Come tenere un procione come animale domestico

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il procione, pur essendo un mammifero, non è assolutamente da considerare come un cane o un gatto. Innanzitutto c'è da sapere che si tratta di un animale appartenente a una specie protetta, per cui è vietata sia la cattura che la detenzione anche perché hanno denti ed artigli molto affilati che potrebbero procurare delle serie ferite agli essere umani. Tuttavia, alcuni animali potrebbero aver bisogno di una riabilitazione in seguito a delle lesioni permanenti che impediscono loro di sopravvivere autonomamente in natura. Strutture di riabilitazione della fauna selvatica o educatori possono richiedere permessi speciali che consentono loro di fornire l'assistenza necessaria a questi animali per il resto della loro vita. Ecco come tenere un procione come animale domestico.

26

Occorrente

  • Procione
36

Trovare un veterinario competente

La prima cosa da fare è senz'altro trovare un veterinario competente che sia disposto a trattare con un procione. Anche se è legale tenerne uno a casa, questi non sono comunque ben accetti presso molti veterinari, a causa dell'indole aggressiva dell'animale. Occorre fare le vaccinazioni di base contro la rabbia e il cimurro, ma tenete conto che, anche se il vostro animale domestico è vaccinato, vi sarà confiscato se arrecherà del male a qualcuno.

46

Abituarsi alle sue strane abitudini e al letargo

Un tempo questo animale viveva solo in America e soltanto nel Novecento venne introdotto in Europa, in particolare in Germania e nei paesi dell'est. Essendo onnivoro, il procione mangia frutta in quantità, ma anche uccelli, pesci, granchi, molluschi e si ciba anche di cavallette, è quindi un "golosone". Se avrete intenzione di avere questo simpatico amico in casa, ricordate che ha la strana abitudine di lavare il cibo nell'acqua prima di mangiarlo o di sfregarlo nell'erba. Sicuramente gestire un animale così non è cosa facile: come tutte le specie ha dei periodi di letargo che generalmente riguardano diversi mesi; in particolare da aprile a maggio.

Continua la lettura
56

Lasciarlo libero nel suo habitat naturale

Solo un ruscello, un bell'albero, e tanto cibo fa la felicità di questa creatura meravigliosa. Ma tenerlo in casa è comunque molto problematico, perché è un animale abituato a vivere all'aperto, ad andare in letargo, ad andare a caccia, e quindi farlo vivere in un ambiente diverso dal suo habitat naturale, vuol dire snaturarlo della sua identità di animale. Quindi lasciate libero questo splendido esemplare della foresta, che merita di vivere la sua vita nel modo più felice e naturale possibile, perché è una creatura selvaggia e come tale va rispettata e amata, per quello che è veramente e non per come noi vorremmo che fosse.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Sicuramente gestire un animale così non è cosa facile: come tutte le specie ha dei periodi di letargo che generalmente riguardano diversi mesi; in particolare da aprile a maggio.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

come seppellire il proprio animale domestico nel cimitero degli animali

Quando il proprio animale domestico passa a miglior vita, per chi ama davvero gli animali, succede qualcosa di veramente sconvolgente per la propria esistenza. A parte i primi momenti di dolore profondo, è necessario pensare anche alla sepoltura degli...
Animali da Compagnia

Scoiattolo come animale domestico: alcuni consigli

Lo scoiattolo è uno dei pochissimi roditori di cui l'uomo si sia fatto amico: nonostante qualche inconveniente sgradevole può, infatti, essere tenuto come simpatico ospite nelle case. Se siete orientati all'adozione di uno scoiattolino, dovete solo...
Animali da Compagnia

Cincillà come animale domestico: alcuni consigli

Ultimamente la scelta dell'animale da compagnia viene fatta prediligendo specie esotiche. Infatti, nelle case è possibile trovare una varietà di animali che fino a qualche tempo fa era impensabile. Uno di questi animaletti è sicuramente il cincillà;...
Animali da Compagnia

Il furetto come animale da compagnia

Come amanti degli animali, vogliamo proporre a tutti i nostri lettori, una pratica guida, che vuole essere d'aiuto per tutti coloro i quali vorrebbero avere in casa propria un animale ed in particolare modo il famoso furetto. Occorre subito sapere che...
Animali da Compagnia

Come allevare il topo domestico

Il ratto domestico o più comunemente topo domestico, è un piccolo animaletto della famiglia dei roditori. A differenze del topo di campagna che siete abituati a vedere, il topino domestico è di dimensioni leggermente più piccole ed ha un colore che...
Animali da Compagnia

Come scegliere un animale per una persona anziana

Le persone anziane molto spesso si ritrovano a stare sole e senza una persona che faccia loro compagnia. Questa situazione di solitudine quindi può portare loro in uno stato di profonda tristezza e depressione. Per questo motivo è estremamente consigliabile...
Animali da Compagnia

Il legame fra uomo e animale

Il legame fra uomo e animale ha suscitato curiosità e studio da parte di tante persone. Ad analizzarlo sono in particolare quelli che adorano gli animali. Essi vogliono sapere se il quadrupede amato può capire le parole che gli vengono dette. Molto...
Animali da Compagnia

In viaggio con il proprio animale: consigli utili

Quando si organizza un viaggio con degli animali domestici come ad esempio il cane e il gatto, è importante sapersi organizzare al meglio per non fargli mancare niente, e nel contempo per consentirgli di godere di maggiore serenità. A tale proposito...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.