Consigli per accudire una tartaruga

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se si decidete di allevare una tartaruga terrestre, è importante attenersi ad alcune regole ben precise, in modo da farla vivere bene e a lungo, visto che questo esemplare è molto longevo. In riferimento a ciò, ecco una lista in cui ci sono alcuni consigli utili, per accudire nel migliore dei modi una tartaruga.

26

Preparare un nido adeguato

Un primo consiglio preliminare per accudire una tartaruga nel migliore di modi, è di preparare un nido adeguato. Le tartarughe terrestri si muovono poco, per cui va bene anche un ampio balcone o un terrazzo, ma l'ideale è un giardino del tipo illustrato nella foto, in modo da contornarlo di piante, sassi e sentieri, per consentire alla testuggine di muoversi periodicamente, specie quando non va in letargo.

36

Fornire alla tartaruga acqua e cibo

Cibo e acqua devono sempre essere disponibili per una tartaruga, anche se tuttavia è un animale che beve poco, ma mangia molto. Le foglie di lattuga sono le preferite, anche se periodicamente vale la pena aggiungere al pasto quotidiano dei semi. Per quanto riguarda invece l'acqua, conviene cambiarla tutti i giorni, per evitare che diventi stagnante e possa poi generare larve di moscerini. Almeno una volta al mese, bisogna inoltre fornirgli delle vitamine, scegliendole tra quelle disponibili nei centri specializzati. Lo scopo è di prevenire alcune malattie, e soprattutto rinforzare la corazza, ovvero la più soggetta a problemi.

Continua la lettura
46

Evitare di esporre la tartaruga ai raggi diretti del sole

Le tartarughe amano molto il sole, ma il consiglio per accudirle bene è di evitare di esporle ai raggi diretti in modo costante, creando quindi una sorta di rifugio in cui possano ripararsi. Lo scopo principale, è di evitare che la corazza diventi eccessivamente molle oppure troppo secca, poiché in entrambi i casi, potrebbe rompersi o creparsi.

56

Pulire il nido periodicamente

Il nido di una tartaruga deve essere ripulito costantemente, per evitare che possano proliferare vermiciattoli ed insetti attratti dagli escrementi. Se dunque abbiamo posizionato del terriccio, allora periodicamente conviene rimuovere lo strato superficiale ed aggiungerne del nuovo, mentre la ghiaia basta sciacquarla, asciugarla al sole e poi riposizionarla nel nido. In tal modo si evitano anche i rischi di infezioni, sia per la tartaruga stessa che per noi.

66

Evitare di toccare la tartaruga quando il guscio è caldo

Se in casa abbiamo dei bambini che amano le tartarughe ed intendono giocarvi, lo possono fare senza problemi, ma il consiglio per non arrecargli danni strutturali è di evitare di toccargli la corazza quando il guscio è caldo, a seguito dell'eccessiva esposizione al sole. Tale condizione, potrebbe infatti deformarlo, e quindi creare problemi all'esemplare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare tartarughe

Le tartarughe sono animali molto affascinanti e dall'aspetto preistorico. In effetti le tartarughe sono un po' preistoriche, ed hanno la straordinaria capacità di vivere per molti e molti anni, diventando centenarie. Si tratta dunque di un animale longevo,...
Cura dell'Animale

5 regole d'oro per la cura di una tartaruga

Se abbiamo appena acquistato una tartaruga ed intendiamo allevarla, magari per tentare anche in futuro la riproduzione, è importante curarla e rispettare delle regole che seppur semplici, si rivelano importanti ai fini della sua sopravvivenza. A tale...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga di terra

Le tartarughe sono diffuse in tutto il mondo, limitatamente alle zone calde o temperate. Quella più comune in Italia è la tartaruga di Herman, lunga sino a 30 cm e pesante anche 2 Kg, caratterizzata dal carapace molto convesso. Al contrario di quanto...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga d'acqua

Quante volte, magari recandoti in un negozio ove si vendono pesci tropicali e similari, ti sei imbattuto in un grande acquario ove si trovano tantissime tartarughe d'acqua? Magari ne hai una anche tu, o magari stai pensando di prenderne una. Allevarla...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga da terra

Se decidiamo di adottare una tartaruga terrestre, è importante informarsi sulle sue abitudini, le necessità, le cure, l'alimentazione e lo spazio di cui necessita. Abilissima ad arrampicarsi, è spesso orientata a tentare la fuga dalle zone protette,...
Rettili e Anfibi

Come distinguere una tartaruga femmina da una maschio

Questo tutorial semplice, utile ed interessante spiega in che modo è possibile distinguere un esemplare di tartaruga maschio da una femmina. A volte quando si compra una tartaruga si ha la curiosità di sapere se è un maschio oppure una femmina. Per...
Rettili e Anfibi

Guida all’acquisto di una tartaruga

La tartaruga è diventata già da un po' di anni l'animale domestico preferito di molte persone. Grazie alla sua mansuetudine e alla totale innocuità verso l'uomo, infatti, questo rettile è riuscito a conquistarsi le preferenze di molti amanti degli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.