Consigli per svezzare i gattini

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I gatti, come tutti i mammiferi che per un certo tempo della loro vita si nutrono solo con il latte materno, una volta passato tale periodo vanno svezzati. Svezzare significa infatti passare gradualmente dall'allattamento alla progressiva introduzione di cibi solidi. Se è presente la madre, questo compito viene svolto agevolmente e naturalmente da lei stessa, ma qualora si tratti di un gattino orfano o di un trovatello, diventa necessario sapere cosa fare. In questa guida andremo quindi a vedere alcuni consigli per svezzare i gattini.

26

Iniziate intorno al ventesimo giorno

Lo svezzamento dovrebbe cominciare a partire dal ventesimo giorno circa e in genere dura circa quattro o cinque settimane. Verso la dodicesima settimana di vita quindi il gattino può essere considerato totalmente indipendente dell'alimentazione materna e può quindi essere agevolmente separato dalla stessa madre e considerato autonomo dal punto di vista dell'alimentazione.

36

Cominciate con il cibo umido

Verso la quarta settimana di vita potrete cominciare a introdurre gradualmente nella dieta del vostro gattino i primi cibi solidi. Per il primo periodo è meglio però evitare il cibo secco in quanto più difficile da masticare e in quanto potrebbe essere causa di soffocamento. Meglio quindi optare per il cibo umido o per il secco ammollato nell'acqua o nel latte, più semplici da masticare per i dentini ancora acerbi del vostro micino e sicuramente più graditi al suo palato.

Continua la lettura
46

Lasciate il cibo a disposizione per 30 minuti

All'inizio il vostro micino avrà poca voglia di mangiare, probabilmente le prime volte si limiterà ad annusare, immergere leggermente il muso nella ciotola, spiluccare qualcosa e poi se ne andrà da un'altra parte. Per questo motivo lasciate la ciotola a sua disposizione solo per 30 minuti, in modo che il cibo non si secchi e risulti poi inappetibile al vostro micino, che inizia ad affacciarsi al mondo dei sapori nuovi.

56

Non forzatelo a mangiare

Conoscere ed imparare ad apprezzare sapori nuovi è un compito delicato per il vostro gattino e necessità di tempo e curiosità. Per questo motivo non forzate mai il micio a mangiare, spingendogli il muso nella ciotola ma rispettare i suoi tempi. Piano piano si avvicinerà alla ciotola e consumerà progressivamente sempre più cibo, fino ad arrivare a "spazzolare" voracemente tutto il contenuto.

66

Lasciate a disposizione dell'acqua

Il gatto di poche settimane è ancora abituato ad un'alimentazione sostanzialmente liquida, non può cominciare di punto in bianco a consumare solo cibi solidi. Per questo motivo lasciate sempre a disposizione dell'animale una ciotola di acqua fresca, con la quale poter alternare i primi approcci al cibo solido.
Questo sono i principali consigli per lo svezzamento di un gattino anche se occorre ricordare che i gatti sono animali molto indipendenti, capaci nella maggior parte dei casi di risolvere i loro problemi da soli, senza bisogno di un particolare controllo da parte del padrone quindi lo svezzamento sarà un compito tutt'altro che difficile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come e quando staccare i gattini dalla mamma

Nel mondo animale, come in quello umano, i cuccioli hanno bisogno delle cure della madre, almeno per il primo periodo di vita. La fragilità e l'arrivo in un mondo totalmente sconosciuto potrebbero creare parecchi problemi. Quindi bisogna prima comprendere...
Gatti

Come svezzare un gattino

Lo svezzamento negli animali indica il passaggio dagli alimenti liquidi a quelli solidi. Si tratta di una fase molto importante che avviene in maniera piuttosto graduale e deve essere eseguita nel modo giusto. Nella seguente guida pertanto verrà indicato,...
Gatti

Gattino appena nato: consigli su latte e cure

Soprattutto per chi abita in campagna, ma ormai anche nei centri cittadini, è molto facile trovare dei gattini neonati che non hanno più la loro mamma a prendersi cura di loro e che necessitano di nutrimento e attenzioni. Molto spesso i gatti randagi...
Gatti

5 consigli per gestire la gravidanza del gatto

Se in casa abbiamo un gatto in dolce attesa, è importante saper gestire al meglio la sua gravidanza. Nello specifico si tratta di adottare alcune semplici precauzioni, soprattutto di natura alimentare. In questa lista illustriamo dunque nel dettaglio,...
Gatti

Gatti e svezzamento: 5 regole d'oro per una corretta alimentazione

Le prime settimane di vita di un gattino sono importantissime, perché in tale periodo esso sviluppa ossa, muscoli, pelo e denti. In questa fase delicatissima l'alimentazione riveste una fondamentale importanza e l'alimento preferito dai gatti è senza...
Gatti

Come alimentare un gattino orfano

Ci sono tanti gatti di strada che se la cavano ogni giorno. I più fortunati si ambientano in colonie all'interno di un parco, quelli più a rischio invece stanno vicino ai cassonetti. Questi ultimi, sono sempre esposti alle auto e può succedere che...
Gatti

Cosa fare se una gatta abbandona i propri piccoli

A volte, può accadere che un gatta abbandoni i propri piccoli appena nati. I motivi dell'abbandono dei cuccioli da parte di mamma gatta possono essere molteplici, ad esempio la propria gatta è nuovamente incinta, non è in buona salute oppure semplicemente...
Gatti

Consigli su come accudire un gatto

Gli animali sono davvero una grande "invenzione". Riescono a far sorridere, riescono a farsi amare, riescono a darci forza nei momenti tristi e molto altro ancora. Gli animali sono una validissima alternativa alla compagnia dell'uomo. Molto spesso riescono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.