Cosa fare se il tuo cane fa danni in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Per i possessori di un cane risulta importante poterli addestrare. Ma addestrare un cane non è un'operazione semplice, soprattutto se abbiamo molto poco tempo da dedicare all'animale. Bisogna sempre ricordarsi che gli animali sono dotati di sentimenti ed è opportuno valutare tutti i problemi causati dal loro comportamento. In questo articolo vi illustrerò cosa fare se il tuo cane fa danni in casa.

24

Il primo consiglio da seguire è che bisogna sapere che uno dei comportamenti irrazionali che i cani possono sviluppare nell'età della pubertà è quello di mordere le gambe dei tavoli o delle sedie. Può succedere ad esempio che il tavolo o le sedie sono stati soltanto spostati dalla sede originaria da fare provocare così insicurezza al cane in questa fase della sua vita. La prima cosa da fare dopo l'attacco è di evitare di rassicurare il cane nei pressi del tavolo stesso, perché così facendo il cane si convincerà che il tavolo ha qualcosa di strano. Il consiglio da seguire è di ignorare completamente il cane quando abbaia, ringhia e gratta sulle gambe. Noi dobbiamo soltanto spostare il tavolo dove si trovava prima una volta che il cane avrà finito e che si trova in un altro luogo.

34

Il secondo consiglio da seguire è che bisogna ricordarsi che i cani possono iniziare a mordere degli oggetti di uso comune come i tessuti, le scarpe, i stipiti delle porte, i rotoli di carta igienica e altro non solamente nella fase della pubertà. Esistono due motivi sul perché i cani possono iniziare a mordere gli oggetti: il primo motivo è il fatto di fornire al cane una dieta scorretta povera di fibre, proprio nel periodo in cui i suoi denti definitivi si stanno sistemando all'interno della mascella, e per questo motivo a causa del dolore e del fastidio si provoca la voglia di masticare; il secondo motivo è la noia. In entrambi i casi bisogna evitare di sgridare o ancora peggio di picchiare il cane; infatti sgridando o picchiando il cane creerebbe in lui confusione e ansia che, invece di migliorare il suo problema, lo peggioreranno. Invece di sgridarlo o di picchiarlo bisogna dedicare qualche minuto al gioco, o portarlo a fare una passeggiata, oppure calmarlo ad esempio spazzolandolo.

Continua la lettura
44

Il terzo e ultimo consiglio da seguire è nel caso i possessori dei cani abbiano avuto da poco dei bambini. Può succedere infatti che nel giro di pochi mesi l'animale vuole rubare i giocattoli oppure i vestiti del bambino, e nei casi più gravi, aggredirlo. Con questo comportamento il cane sta semplicemente cercando di recuperare quelle attenzioni che ha perso a causa dell'arrivo del neonato. La soluzione da svolgere è quella di dare al cane l'attenzione solo quando se la merita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

10 regole per una casa a prova di cane

Il vostro nuovo proposito è quello di accogliere un nuovo arrivato ma non siete attrezzati in casa? Un cane è un ottimo compagno di vita che potrebbe facilmente tirarvi su il morale. Ma in questa guida analizzeremo in particolar modo come attrezzarvi...
Cani

Come fare se il cane se il cane non può venire in vacanza con noi

Gli animali sono certamente i migliori amici dell'uomo, ma molto spesso, quando si tratta di dover andare in vacanza e doversi spostare potrebbero rivelarsi un piccolo problema. Certamente abbandonarli in favore di una vacanza non è la soluzione ottimale,...
Cani

Come scegliere il collare elisabettiano per il cane

È frequente, passeggiando per le vie, incontrare un cane che indossa come un imbuto al collo a forma di cono aperto, che risulta così buffo da suscitare ilarità. Anche se la maggior parte dei cani non sopporta tale "strumento", esso è davvero utile...
Cani

Come comportarsi quando il cane si agita durante il temporale

Il temporale per il cane è un vero e proprio incubo. L'animali non sopporta i tuoni, li teme, ne ha paura. Alcuni studi però dimostrano che questa fobia sia più diffusa solo in alcune razze, ma certo è che i cani sono animali conosciuti per la loro...
Cani

Come mantenere l'igiene orale del vostro cane

Il cane come gli esseri umani, devono mantenere una perfetta igiene orale, in ogni fase della loro vita, per prevenire la formazione di malattie ed infezioni, che potrebbe arrecare danni irreparabili ai loro denti. Tartaro, placca, carie e alitosi sono...
Cani

Come lavare un cane di piccola taglia

Se non si prendono le dovute precauzioni, un semplice bagnetto può diventare un vero e proprio trauma per i nostri amici a quattro zampe, specialmente se sono alle loro prime esperienze. Una semplice disattenzione può far scivolare il cane nell'acqua...
Cani

Come accogliere un cane in casa

L’arrivo di un cane in casa implica cambiamenti ed organizzazione: con le giuste regole ed un po’ di pazienza, il nostro cane imparerà fin da subito ad amarci e rispettarci. Prima di adottare un cane, dobbiamo capire se siamo in grado di accudirlo:...
Cani

Come addestrare il cane al richiamo

Addestrare il proprio cane ad obbedire ai comandi è una pratica fondamentale. Non è opportuno rivolgersi a un educatore cinofilo se esso viene allevato da cucciolo. Nei primi mesi di vita gli insegnamenti importanti, quali "Seduto", "Vieni" vanno proposti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.