinizzatore
  • latte vaccino o latte per cuccioli
  • riso soffiato
  • omogeneizzati da svezzamento
36

Nelle cucciolate poco numerose e nei non rarissimi casi di "figli unici" lo svezzamento potrà essere posticipato, mentre in cucciolate numerose o qualora la madre abbia carenza di latte si procederà anche un poco prima delle 4 settimane di vita. Per tale motivo è necessario procedere allo svezzamento inserendo come alimento base solo della carne macinata tritata finemente. Nello specifico per iniziare è consigliabile carne omogeneizzata o frullarla. La carne potrà, in un secondo momento, essere affiancata anche da latte vaccino o a latte per cuccioli acquistabile nei negozi per animali ben forniti.

46

La consistenza della pappa dovrà somigliare a una sorta di salsa, simile a quella della senape e della maionese; in alternativa si può optare per le soluzioni già presenti in commercio, come degli specifici omogenizzati adatti allo svezzamento delle cucciolate di cani. Il pasto deve essere servito tiepido. I cuccioli all'inizio dello svezzamento sembreranno non apprezzare e mangeranno ben poco, esattamente come i bambini, quindi dovrete aiutarli a cibarsi mettendo un dito nella pappa e facendovi leccare, di modo che credano di nutrirsi ancora dalla madre. Dopo alcuni pasti comprenderanno come nutrirsi da soli e si staccheranno gradualmente dalla madre.

Continua la lettura
56

All'inizio dello svezzamento la mamma continuerà ad allattare i suoi cuccioli. Motivo per cui si somministrerà un solo pasto al giorno aggiuntivo passando poi a due, fino ad eliminare completamente l'allattamento da parte della madre. Ma se il latte materno dovesse scarseggiare dovrete inserire più pasti omogeneizzati da somministrare ai cuccioli. Intorno ai cinquanta giorni è possibile dare ai cuccioli le pappe preparate in casa iniziando ad unire al latte ed alla carne una piccolissima quantità di carboidrati. Proprio a questo fine, optare per del riso soffiato potrebbe essere una scelta azzeccata, in quanto esso, se idratato, si amalgama molto bene con gli altri ingredienti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Seguire i processi descritti con attenzione e pazienza
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
17

Come accudire una cucciolata di cani

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

Accudire e vedere crescere i cuccioli, è una esperienza molto gratificante. Per occuparsene in maniera adeguata è però necessario conoscere alcune regole fondamentali, semplici comportamenti che ti permetteranno di accudire una cucciolata di cani nel migliore dei modi. La maggior parte del lavoro lo farà la madre e lo farà bene, se sarà da te supportata. Ecco come accudire una cucciolata di cani.

27

Occorrente

  • Cassa da parto
  • Tappeto gommato
  • Lampada ad infrarossi
37

La presenza della madre è ciò che sostiene i cuccioli al momento della nascita, essi non devono essere separati dalla madre in nessun caso, durante questo periodo critico. Dato che la madre ha appena partorito, deve avere il giusto tempo di riposo. È la madre che fornisce il nutrimento ai cuccioli allattandoli, fornendogli un sistema immunitario sano e un maggiore sviluppo. L'alimentazione si svolge di norma ogni due o tre ore, per i cuccioli che non sono ancora in grado di mangiare cibo solido (normalmente le prime quattro settimane di vita). I cuccioli tra le quattro e le otto settimane di vita, possono mangiare sia il cibo solido che il latte. Se la madre non è presente nelle prime settimane di vita dei cuccioli, è consigliabile contattare un veterinario per trovare un latte farmaceutico sostitutivo perfettamente al suo latte.

47

Fino a quando i cuccioli sono allattati dalla madre non ci sarà bisogno di cure particolari per la loro pulizia, verranno da lei leccati nella parte anale e genitale per stimolarne la minzione e la defecazione.

Puoi usare una spugna ed acqua calda man non impiegare detersivo (un risciacquo non perfetto può essere dannoso; inoltre, i profumi persistenti lasciati dal detergente possono essere gradevoli per te ma non per i cani).

Continua la lettura
57

I cuccioli nascono con una termoregolazione corporea imperfetta, devono quindi rimanere ad una temperatura adeguata, mite, senza sbalzi di caldo o freddo. Il problema non si pone se è estate o se la cucciolata è in casa, ma se la cagna partorisce all'esterno è opportuno sistemarla in un posto riscaldato magari da una lampada a raggi infrarossi.

67

A 15 giorni dalla nascita dovrai sverminare i cuccioli utilizzando prodotti facilmente reperibili da veterinari o in negozi dedicati; passato il mese, entreranno nella fase di svezzamento, che affronterai proponendo loro pappe composte da omogeneizzati, latte e crema di riso, sostituendoli poi (trascorsi almeno 15 giorni) con mangime per cani ammollato in acqua.

77

Mantieni un costante contatto con il veterinario per monitorare la salute dei cuccioli e per eseguire le vaccinazioni necessarie, accarezzali durante il pasto perché si abituino alla presenza dell'uomo e la associno ad un momento piacevole.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.