Come utilizzare i tappetini riscaldanti per terrario

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I terrari sono contenitori in cui allevare in casa animali esotici o insetti particolari: molti degli insetti e dei rettili che si allevano nei terrari provengono da zone del mondo in cui il clima è diverso da quello che è presente nelle nostre abitazioni; oltre a questo, i rettili sono animali a sangue freddo, che utilizzano direttamente il calore del sole per la loro termoregolazione. Per questi motivi, molti terrari necessitano di essere corredati di qualche sistema riscaldante. Tipicamente, i sistemi riscaldanti sono costituiti da lampadine a incandescenza o da tappetini riscaldanti che si posizionano sul fondale del terrario, oppure ancora da rocce o finte pietre che contengono una serpentina riscaldante. Andiamo quindi a vedere come utilizzare i tappetini riscaldati per terrario.

25

Scegliere il tappetino

Esistono prodotti completamente impermeabili, che possono venire posizionati direttamente all'interno del contenitore, altri invece funzionano soltanto in ambiente completamente asciutto o hanno cavetti che potrebbero venire rosicchiati dagli animali e quindi vanno posizionati all'esterno del terrario. È molto importante che ci sia del materiale tra l’animale ed il substrato riscaldante: generalmente si utilizza materiale inerte, quale sabbia, ghiaietta, sughero. Evitiamo in ogni caso che gli animali giungano a contatto diretto del tappetino, perché potrebbero subire scottature, anche se il tappetino non raggiunge temperature elevate; questo avviene perché alcuni animali hanno l’epidermide molto delicata o tendono ad appisolarsi stesi direttamente sopra il tappetino acceso, dove permangono per lunghi periodi di tempo.

35

Posizionare il tappetino

La scelta dipende prevalentemente dalle tipiche condizioni di vita dell’animale; oltre a questo, sicuramente un tappetino esterno è di posizionamento molto facile; se invece scegliamo un tappetino da interno, dovremo con pazienza posizionarlo e sistemarvi sopra del materiale di copertura, quale ghiaia o sabbietta. Lo strumento forse più complicato da posizionare è la serpentina, perché va posta in spire abbastanza precise e fissata in più punti sul fondo o sui lati del terrario.

Continua la lettura
45

Regolare la temperatura

Può capitare che il nostro amico necessiti per sopravvivere di condizioni climatiche molto particolari. Per questo motivo, oltre a vari strumenti per riscaldare il terrario, sono disponibili termometri, igrometri, sistemi di umidificazione dell’aria o di distribuzione del cibo. Tutti questi strumenti possono venire connessi a dei timer, in modo da poter regolare diverse condizioni climatiche a seconda dell’ora del giorno.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scegliete sempre il più corretto sistema di riscaldamento, in base all'animale che state allevando
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come riscaldare un terrario per serpenti

Avere degli animali domestici è quasi una necessità per milioni di persone. La compagnia di queste creature diventa essenziale per il nostro benessere. Chi possiede un cane o un gatto sa bene quanto le giornate sarebbero vuote senza di loro. Ma c'è...
Rettili e Anfibi

Come organizzare il terrario per l'iguana

L'iguana è un animale simile alla lucertola scoperta da Darwin nelle isole Galapagos. In Italia non è possibile trovarle allo stato brado, ma solo in cattività; i negozi per animali, oltre a vendere questi rettili, sono forniti di materiali adatti...
Rettili e Anfibi

Serpente domestico, come prendersene cura

Il serpente è un animale impegnativo da tenere in casa, sia per la cura sia per quanto riguarda la questione economica, più di quanto si possa immaginare. Importantissima è la scelta del serpente, perché non possono essere allevati tutti allo stesso...
Rettili e Anfibi

Come creare un terrario per i serpenti

Se siete appassionati di serpenti e desiderate tenerne in casa qualcuno, sappiate che è necessario disporre un terrario abbastanza grande e comodo per poterlo ospitare. In commercio potete trovarne tanti, generalmente dai fioristi, ma le cifre proposte...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un terrario per tartarughe

I terrari per tartarughe sono modi meravigliosi per mostrare il vostro animale domestico e fornirgli un ambiente che imita molto attentamente il suo habitat naturale. Tuttavia, la fragilità di questi animali richiedono un spazio molto specifico per mantenere...
Invertebrati e Insetti

Gli invertebrati che possono vivere in terrari

Gli invertebrati sono degli animali senza ossa o meglio senza uno scheletro interno. Infatti, molti invertebrati sono di un corpo molliccio mentre altri hanno uno scheletro o meglio una casa come ad esempio una conchiglia. Questa specie di animali tendono...
Rettili e Anfibi

Come allevare gli scarabei

Negli ultimi anni sono sempre piú numerose le persone che si appassionano ai coleotteri, in Giappone per esempio, allevare scarabei è una cosa più che normale. Tuttavia gli scarabei sono una famiglia di insetti molto ampia e variegata, all’interno...
Rettili e Anfibi

Come costruire un terrario per rane

Il terrario è una funzionale struttura che consente di ospitare diverse specie di piante e soprattutto di animali; infatti in riferimento a questi ultimi è importante sapere che è particolarmente indicato per rettili ed anfibi. Se dunque avete intenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.