Come tranquillizzare un gatto spaventato

Tramite: O2O 14/12/2016
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Chi ha un animale domestico in casa, sa che bisogna curarlo e fare attenzione a non trascurare le sue esigenze, imparando a capire quali sono le cose che gli piacciono e quali gli facciano paura. Nel caso di queste ultime, può capitare che il gatto si spaventi per differenti motivazioni, come ad esempio rumori forti, o anche la presenza di persone sconosciute in casa o l'arrivo di un altro animale nel nucleo familiare. Se si vuole evitare che il proprio amico a quattro zampe subisca un trauma a causa dello spavento, questo articolo su come tranquillizzare un gatto spaventato potrà essere di grande aiuto, per gestire anche le situazioni più difficili.

26

Osservare il comportamento nelle situazioni di pericolo

È importante conoscere il proprio gatto, per capire come si comporta nelle situazioni di pericolo e se ad esempio diventa pericoloso. All'inizio quando un gatto non conosce la persona è normale che abbia paura, per cui non si deve insistere cercando di prenderlo in braccio a tutti i costi perché non si fa altro che peggiorare la situazione.

36

Avvicinarsi delicatamente attirandolo con del latte

Se si ha un gatto piccolo appena staccato dalla mamma, una volta portato a casa, si andrà a nascondere sotto a qualche mobile. Bisogna lasciarlo stare tranquillo, ignorarlo e cercare solo di richiamare la sua attenzione con un tono di voce dolce e calmo. Si metterà a disposizione una ciotola con del buon latte e, quando sarà passato un po' di tempo, si calmerà e si avvicinerà per mangiare. Quando avrà finito provare ad avvicinarsi a lui molto dolcemente, chiamandolo e facendo in modo che sia lui a farsi avanti.

Continua la lettura
46

Avvicinarsi lentamente e parlargli con voce calma e bassa

Se il gatto è ormai grande, ma qualcosa gli ha messo una gran paura, bisogna fare più attenzione. Cercare di avvicinarsi a lui piano, con movimenti lenti mentre gli si parla con voce calma e bassa cercando di tranquillizzarlo. Non bisogna avvicinarsi a lui col viso perché potrebbe graffiare. È bene ricordarsi che un gatto sotto stress tende ad attaccare ferendo gli occhi. Non bisogna illudersi che non possa farlo perché vuole bene al padrone. Lo farà perché è un animale e quello è il suo istinto di sopravvivenza. Se si riesce ad avvicinarsi è giusto cercare di accarezzarlo dolcemente ma con insistenza, sempre parlandogli. Se tende a nascondersi andrà lasciato fare fino a quando deciderà di uscire allo scoperto e farsi fare le coccole.

56

Lasciar fare a lui il primo passo

Lasciare tranquillo il gatto è sinonimo di fiducia per l'animale. È consigliata la presenza nello stesso luogo dove si nasconde, senza però cercare di avvicinarlo, ma far fare a lui il primo passo. Anche se non conosce, si avvicinerà dopo poco perché non avvertirà nessuna minaccia che invece vedrebbe con una persona entrante con lui.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Gatto spaventato: come rassicurarlo

Il gatto è uno tra gli animali domestici più sensibile, dal punto di vista olfattivo e istintivo: si tratta infatti di un esemplare in grado di percepire rumori minimi, odori a noi poco evidenti e soprattutto di avvertire per primo un pericolo che lo...
Gatti

Cosa fare se il gatto rifiuta di uscire

Il gatto è un animale dal carattere affascinante con una forte tendenza all'indipendenza, l'autonomia e la libertà. Per questo è molto facile che il gatto, pur se abituato ad essere un gatto domestico, desideri spesso uscire per esplorare l'ambiente...
Gatti

Come far accettare al gatto di casa l'arrivo di uno o più cuccioli

Tra gli amanti degli animali c'è chi preferisce i cani e chi invece si trova meglio ad aver a che fare con i gatti. Vista la loro autonomia ed il poco spazio che occupano capita spesso di decidere di prendere un altro micio o a volte anche più di uno....
Gatti

Come fare un'iniezione al proprio gatto

Se avete un gatto è indicato per la sua sopravvivenza fare delle iniezioni che assicureranno il loro benessere. Queste iniezioni dovranno essere fatte direttamente dal proprietario del gatto, ma che si riveleranno semplici dopo la pratica. Esistono due...
Gatti

Come comprendere il linguaggio del gatto

Fortunati possessori di un micio…vi sarete certamente accorti che anche il vostro inquilino a quattro zampe cerca di stabilire un rapporto di comunicazione con voi. A suo modo, naturalmente… Vediamo come comprendere il linguaggio del nostro gatto...
Gatti

Gatto troppo diffidente: 5 consigli efficaci

Spesso attratti dall'idea di avere un caldo batuffolo di pelo a casa capace di tenerci compagnia e farci le fusa ogni giorno, compriamo o prendiamo in regalo da vicini e parenti un piccolo gatto.Non così di rado capita, però, di stupirci non troppo...
Gatti

Come capire se un gatto è sordo

Anche i gatti come molti altri animali ed esseri umani possono nascere sordi, e quindi diventa difficile comprenderli. In genere i felini sono per natura piuttosto indifferenti ai nostri richiami, e se con questa patologia allora potrebbero non sentire...
Gatti

Accessori indispensabili se viaggi con un gatto

Con l'arrivo delle vacanze estive, nasce l'esigenza di organizzarsi per la partenza. Se preparare le valigie per sè e per i propri figli può risultare già abbastanza stressante, non bisogna, purtroppo, dimenticare che anche i nostri amici "pelosi"...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.