Come utilizzare l'alga reale in un acquario

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Iniziamo col dire che le alghe si raggruppano in una classificazione tassonomica ovvero un sistema che si basa sulla denominazione e sulla assegnazione dei criteri di varia natura. Lo scopo di questo metodo è quello di classificare in modo ordinato i viventi in modo che tutti possano comprendere l'identità di un vivente in modo più semplice senza commettere errori. Ora andremo a vedere dove si posizioneranno le alghe e che tipo di viventi sono ma soprattutto come utilizzare l'alga reale o verde in questo caso in un acquario.

24

Le alghe appartengono al regno della Tallofite ovvero organismi semplici senza radici. Le alghe sono vegetali e svolgono lavori di fotosintesi grazie a materie principali chiamare cloroplasti che contengono a loro volta la clorofilla. I cloroplasti pretendono un habitat profondo e fresco e proprio per questo le alghe vivono in profondità e in freschezza nelle acque. Le alghe verdi vivono in ambienti luminosi visto che assorbono le radiazioni rosse che difficilmente passano attraverso le acque. Le alghe rosse assumono radiazioni che riescono a penetrare in profondità e poi ci sono quelle marroni che assumono tutte le tipologie di radiazioni e riescono a vivere in diverse misure di profondità.

34

Ci sono diversi tipi di alghe che possiamo posizionare nell'acquario e altre che non le possiamo. Come ad esempio l'alga bruna che vive esclusivamente in ambienti marini. Le alghe Sargassum sono presenti in tutti quei mari caldi sono famose per la loro presenza sul piano dell'acqua cioè galleggiano e quindi non sono sul fondo del mare. Le alghe verdi sono quelle di acqua dolce e sono anche quelle più evolute e sono anche quelle che vengono usate sul mercato ovviamente non le originali.

Continua la lettura
44

Prendendo in considerazione queste ultime alghe descritte ovvero le verdi, si formano in vasche di acqua dolce e pulita e non sono dannose per i pesci o per l'ambiente che le circonda. Molte volte fuoriescono dei puntini verdi sia sulle foglie che sui vetri dell'acquario proprio per una loro funzionalità che serve per non essere debellate dai mangiatori di alghe. La crescita delle alghe verdi è simile a quella delle piante. Infatti la loro crescita indica un buono stato e non provocano danni verso altre piante nell'ambiente circostante. Sono inoltre stimolate dalla luminosità della luce naturale. Formano sulle loro foglie dei cosiddetti peli perché sono appunto esposte alla luce del sole. Inoltre tendono a formare un ambiente sfizioso e carino con la compagnia dei pesci.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Come eliminare le diatomee da un acquario marino

Se siamo degli amanti del mondo marino sicuramente ci piacerebbe poterlo riprodurre in casa nostra in piccolo, realizzando un bellissimo acquario con moltissimi tipi di pesci differenti. Tuttavia avere un acquario richiede molta cura ed attenzione per...
Pesci

Consigli per evitare la proliferazione delle alghe nell'acquario

Chi ha la passione per i reef e per gli acquari di acqua dolce sa che il pericolo maggiore per la salute dei propri pesci è quello di non riuscire ad evitare la proliferazione delle alghe. Le alghe sono degli organismi privi di fusto, foglie e radici...
Pesci

Pulire il vetro dell'acquario

L'acquario è un ecosistema molto delicato, e richiede passione e manutenzione. Fra gli inconvenienti più diffusi ci sono la proliferazione di alghe e calcare che si attaccano sui vetri, oscurandone la visuale e creando problemi di salute ai pesci....
Pesci

Come scegliere i pesci pulitori per l'acquario

Ogni acquario che si rispetti deve contenere al suo interno dei pesci pulitori. Nonostante alcuni ne facciano a meno, occorre tenere presente che essi sono una componente fondamentale per la fauna del nostro acquario. I pesci pulitori mantengono pulito...
Pesci

Le 5 piante d’acquario dolce più facili

Per la realizzazione di un acquario dolce le piante sono essenziali, sia come elemento decorativo che per le loro funzioni: purificano l’acqua da elementi nocivi e offrono ai pesci spazi nascosti e protetti. Ma come si fa a far crescere una pianta sott’acqua??...
Pesci

5 regole per il cambio dell'acqua in acquario

Avere un acquario in casa è un qualcosa che può regalare molte soddisfazioni. Se siete appassionati di pesci e di acquariofilia, saprete certamente quant'è piacevole osservare i pesci nuotare comodamente seduti sul divano di casa. Saprete anche come...
Pesci

Come creare l'ambiente giusto in un acquario per pesci d'acqua dolce

Un acquario non va considerato solamente come una bel complemento di arredo, capace di rendere un ambiente della nostra casa più elegante e chic, ma dobbiamo sempre tenere a mente, che prima di tutto, l'acquario è la casa dei nostri pesci. Come gli...
Pesci

Come nutrire i pesci pulitori

In ogni acquario che si rispetti, piccolo o grande che sia, non possono mancare i cosiddetti pesci "pulitori". Si tratta di alcune specie di pesci che sono in grado di eliminare molte sostanze di rifiuto presenti nell'acquario, in particolare i resti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.