Cosa fare se i vostri gatti litigano

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Tutti noi amiamo possedere in casa qualche animale domestico, che sia un cane o un gatto o qualsiasi altra specie, e tutti dobbiamo fare i conti con la loro educazione. Non sempre questo compito è facile o riesce bene, alle volte ci vuole un po' di pazienza, soprattutto con i gatti, che si sa, sono molto indipendenti e territoriali. Il gatto è una razza d'animale autosufficiente e cacciatore solitario, quindi reagisce alle minacce con il conflitto fisico, soprattutto per sopravvivere (vive in continua lotta, con la paura che qualunque cosa possa causargli lesioni). Il sistema di comunicazione del gatto comprende: la vocalizzazione, la postura del corpo, l'espressione del viso e la marcatura (quest'ultima viene eseguita dal gatto principalmente per evitare conflitti e diffondere tensione). I gatti sono animaletti dispettosi e difficili da educare, ma una volta arrivati a un punto d’incontro, il gatto diventa l’animale più docile del mondo. Dopo questa breve introduzione possiamo iniziare con il primo passo della guida su come fare se i vostri gatti litigano.

24

Dividere le cucce dei gatti

Come prima cosa cercate di abituare i vostri amici alla convivenza forzata, dividete le loro cucce e separate le loro lettiere per il pranzo, in modo da dimostrare loro che per voi sono perfettamente “uguali” e che vengono trattati allo stesso modo. Lasciate che si abituino alla loro vicinanza, molto piano. Coccolate entrambi senza mettere da parte nessuno. In caso vediate che si azzuffano, cercate di separarli battendo forte le mani e alzando un po’ la voce, così attirerete la loro attenzione e farete capire loro che siete voi a comandare.

34

Mettere dei divieti per i gatti

In questo secondo passo tratteremo un argomento molto importante, ossia il mettere dei divieti ai vostri gatti in modo da evitare che ci siano delle incomprensioni tra i vari cuccioli di casa. Non lasciate che nessuno dei due salga sul vostro letto o che si piazzino sul divano: devono limitarsi al loro spazio. Non sgridare mai i gatti se non cieco alcun motivo per il quale dargli uno strillo.

Continua la lettura
44

Cercare d'imporre due o tre regole

Cercate d’imporre due o tre regole ai vostri amici, fondamentali per impostare un buon inizio di convivenza, non solo tra loro ma anche con voi e con il vostro spazio. Quando sbagliano di brutto e proprio la sgridata vi sembra inutile, potreste ricorrere allo spruzzino: è un buon rimedio per calmare le loro zuffe. Inoltre, giocate d’astuzia e procurate loro dei giochi sui quali sfogare la loro temporanea aggressività, qualcosa per farsi le unghie, qualche pupazzetto da portare a spasso per casa. Presto la situazione si calmerà e i due animali saranno disposti a coabitare pacificamente. Siamo giunti al termine di questo terzo passo della guida su cosa fare se i gatti litigano.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come comportarsi se il cane e il gatto litigano

Se siamo amanti degli animali e ci piacerebbe poter adottare sia un cane che un gatto, ma abbiamo paura che questi due animali insieme non riescano a convivere, non dovremo assolutamente preoccuparci. Su internet, infatti, potremo trovare tantissime guide...
Animali da Compagnia

Come evitare le zuffe tra cane e gatto

La maggior parte delle persone considera cani e fatti come acerrimi nemici. Eppure, questi deliziosi animali possono convivere in maniera pacifica, specialmente se qualcuno sceglie di unirli ancora cuccioli. Coloro che adorano gli animali hanno il sogno...
Gatti

Gatto spaventato: come rassicurarlo

Il gatto è uno tra gli animali domestici più sensibile, dal punto di vista olfattivo e istintivo: si tratta infatti di un esemplare in grado di percepire rumori minimi, odori a noi poco evidenti e soprattutto di avvertire per primo un pericolo che lo...
Cani

Come intervenire durante una zuffa fra cani

Spesso, come si può notare, sia per giocare, sia per mostrare affetto verso i loro simili, i cani tendono a mordersi tra loro dando però una brutta impressione ai nostri occhi. In realtà non fanno altro che giocare anche se in una maniera un po' pericolosa...
Volatili

Come distinguere le cocorite

Il parrocchetto ondulato (Melopsittacus undulatus) è un piccolo pappagallo conosciuto anche con il nome di parrocchetto australiano, in Italia volgarmente definito cocorita, cocorito o semplicemente pappagallino. Il nome Melopsittacus deriva dal greco,...
Animali da Compagnia

Come gestire la convivenza tra cane e gatto

Se pensate di ospitare presso la vostra famiglia un esemplare di cane e uno di gatto, dovrete anche essere al corrente che si tratta di specie diverse fra di loro. La convivenza non sempre potrà quindi risultare del tutto pacifica. Ecco perché prima...
Animali da Compagnia

Convivenza animali e bambini: consigli utili

Quando si decide di adottare degli animali in una famiglia con bambini piccoli, è bene seguire dei consigli per avviare una convivenza pacifica. In tal modo, sarà possibile prevenire il rischio di spiacevoli e pericoli episodi di aggressioni. Nella...
Cani

10 consigli per una pacifica convivenza nell'area cani

I nostri amici a quattro zampe, in particolare i cani, nella maggior parte dei casi, sono ben inseriti nell’ambiente familiare in cui vivono e crescono. Sono educati alla convivenza con tutti i membri della famiglia, con lori simili ed anche con i gatti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.