Come tenere sotto controllo il peso del gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I gatti sono tra gli animali più difficili da accudire, ma anche tra quelli che ci danno più soddisfazioni. Proprio per questa difficoltà nell'accudirli, tra i gatti l'obesità è un problema comune che può comportare diversi danni alla salute del proprio animale. È perciò importante tenere sotto controllo lo stato di forma fisica del vostro gatto e correggerlo nel caso si riscontrino irregolarità nel peso. Ecco alcuni consigli fondamentali su come tenere sotto controllo il peso del gatto.

25

Prestare attenzione alla gabbia toracica dell'animale

Innanzitutto, ci sono diverse caratteristiche corporee che ci danno delle indicazioni sul livello di adipe presente nei tessuti. Ad esempio, è bene prestare attenzione alla gabbia toracica dell'animale: nel caso alcune costole siano percepibili al tatto o visibili appena, allora il felino sarà normopeso. Inoltre l'addome, quando lo si guarda dal lato, deve essere un po' rientrante. Altre indicazioni possono essere la presenza di adipe localizzata alla base della coda o lungo la colonna vertebrale. In ogni caso, per stabilire con precisione se il vostro gatto è in sovrappeso oppure no, è bene effettuare una visita dal veterinario, che verificherà il suo peso materiale e altri tratti distintivi, e li confronterà con quelli di un gatto della stessa razza, età e sesso in perfetta forma.

35

Preparare un piano di dimagrimento specifico

Una volta verificato, con una visita dal veterinario, che il vostro gatto ha bisogno di dimagrire, è bene preparare un piano di dimagrimento specifico, che dovrà regolare la sua alimentazione e il suo livello di attività fisica. Controllare l'alimentazione del vostro amato animale può essere difficile: spesso in casa al gatto viene dato da mangiare da diverse persone, ed è difficile tracciare ogni pasto o spuntino. Può essere molto utile tenere un diario alimentare, dove segnare le porzioni date da mangiare, magari specificando la quantità di carboidrati e grassi forniti.

Continua la lettura
45

Far giocare molto l'animale

Infatti, sapete che i grassi sono come una riserva di energia, mentre i carboidrati vengono utilizzati prima e non si accumulano con la stessa facilità. Un gatto obeso va nutrito con più carboidrati rispetto ai grassi, in quanto ha già una riserva di energia più che sufficiente. Una delle principali attività brucia-grassi per il vostro animale è il gioco: i gatti si divertono molto a saltare, arrampicarsi, scattare, rincorrere palline o puntini laser, che siano soli o in compagnia. Non solo si divertono, ma in questo modo consumano molte calorie. È bene, dunque, predisporre un'area gioco per il vostro gatto, nella quale possa muoversi liberamente senza il rischio di rompere qualcosa.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di iniziare qualsiasi piano di dimagrimento, chiedete consiglio al vostro veterinario. Lui saprà senz'altro consigliarvi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come fare ingrassare un cane

Anche se oggi l'obesità è fin troppo comune anche nei cani, ci sono degli esemplari che hanno il problema opposto, e cioè sono sottopeso. In effetti, alcuni cani sono decisamente magri rispetto alla media e hanno bisogno di un'alimentazione che permetta...
Cani

Come scoprire un'allergia alimentare del cane

Le allergie alimentari sono un fastidio in continua ascesa tra la popolazione mondiale. Non tutti gli esseri umani, per quanto onnivori, sono tolleranti ad ogni nutriente. Individuare un'intolleranza alimentare richiede tempo ed osservazione. Spesso è...
Cani

Come curare un pchinese

Il Pechinese è una razza di cani un tempo esclusivo delle regioni della Cina, per poi essere importato nel mondo occidentale dai coloni inglesi come un vero e proprio bottino di guerra.è necessario curare costantemente il nostro pchinese, dati gli alti...
Cani

5 consigli per alimentare un cane denutrito

La denutrizione o malnutrizione del cane è una condizione causata dalla mancanza totale o parziale dei nutrienti corretti nella sua dieta. Un cane può risultare malnutrito se segue un'alimentazione povera di sostanze nutritive importanti per il suo...
Cani

Come ridurre la flatulenza nel cane

A causa del normale processo digestivo, anche i cani a volte emettono delle flatulenze. Questo è normale, ma delle volte può avvenire in maniera eccessiva o con odori più sgradevoli del solito. Per imparare a ridurre la flatulenza nel cane, bisogna...
Cani

Alimentazione del cane: alimenti e regole da seguire

Per ogni persona è difficile capire come regolare l'alimentazione del proprio cane per nutrirlo al meglio quindi ecco qui qualche regola da seguire. È bene però consultare sempre il proprio veterinario di fiducia perché, come ognuno di noi, ogni amico...
Cani

Come alimentare il cane

Ormai si è diffusa l'abitudine di alimentare i cani con cibi secchi preconfezionati destinati alla loro nutrizione. In commercio ne esistono di numerosi tipi, compresi quelli vegetariani, fra i quali potere scegliere quali siano i più adatti al consumo...
Gatti

Consigli per il calcolo della giusta quantità di cibo al gatto

Per un gatto, la corretta alimentazione è un aspetto fondamentale. La giusta quantità di cibo dipende da diversi fattori. Dovete considerare l’età del gatto ed il suo peso. Inoltre, le dosi cambiano a seconda che il cibo sia umido o secco. Un’alimentazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.