Come trattare un eczema canino

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Molti cani, specie se vivono all'aperto o in compagnia dei loro simili, sono soggetti ad una forma di eczema chiamata proprio "canina". Si tratta infatti di una comune affezione cutanea, che tuttavia può essere curata, senza necessariamente (salvo forme gravi), consultare un veterinario. Nei passi successivi ci sono dei consigli, su come trattare un eczema canino.

24

L'eczema in oggetto, fa grattare il cane, fino a provocare la fuoriuscita di sangue e la conseguente formazione di una crosta sulla pelle. Quest'ultima assume un aspetto umido, e genera un forte prurito, per cui conviene subito utilizzare del cortisone in crema o spray. Prima di fare questa operazione disinfettante, è tuttavia importante procedere con altri trattamenti preliminari, per cui bisogna tagliare il pelo circostante la zona interessata dall'eczema, e se quest'ultima è abbastanza estesa, conviene tosarlo del tutto, per vedere se ci sono altre parti interessate dall'infezione.

34

A questo punto, conviene usare un prodotto astringente e delicato sulla pelle del cane, per cui utilizziamo della schiuma specifica, che ci consente di lavare anche la ferita, e disinfettarla. A lavoro ultimato, la zona va accuratamente asciugata prima con dell'ovatta e poi con un panno pulito, e alla fine si utilizza il cortisone spray, per disinfettare definitivamente la parte umida interessata dall'eczema canino. A margine di quanto sin qui descritto, c'è da aggiungere che per evitare ulteriori danni, nel caso in cui il cane si gratti con le unghie, bisogna prendere altre due importanti precauzioni. La prima è un taglio periodico delle unghie, mentre la seconda è di acquistare il cosiddetto collare "elisabettiano". Si tratta infatti, di un cono di plastica trasparente, che serve a proteggere la zona interessata dall'eczema, evitando che il cane possa arrivarci con la lingua per grattarsi, e quindi senza il rischio di prendere di nuovo un'infezione.

Continua la lettura
44

Se tuttavia l'infezione non scompare velocemente (in circa 10 giorni), conviene in questo caso rivolgersi ad un veterinario, che potrebbe prescrivere delle iniezioni sottocutanee sempre a base di cortisone, per evitare gravi danni, all'intero sistema immunitario. Le iniezioni, possono essere somministrate da noi stessi, visto che non vanno ad interessare i muscoli, e quindi il cane non risente della puntura e soprattutto non vede ciò che facciamo, poiché il cono gli impedisce una buona visuale di tutta la parte interessata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come trattare le punture d'insetti nel cane

Non è raro vedere un cane che viene punto da insetti. D'estate, soprattutto, si può dire che le punture degli insetti, principalmente api e calabroni, siano fonte di numerosi problemi. È necessario quindi che tu sappia come intervenire in situazioni...
Cani

Come trattare le allergie nei cani

Ahimè non vi è nessuna cura a cui sottoporre i cani per le loro allergie. Tuttavia, c'è la possibilità di applicare alcuni metodi per riuscire a ridurre l'impatto degli agenti allergeni alleviando, conseguentemente, i sintomi dei cani.Le allergie...
Cani

Come trattare l'infezione fungina nei cani

I cani sono i migliori amici dell'uomo ed è per questo che, per ricambiare in modo amorevole la loro affettuosa compagnia, è importante prendersi cura di loro specialmente quando sono vittime di brutte malattie, come un'infezione fungina, che non è...
Cani

Come riconoscere e trattare il chilotorace nei cani

I cani, si sa, sono i migliori amici dell'uomo, sono in grado di trasmetterci amore, serenità e sicurezza, tuttavia prima di adottare un cane, dovremo necessariamente essere sicuri di poterci prendere cura del nostro amico, di assicurargli tutte le cure...
Cani

Come riconoscere un anofele

Per chi non lo sapesse, l'anofele è una zanzara, il principale vettore della malaria. A causa di questo parassita, oggi si contano più di un milione di morti all'anno. L'anofele generalmente vive in prossimità di paludi, acque stagnanti e pantani,...
Cani

Come comportarsi quando il cane si agita durante il temporale

Il temporale per il cane è un vero e proprio incubo. L'animali non sopporta i tuoni, li teme, ne ha paura. Alcuni studi però dimostrano che questa fobia sia più diffusa solo in alcune razze, ma certo è che i cani sono animali conosciuti per la loro...
Cani

Cose da sapere quando si adottano cuccioli di cane

Adottare un cucciolo di cane è un'esperienza unica ma contemporaneamente richiede l'assunzione di responsabilità non indifferenti.Possedere un cane infatti non significa trovarsi di fronte a un giocattolo: esso va trattato come se fosse un essere umano...
Cani

Come curare un Barboncino

Quando si possiede un'animale domestico bisogna tener conto di innumerevoli aspetti, ai quali bisogna dare le giuste attenzioni. Questo è fondamentale per mantenere il benessere del proprio cucciolo accolto in casa. In questa guida però ci focalizzeremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.